LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera aperta dei lavoratori della Sovrintendenza Roma Capitale

Riceviamo e pubblichiamo:

Al Sindaco di Roma Capitale On. Ignazio Marino
AllAssessore alla Cultura, creativit e promozione artistica
AllAssessore al Personale
Al Presidente della Commissione Cultura
Al Sovrintendente ad interim
Alle OO.SS. CGIL CISL UIL

Premessa

Roma la citt con la pi alta concentrazione di beni archeologici, storici, architettonici e archivistici al mondo e conserva una stratificazione di vita ininterrotta che si snoda lungo quasi tre millenni. Dal 1980 stata dichiarata dallUNESCO Patrimonio dellUmanit.
Il patrimonio artistico e monumentale di Roma Capitale conservato e gestito dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, evoluzione tecnico-amministrativa della Commissione Archeologica Comunale di Roma istituita nel 1872. Nel 1927 il Governatorato di Roma crea la X Ripartizione Antichit e Belle Arti che, divenuta nel 1967 Sovraintendenza Musei, Gallerie, Monumenti e Scavi, costituisce lodierna Sovrintendenza Capitolina.
Musei, siti archeologici, monumenti, ville e giardini storici, fontane monumentali, beni e complessi architettonici nonch arredi storici dipendono dalla Sovrintendenza Capitolina che ne cura la conservazione e la valorizzazione con personale tecnico-scientifico altamente specializzato. Archeologi, storici dellarte, architetti ed antropologi, animati da passione e competenza, operano nei musei e sul territorio con grande professionalit e piena conoscenza e consapevolezza delloggetto e dellambito su cui intervengono.
Nella ridefinizione della Macrostruttura di Roma capitale, approvata con Del. G.C. 384/2013, permangono contraddizioni, riguardanti il ruolo e le mansioni proprie della Sovrintendenza, che confermano e talora aggravano le alterazioni dei suoi compiti istituzionali gi introdotte negli ultimi anni e che si ritiene opportuno segnalare.
1. Valorizzazione del patrimonio. Ai sensi dellart. 6, comma 1, del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (Decreto Legislativo 42/2004 e s.m.i), e come recentemente ribadito dalla Commissione per le Riforme del MIBAC, la valorizzazione non uno strumento per ricavare introiti dai beni culturali, bens consiste nellesercizio delle funzioni e nella disciplina delle attivit dirette a promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e ad assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio stesso, al fine di promuovere lo sviluppo della cultura. Essa comprende anche la promozione ed il sostegno degli interventi di conservazione del patrimonio culturale. La valorizzazione, quindi, si configura come compito istituzionale della Sovrintendenza, e pertanto deve essere esercitata dal suo personale tecnico-scientifico di alta professionalit, nel pieno rispetto delle competenze e nella chiarezza dei ruoli. In questottica, dunque, non accettabile che nella nuova Macrostruttura lattribuzione dei compiti della valorizzazione sia affidata esclusivamente ad un ufficio amministrativo e non agli uffici tecnico-scientifici e territoriali che ne sono i naturali titolari.
2. Valorizzazione del Personale e delle specifiche competenze. E necessario stabilire con chiarezza ruoli e funzioni del Personale della Sovrintendenza Capitolina e valorizzare le numerose figure professionali esistenti. E inoltre necessario ripristinare la qualifica di Dirigente Beni e Attivit Culturali separandola da quelle di Dirigente Ambiente e Dirigente Zoologo accorpate impropriamente e senza logica nel profilo professionale di Dirigente Beni Culturali e Ambientali dalla Del. G.C. 194/2011. Il Dirigente Beni e Attivit Culturali ha, infatti, competenze e professionalit specifiche che richiedono un altrettanto specifico percorso formativo nellambito della conoscenza, conservazione, gestione e valorizzazione dei Beni Culturali. Conseguenza diretta di tale confusione di ruoli stata la recente assegnazione alla Sovrintendenza Capitolina di due nuovi Dirigenti, luno Ingegnere Civile laltro Agronomo, che
2
hanno quindi competenze del tutto diverse da quanto richiesto dalla mission di una Sovrintendenza ai Beni Culturali.
Si sottolinea il fatto che, attualmente, la Sovrintendenza Capitolina dispone di un solo Dirigente con titoli e formazione da archeologo e di un solo Dirigente con titoli e formazione da storico dellarte. Altro profilo quello dei Dirigenti Tecnici in ruolo alla Sovrintendenza che mettono a frutto le loro competenze nella progettazione e nel restauro del patrimonio architettonico.
3. Rapporti con la Societ Ztema. La Societ Ztema, nata per lerogazione di servizi al pubblico nellambito dei Musei comunali, si trasformata nel tempo in un organismo operativo con grande autonomia decisionale, che pu contare su ingenti finanziamenti e che svuota la Sovrintendenza sia delle risorse economiche che delle competenze istituzionali. Si infatti progressivamente scelto, da parte di tutte le Amministrazioni che si sono succedute dal 2000 in poi, di delegare a Ztema sempre pi funzioni nel campo delle attivit legate alla manutenzione, conservazione, valorizzazione e gestione dei beni culturali di Roma Capitale, sottraendole al controllo diretto della Sovrintendenza e senza lobbligo di conformare tutte le relative procedure alle regole previste dalle norme sui contratti pubblici. In questo modo vengono meno i fondamentali principi di trasparenza ed economicit che devono informare lattivit della Pubblica Amministrazione.
4. Musei e Monumenti. E necessario quindi riaffermare la centralit del ruolo della Sovrintendenza in merito alla valorizzazione e alla promozione del circuito museale e monumentale di Roma Capitale, con il duplice obiettivo di avvicinare i Musei e i Monumenti alla cittadinanza e a un pubblico pi vasto e di aumentarne i potenziali fruitori, riaffermando la funzione di promozione culturale ed educativa delle istituzioni museali. In parallelo necessario ripensare radicalmente il Sistema Musei Civici, sia riguardo le tariffe sia riguardo gli orari, nellottica di una promozione complessiva che elimini lanacronistica divisione tra musei maggiori e musei minori, fondata unicamente su criteri di redditivit e non su valori culturali.
5. M.A.C.Ro. Lattenzione mediatica prodotta dalle vicende del Museo richiede un rapido superamento dellattuale situazione di stallo: necessario mantenere lautonomia della struttura sia dal punto di vista economico che gestionale, procedere alla nomina in tempi brevi di un Direttore a pieno titolo con competenze comprovate nel settore e riaffermare il ruolo centrale del M.A.C.Ro come museo, aperto tuttavia, come da tempo gi avviene, a contaminazioni con le diverse forme di espressione e produzione artistica contemporanea.
6. La Macrostruttura. Il nuovo assetto della Macrostruttura non modifica in maniera sostanziale la precedente organizzazione. Leliminazione della U.O. Intersettoriale, le cui vaste competenze frutto del tentativo operato dalla precedente Amministrazione di accentrare funzioni e competenze al di fuori delle direzioni di area e che attualmente risulta essere priva di dirigente e alle dirette dipendenze del Sovrintendente non sono ancora state ridistribuite in maniera razionale allinterno della nuova struttura, mantenendo cos confusioni di ruoli e mansioni. Compaiono evidenti duplicazioni di ruoli (come ad esempio una U.O. per il Museo Civico di Zoologia ed una U.O. per i Musei Scientifici), disparit tra le funzioni dei dirigenti (chi dirige 3 unit di personale e chi 90 unit con un evidente sovraccarico di lavoro). Nella definizione delle Direzioni sono presenti confusioni tra competenze tecniche e competenze amministrative, mentre risulta quanto mai importante una chiarezza assoluta dei ruoli, pur complementari, per una azione corretta ed efficace.
7. Il Sovrintendente. Dal giugno del 2013 la carica di Sovrintendente stata assegnata ad interim ad un Dirigente interno della Sovrintendenza; successivamente linterim stato confermato fino al mese di aprile 2014. La Sovrintendenza ha bisogno di una seria programmazione degli interventi e di una scelta consapevole delle direttrici sulle quali operare: un incarico provvisorio non consente ladozione di scelte strategiche e di ampio respiro per i Beni
3
Culturali romani. Il bando per la scelta del nuovo Sovrintendente, annunciato alla stampa allinizio di novembre, non stato ancora pubblicato prolungando la situazione di stallo. necessario che il nuovo Sovrintendente venga scelto in tempi rapidi e sulla base di un curriculum che attesti competenze scientifiche e gestionali nei diversi settori di attivit della Sovrintendenza.
Pertanto i lavoratori della Sovrintendenza ai Beni Culturali chiedono:
1. Attribuzione di mansioni nel rispetto delle qualifiche professionali e organizzazione della Macrostruttura sulla base delle competenze e delle reali funzioni della Sovrintendenza;
2. Ripristino del profilo professionale di Dirigente Beni e Attivit Culturali riservato a figure in possesso di titoli di studio ed esperienze professionali attinenti le mansioni di conservazione, valorizzazione e promozione del patrimonio;
3. Immissione nei ruoli della Sovrintendenza di personale con la qualifica di Dirigente Beni e Attivit Culturali e formazione adeguata, preferibilmente mediante scorrimento delle vecchie graduatorie o attraverso lindizione di nuovi concorsi, in modo da disporre di personale in grado di adempiere con competenza alle complesse funzioni assegnate;
4. Chiarezza di ruolo della Societ Zetema, quale appaltatrice di servizi, riportando ogni funzione decisionale e di programmazione in capo a Roma Capitale;
5. Ridefinizione dei ruoli dei musei e individuazione di forme di promozione e valorizzazione dei musei cosiddetti minori;
6. Chiarezza sulla governance del MACRO;
7. Nomina in tempi brevi di un Sovrintendente con formazione ed esperienze adeguate al complesso e strategico ruolo che dovr ricoprire.

1 allegato di 6 fogli contenente le firme dei lavoratori della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali [omissis]



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news