LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Settis: Troppi musei concentriamo le opere
17 gennaio 2014 1 sez. PALERMO

MEGLIO avere mille piccoli musei o cento grandi musei? A porre la questione uno dei maggiori esperti nel campo dei beni culturali in Italia, l'archeologoe storico dell'arte Salvatore Settis.

In Sicilia, come anche nel resto della nazione - spiega Settis - ci sono troppi musei. E se oggi si parla di crisi, o peggio ancora di "morte" delle istituzioni museali, forse arrivato il momento di avviare una seria riflessione intorno a questo argomento. La quantit a mio avviso non giova.

Anzi si potrebbe pensare che la causa stessa del declino dei musei. Quello rappresentato dalla gestione e valorizzazione del patrimonio culturale un vero nodo gordiano. Il rientro e il ricollocamento del Giovinetto di Mozia nella sede del museo Whitaker l'occasione per focalizzare alcuni temi essenziali: la frammentazione del patrimonio, la querelle sui prestiti, l'inesistenza di mezzi di trasporto efficienti, la mancanza di un progetto concreto di promozione culturale e turistica. Se la Dea di Morgantina in America stata visitata da 800900 mila persone l'anno e poi non appena rientrata in Italia finita in un cono d'ombra, non possiamo rimanere indifferenti.

Bisogna invece avviare una riflessione seria e chiedersi: cosa necessario fare, lasciarla al museo di Aidone solo perch stata trovata l? Mettiamo che la Venere fosse stata scoperta nel 1920 o nel 1950, sarebbe andata direttamente al museo archeologico di Siracusa. A mio avviso - continua Settis - non si pu chiedere a un turista di rimanere sei mesi in Sicilia per vedere ciascuna delle opere dislocate in ogni citt o piccolo centro. Oggi il turismo non pi strutturato sulla base di lunghe permanenze. Si soggiorna una settimana, se non addirittura un solo fine settimana. Allora, ripeto, avere tanti musei la giusta soluzione? Dati alla mano, la risposta alla domanda del professore Settis no. Nel solo capoluogo siciliano la flessione di presenze turistiche calata nel 2012 dell'11,67 per cento. E nell'intera isola gli incassi derivati dalla vendita dei biglietti per musei e aree archeologiche diminuita del 6,30 per cento. Secondo Federculture l'intero Sud Italia considerata meta turistica per 7,2 milioni di stranieri, seicentomila meno della sola Toscana. Cifre per niente positive.

Avrebbe allora senso costituire un grande museo regionale che s'ispiri al "modello Louvre" in cui convogliare tutti i reperti pi importanti? La Sicilia la regione pi grande d'Italia, forse fare un museo di questo tipo non ha molto senso, soprattutto se si pensa che possa rimanere chiuso per anni, come nel caso del Salinas. Una prima considerazione necessaria da fare che oggi si perso il senso primario dell'istituzione museale. Se esso non svolge l'esercizio per cui stato creato, perde identit. Un museo uno spazio della comunit che acquista importanza dalle opere che custodisce e che riesce a creare fra esse un dialogo armonico e significativo. Avere istituzioni con due oggetti contrario allo spirito stesso del museo e ne comporta la morte. Con questo vorrei anche ribadire il concetto che l'opera d'arte un bene che appartiene a tutti, come del resto sancito dalla Costituzione.

La concezione delle opere come oggetti privati o come soprammobili di casa - conclude Settis - barbarica. I monumenti, il paesaggio, i reperti appartengono a noi tutti. Anche per questo non sempre sono d'accordo con la logica dei prestiti.

Ieri sono tornato a visitare il museo di Messina e sono stato felice di vedere entrambe le tele del Caravaggio: l'Adorazione dei Pastori e La resurrezione di Lazzaro. Se il Satiro, o la Dea, o l'Auriga vengono date in prestito, ci deve avvenire solo a condizioni eccezionali, quando la mostra ha un contenuto tale da accrescere le nostre conoscenze, il nostro prestigio, altrimenti non ha senso. Va bene creare liste con beni che non si daranno mai in prestito, ma l'importante rispettare i criteri che ci si imposti. Ma se a regolare i prestiti il denaro, allora siamo fuori strada.

VALERIA FERRANTE



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news