LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Taranto. Gli edifici restaurati nel mirino dei vandali. Denuncia alla Procura
Gino Martina
Corriere del Mezzogiorno - Bari 28/2/2014

Taranto, i beni comunali senza custodia

TARANTO Taranto come Palermo. lungo l'elenco del patrimonio storico, artistico e architettonico abbandonato e danneggiato nella disatrata citt vecchia di Taranto. Gli ultimi esempi riguardano i restaurati palazzi Amati e Delli Ponti, recuperati, lasciati incustoditi, saccheggiati e danneggiati. A questi si aggiungono gli atti vandalici all'ipogeo San Martino e quelli allo splendido palazzo Carducci. Soldi spesi e non salvaguardati, assieme al patrimonio di pregio. Per questo le associazioni Nobilissima Taranto e Taranto futura hanno deciso di dire basta e chiamare in causa prefetto e procura, per capire di chi siano le responsabilit della mancata custodia dei beni preziosi. E lo hanno fatto convocando una conferenza stampa nel centro sportivo Magna Grecia.
Palazzo Amati, in vico Vigilante con affaccio su mar Grande, uno degli edifici di maggior pregio del borgo antico. Costruito nel Settecento, restaurato negli ultimi anni, di propriet comunale, anche se ha ospitato per anni il corso di Scienze della Maricoltura. Dopo la chiusura del corso di laurea rimasto inutilizzato per oltre un anno. In parte delle sue trentasette stanze era stato allestito il museo del mare, grazie a una una collezione fatta di teche, reperti e una antica barca da pesca donata dall'ex responsabile della facolt, Cosimo Sebastio. L'edifico, non custodito, stato violato da tempo. Al suo interno sono stati rubati cavi e impianti elettrici, distrutte delle teche museali e danneggiata parte della collezione, tra cui l'imbarcazione in legno.
Destino simile per il settecentesco palazzo Delli Ponti, sempre di propriet comunale e lasciato in concessione all'Universit di Bari. stato completamente restaurato, ma non utilizzato. Al suo interno sono presenti delle pareti affrescate e ipogei di epoca magnogreca (del V secolo a.C.) e paleocristiana. La settimana scorsa alcuni individui si sono introdotti e hanno rubato attrezzature e impianti. La porta attraverso la quale i vandali si sono introdotti, rimasta aperta per diversi giorni, lasciando l'immobile alla merc di chiunque.
Nonostante la denuncia dei giorni scorsi - scrivono le due associazioni presiedute da Carmine De Gregorio e dall'avvocato Nicola Russo - la porta che immette nei locali di palazzo Delli Ponti, da largo Gennarini ancora aperta. Le scorribande vandaliche, e le immagini che proponiamo lo dimostrano, sono pi che eloquenti rappresentando danni per diverse migliaia di euro e possono continuare ad andare avanti senza soluzione di continuit. Le due associazioni ricordano che in passato ci sono state vicende analoghe per i palazzi Carducci (ancora occupato abusivamente, in attesa di ristrutturazione con un finanziamento approvato dalla Regione di 2 milioni e 689 mila euro) e palazzo D'Ayala. Gli edifici non sono utilizzati e non sono custoditi. Vogliamo capire di chi siano le responsabilit - spiega De Gregorio - e per questo scriviamo al prefetto e alla Procura, per denunciare la violazione del patrimonio storico della citt. Siamo davvero stufi. ora di dire basta, la storia e i cittadini meritano rispetto.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news