LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Restauro Arsenale, frenata sul project
Lillo Aldegheri
Corriere del Veneto - Verona 28/2/2014

Dubbi della giunta sulle modifiche richieste da Rizzani De Eccher e Contec

VERONA Colpo di freno sull'Arsenale. Una decina di giorni fa, il progetto di ristrutturazione e riuso del grande complesso asburgico, presentato dalle imprese Contec e Rizzani De Eccher stato rimodulato. Palazzo Barbieri sta riflettendo se le modifiche siano accettabili oppure no. E in questo secondo caso, ovviamente, tutto il project financing, al centro da mesi di furibonde polemiche, potrebbe finire nel cestino. La notizia stata data ieri pomeriggio dal vicesindaco e assessore all'Urbanistica, Stefano Casali, nel corso della riunione della commissione consigliare sui Lavori Pubblici, presieduta da Francesco Spangaro.
In pratica, quasi in contemporanea con la presentazione pubblica del progetto, avvenuta la settimana scorsa nella sede di Confindustria Verona, le due imprese (la veronese Contec e la friulana Rizzani De Eccher) avevano comunicato al Comune che avrebbero cambiato alcune condizioni dell'accordo. Una delle modifiche era stata peraltro annunciata anche in Confindustria e riguardava, come avevamo scritto, l'avvio dei lavoro a stralci, e non pi avviando l'intera ristrutturazione, come previsto fino ad allora. Altre modifiche riguarderebbero poi diversi dettagli tecnici e cantieristici. A Palazzo Barbieri, da quanto dato capire, non hanno fatto salti di gioia. E hanno spedito tutte le novit sia all'Agec (che il Responsabile Unico del Progetto, per la parte esecutiva), sia a Class, l'agenzia specializzata che stata incaricata di valutare se il Piano economico e finanziario dell'opera sia congruo o meno, chiedendo se le modifiche possano essere accolte o meno. Da entrambi, le risposte dovrebbero arrivare entro un paio di settimane. Ma ovvio che questo apre un punto interrogativo grande come una casa sulla effettiva realizzazione di quanto finora veniva dato per assodato. Tra i punti di domanda, uno riguarderebbe tra l'altro l'utilizzo dei 12 milioni di finanziamento comunale previsti: se le imprese intendessero cominciare i lavori usando proprio quelli (in attesa magari di ricevere il necessario sostegno bancario) il Comune avrebbe probabilmente pi di qualcosa su cui eccepire. Ma questo si vedr solo tra una quindicina di giorni. Ieri, intanto, lo stesso vicesindaco Casali ha spiegato, senza mezzi termini, che i pareri di Agec e Class potranno essere positivi o negativi, e cos sar per il parere conseguente della giunta. E a quel punto - ha aggiunto il vicesindaco - ne discuteremo tutti insieme in commissione, e tutte le carte e i documenti relativi saranno messi a disposizione di tutti i consiglieri che ne faranno richiesta.
Reazioni favorevoli dalle minoranze. Michele Bertucco (Pd) definiva positivo il cambio di rotta dell'amministrazione, e Gianni Benciolini (M5S) chiedeva di puntare adesso pi che su di un progetto, su di un percorso di coinvolgimento dell'intera citt. Proprio nella riunione di commissione, era stato presentata una mozione (su cui tutte le forze politiche si sono dette favorevole, e che sar quindi sicuramente approvata nella prossima seduta) che impegna la giunta a sottoporre preventivamente alla Commissione consiliare, per un proprio parere vincolante, ogni atto e provvedimento relativo alla destinazione d'uso delle parti dell'ex Arsenale in disponibilit dell'Amministrazione.
Insomma, a decidere non sar la sola giunta. Le minoranze hanno chiesto che la procedura debba valere anche per la parte di Arsenale destinata ai privati. Ma su questo non si andati oltre. Ricordiamo che il progetto presentato in Confindustria da Contec e Rizani De Eccher prevede, nella parte affidata ai privati, la creazione di una cittadella del gusto per la quale ci sono contatti con il Gambero Rosso (e su questo tema previsto anche un incontro, a breve, tra i promotori e i vertici della Camera di Commercio). Previsto poi un centro di formazione nel settore della moda. Non sar un progetto invasivo - aveva assicurato il professor Christian Campanella, del Politecnico di Milano - ma un lavoro per inserire il complesso nel cuore cittadino, che l'ha sempre tenuto ai margini. Marco De Eccher aveva aggiunto che la parte pubblica, il 45 per cento del totale, comprender un grande parco, con aree e percorsi verdi ed un aumento notevole delle alberature. La palazzina comando avr funzioni espositive e museali. La corte est ospiter funzioni per il sociale: scuola per l'infanzia, spazi per eventi culturali, per i giovani e per il volontariato e per il distaccamento dei Vigili Urbani. Le possibilit di occupazione previste si aggirano sui 500 posti di lavoro, con 800-1000 persone occupate durante i lavori.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news