LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veronese a Londra
Camilla Bertoni
Corriere del Veneto - Verona 28/2/2014

Il Martirio di San Giorgio fa da star alla National Gallery

Un accordo tra galantuomini, il frutto di un capolavoro di politica diplomatica internazionale. quello che la National Gallery di Londra e il Museo di Castelvecchio hanno stretto in nome di Paolo Caliari detto il Veronese, dove invece di fare a gara tra chi arriva prima, i due musei hanno aperto una stagione di fertile collaborazione.
Testimone e protagonista di questo accordo la grande pala d'altare con il Martirio di San Giorgio che da quattro mesi ha lasciato la sua sede abituale, la chiesa di San Giorgio in Braida a Verona, per essere indagata e restaurata, a cura della Soprintendenza ai Beni Artistici in collaborazione con l'Universit di Verona e il Cnr di Firenze. La stessa pala che tra pochi giorni partir alla volta di Londra dove il 19 marzo si aprir la mostra Veronese: Magnificence in Renaissance Venice. E da l il 15 giugno il magnifico dipinto far ritorno a Verona, dove continuer a essere la star di un'altra mostra, sempre dedicata a Veronese. Quella che si aprir alla Gran Guardia il 5 luglio, mostra che con quella londinese condivider circa venticinque opere, e che, rispetto a quella, si differenzia per una cospicua componente di disegni che faranno entrare i visitatori nel vivo del concepimento delle opere nella bottega del maestro. solo in virt di questo prezioso prestito di un'opera che si ritiene fondamentale nella carriera artistica di Veronese che nella nostra citt e anche attraverso questo dipinto della maturit ha preso avvio e si affermata, che la National Gallery prester a Verona opere che quel museo non hanno mai lasciato, come le Quattro allegorie dell'amore.
Un dietro le quinte affascinante raccontato da Ettore Napione, conservatore delle raccolte del Museo di Castelvecchio, e da Ilaria Turri che della mostra riveste la segreteria organizzativa (Paola Marini, co-curatrice della mostra insieme a Bernard Aikema, era assente sempre per motivi legati all'organizzazione). Una mostra su cui il Comune sta investendo molto, come ha spiegato la consigliera Antonia Pavesi ieri sera alla presentazione del restauro del dipinto, e dietro alla quale sta la sinergia con la Soprintendenza ai Beni Artistici diretta da Saverio Urciuoli. Grazie alle indagini attuate con sistemi diagnostici non invasivi del laboratorio Laniac dell'Universit di Verona, il dipinto ora non ha pi misteri: gli strumenti, come ha raccontato Paola Artoni, hanno rivelato la natura di ogni singolo pigmento, se fatto di terre o di minerali, cos come la stratificazione nel concepimento di ogni immagine, pentimenti compresi. Una serie di importanti dati in pi per conoscere la natura del genio artistico di Veronese, nella sua duplice componente di creativit e sapienza tecnica, e per imparare a conservare al meglio l'opera. Opera che gi a ridosso della seconda guerra mondiale era stata restaurata in maniera non altrettanto rispettosa nella parte superiore. Ma l'importanza di questa tela, dipinta ipoteticamente nel 1564, non sta solo nella sua stupenda luminosit, nella brillantezza dei colori e nell'ardimento della composizione, con quell'angioletto che si tuffa a testa in gi sul santo per consegnargli la palma del martirio, proprio nel momento in cui il santo avrebbe ancora la possibilit di salvare la pelle, confessando un altro credo. Proprio qui, come ha raccontato Saverio Urciuoli, sta la chiave dell'importanza del dipinto, che non a caso a Londra avr una posizione strategica, all'inizio del percorso espositivo: Un dipinto che soprattutto un chiaro manifesto politico in difesa del cattolicesimo contro il dilagare del protestantesimo. Si svelano cos le scelte iconografiche dell'autore, che mette la triade delle virt cardinali, decretate come fondamentali al Concilio di Trento, fede, speranza e carit, al cospetto della Madonna come testimoni del martirio. Il tutto mentre San Giorgio afferma la forza del libero arbitrio.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news