LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Parco dello Stelvio diviso in tre parti
Toni Visentini
Corriere dell'Alto Adige 28/2/2014

Parco dello Stelvio: stando a quanto riportato sul vostro giornale a pagina 4 di mercoled scorso, la Commissione dei Dodici sarebbe intenzionata a dividerlo in tre parti, secondo le aree ricadenti nelle province di Bolzano e Trento e della Regione Lombardia.
Pochi forse ricordano che un analogo tentativo risale a parecchi decenni or sono; fu messo in atto dall'allora assessore provinciale della Svp alla tutela del paesaggio, Alfons Benedikter. Alla base del tentativo di dividere in tre il parco, Benedikter avanzava in via ufficiale la motivazione che si trattava di un parco fascista e che quindi andava cancellato. In realt Benedikter lo voleva smembrare per ben altri motivi: accontentare il folto gruppo dei cacciatori sudtirolesi, in particolar della Val Venosta, i quali volevano mano libera per abbattere cervi, caprioli e selvaggina varia che popolavano il parco e che lo popolano ancora oggi; in secondo luogo accaparrarsi i voti dei contadini della zona, a loro volta insofferenti delle restrizioni imposte dall'amministrazione del parco; in terzo luogo lasciare mani libere al potente sindacato dei lavoratori germanici che voleva fare di Solda una stazione sciistica sul tipo di Cervinia, con annessi grattacieli e funivie con caroselli vari.
Ora, dunque, per motivazioni ignote, si starebbe mettendo in atto un analogo disegno di smembrare il parco, il che vorrebbe dire distruggerlo per una lunga serie di motivi. Quel che impressiona il silenzio che circonda i disegni e le decisioni della Commissione dei Dodici, silenzio rotto solo dal coraggioso intervento della consigliera trentina Franca Penasa. In particolare, i componenti altoatesini di lingua italiana e tedesca sono d'accordo di distruggere il parco? E se lo sono, per quali interessi personali o di partito?
Giovanni Perez, BOLZANO
Caro Perez,
giriamo volentieri la sua domanda ai componenti altoatesini della commissione, anche se immagino che quelli di lingua tedesca siano d'accordo con l'impostazione della Svp da lei ricordata. La domanda andrebbe cos posta soprattutto a quelli di lingua italiana.
S, la vicenda del Parco dello Stelvio ha radici antiche e le motivazioni che lei ricorda. I passaggi storici della vicenda sono stati diversi prima di arrivare a quelli attuali. Ci fu, qualche anno fa, anche un intervento del presidente della Repubblica che in qualche modo blocc le intese Stato-Provincia spingendo verso un ripensamento. Ora siamo arrivati probabilmente al dunque, anche perch, come lei sa, la Svp non molla mai.
Alla base delle motivazioni Svp, oltre a quanto lei scrive, si aggiunge per anche quella di volere un parco gestito in convivenza civile con un territorio che nel fondovalle decisamente antropizzato. Il tutto con la convinzione di saper gestire al meglio quel territorio. Nella logica dell'autonomia totale, a cui si piegano anche gli interessi di un parco naturale formalmente nazionale, stanno per arrivare pure le norme sullo Stelvio. Comunque sia, pare che a questo punto ci sia un'intesa con costi economici che coinvolge non solo la Provincia di Bolzano ma pure il Trentino e soprattutto la Lombardia. Sembra, insomma, che siano contenti tutti, anche se comunque non mi meraviglierei qualora, come accaduto in passato, all'ultimo momento saltassero fuori i protezionisti protestando.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news