LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Governare il Territorio
Carlo Daldoss*
Corriere del Trentino 1/3/2014

* Carlo Daldoss, assessore provinciale alla coesione territoriale, urbanistica, enti locali e edilizia abitativa

Egregio direttore,
colgo l'occasione del dibattito aperto sulla semplificazione urbanistica per fornire un contributo.
Un contributo che cerca di offrire una corretta informazione rispetto agli obiettivi della giunta provinciale e agli approfondimenti in corso.
La valorizzazione della pianificazione e della gestione territoriale finalizzata a favorire una progressiva integrazione delle politiche di tutela dell'ambiente e del paesaggio con quelle di sviluppo socio-economico stata posta tra gli obiettivi della legislatura. Ed questo un obiettivo che si lega necessariamente al ripensamento e alla riorganizzazione delle procedure urbanistiche, per assicurare tempi certi e fattibilit delle previsioni ammesse, nonch a una maggiore responsabilizzazione di amministratori, professionisti e funzionari pubblici. Il lavoro che stiamo prospettando investe la legge urbanistica nel complesso, per verificarne l'efficacia; siamo peraltro ben coscienti che il quadro normativo recente, stato recentemente riformato e che, comunque, ogni miglioramento va visto alla luce delle rapide dinamiche di cambiamento socio-economico, le quali richiedono flessibilit e rapidit di risposta.
Non si tratta, quindi, solo di ridurre o semplificare le procedure ma, ribadisco, di accrescere la responsabilit ai diversi livelli decisionali, nella consapevolezza della necessit di perseguire un progetto comune di governo del territorio. stato perci attivato un tavolo di confronto con il Consorzio dei Comuni, gli Ordini e i collegi professionali, le associazioni economiche di categoria del settore edile per raccogliere osservazioni e istanze al fine di discutere le proposte di miglioramento e innovazione che la struttura provinciale sta elaborando.
Da subito, al fine di assicurare risposte efficaci e tempestive rispetto all'attuale situazione congiunturale, si sta lavorando per il disegno di legge finanziaria su due livelli di ragionamento, accelerando, da una parte, le procedure per l'approvazione dei piani territoriali finalizzati a definire il quadro strutturale e strategico della pianificazione come base dello sviluppo territoriale e, dall'altra, puntando sulla semplificazione delle procedure per l'approvazione dei piani regolatori che devono configurarsi, anche nell'iter, come strumenti operativi per dare attuazione alle scelte di trasformazione del territorio.
Il lavoro che stiamo definendo riduce e semplifica il procedimento per l'approvazione dei piani territoriali, coscienti che al di l di ogni considerazione sulla governance dei territori il piano alla scala sovralocale costituisce il quadro di riferimento sia per ragionare sia per programmare servizi e infrastrutture comuni.
A livello locale, invece, il piano regolatore si muove effettivamente come strumento operativo e flessibile. Per questo proponiamo, in particolare, di rivederne le modalit di approvazione, puntando su alcune innovazioni sostanziali: la certezza dei tempi del procedimento, perentori a pena dell'inefficacia dell'intera procedura; la riduzione delle diverse fasi, con l'eliminazione della terza adozione, prevedendo invece una fase iniziale di raccolta di osservazioni e proposte da approfondire nella prima adozione del piano; la capacit di operare una sintesi per quanto attiene la valutazione di competenza della Provincia, che si confronter con il Comune in un'apposita conferenza di servizi e dovr ponderare tutte le osservazioni in un parere unitario.
Per assicurare risultati effettivi, tutto ci richiede, come gi evidenziato, una maggiore responsabilizzazione ai diversi livelli (Comune, professionisti incaricati, funzionari pubblici). Basti pensare che, se l'introduzione della terza adozione nella legislazione vigente ha dato maggiori certezze rispetto alla possibilit di presentare osservazioni da parte dei cittadini e quindi ridurre il contenzioso giuridico-amministrativo, la riduzione delle fasi di adozione richiede la consapevolezza da parte degli amministratori che il piano va attentamente ponderato nelle fasi iniziali ecco perch viene introdotta una fase di deposito preliminare all'adozione del piano per poi procedere celermente alla sua adozione definitiva. O ancora, significativo evidenziare che la perentoriet dei termini richiede l'impegno di tutti a rispettarli, dando effettivamente risposte alle istanze territoriali.
L'introduzione di una disciplina strutturale per l'incentivazione degli interventi di riqualificazione urbana e architettonica l'altro tema che si propone per l'inserimento nel disegno di legge finanziaria anche con scopi anticongiunturali. Rispetto alle disposizioni introdotte in via transitoria nel 2010, per rispondere al fabbisogno abitativo attraverso la riqualificazione edilizia, si vuole ora affrontare a regime il tema della riqualificazione e delle rigenerazione degli insediamenti esistenti, semplificando decisamente la procedura ed estendendo la possibilit di intervento anche agli edifici o alle aree dismesse per promuovere piani di recupero.
La temporizzazione delle previsioni per favorire l'attuazione del piano, la modifica del Prg attraverso la pianificazione attuativa, gli accordi pubblico-privati per promuovere interventi che concorrano anche alla realizzazione di opere pubbliche sono tutti elementi gi contenuti nella legge vigente che, attraverso le modifiche ora proposte, possono trovare ulteriore rapida applicazione.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news