LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Friuli Venezia Giulia. Soprintendenze regionali declassate. Sparito il direttore generale
Il Piccolo 5/3/2014

Cancellata la prima ipotesi di accorpamento col Veneto, la bozza di riforma assegna a Trieste e al Fvg un funzionario senza poteri. Ora gli emendamenti

A Pompei cadono i muri e in Friuli Venezia Giulia cade una testa, quella del direttore generale dei Beni culturali. La seconda bozza di riforma del Mibact, il Ministero dei beni culturali che adesso aggrega in s, con quella t aggiunta per decreto nel 2013, anche il turismo, declassa la sede di Trieste in esatta coincidenza con il pensionamento di Giangiacomo Martines, il cui ruolo segnalato come in assegnazione.

Ma se la bozza di riforma rimane com, al posto di Martines non arriver pi un direttore regionale con le piene funzioni di delega ministeriale, con potere di porre vincoli sui beni da tutelare, con potest di agire sul personale delle Soprintendenze, degli archivi, dei musei e delle biblioteche statali. Arriver un funzionario di seconda fascia, un pari livello dei tre soprintendenti, con poteri esclusivamente di coordinamento. Tutte le funzioni attive in tema di tutela tornano nelle mani delle Direzioni del Ministero, a Roma.

Dunque mentre la classe politica locale da tempo preme in verso contrario, per ottenere una regionalizzazione delle Soprintendenze, in specie per i temi architettonici e del paesaggio (ma la tentazione era venuta anche per Parco e Castello di Miramare al tempo della grande crisi di manutenzione), e mentre sale al governo il giovane Renzi che vuole tutto sburocratizzare e di cui la governatrice del Fvg Debora Serracchiani uno dei bracci destri, ecco che le cose si mettono ad andare in senso esattamente contrario. N valgono un chicco di riso la decantata specialit regionale o i presunti piccoli federalismi. Per avere vincolato un bene bisogner spedire una raccomandata al Ministero, una prassi che fa tornare indietro di decenni rispetto alle successive riforme.

La bozza di regolamento che accorpa direzioni generali e incide fortemente sugli organici del Ministero prevedendo consistenti risparmi, salvo emendamenti dellultimo minuto, avrebbe portato da 17 a 12 le direzioni regionali. Il testo preparato dal ministro della Cultura Massimo Bray e ora sul tavolo del nuovo ministro Enrico Franceschini, agli articoli 7 e 8 spiega che cosa potrebbe accadere: Le direzioni regionali della Basilicata, del Friuli Venezia Giulia, delle Marche, del Molise e dellUmbria sono uffici dirigenziali di livello non generale. Questi direttori esercitano esclusivamente i poteri di coordinamento. I poteri di direzione, di indirizzo, di controllo (...) sono esercitati dal direttore centrale competente per materia.

Ma sembra che il testo sia stato emendato e che lo stesso destino sia stato allargato anche ad altre regioni. In tutti i casi il Fvg era gi di secondo livello, meno pagato, quindi poco appetibile per questi funzionari, in ragione di numero di Comuni, superficie territoriale, popolazione residente, numero di uffici periferici presenti nella regione, entit numeriche dei beni e delle aree tutelate e dei relativi provvedimenti di tutela. In sintesi, una regione piccola. Un terremoto politico aveva suscitato la prima bozza di riforma, che conteneva lidea di aggregare le Direzioni Mibact delle regioni piccole ad altre contermini pi grandi, quindi il Fvg sarebbe finito sotto il Veneto. A nessuno piace perdere lalta posizione mentre altri la conservano e soprattutto la propria autonomia protestarono i governatori. Come risultato sparita laggregazione ma arrivato il declassamento totale.

Con questa operazione il Ministero ha prodotto una riduzione del 20% di personale negli uffici e del 10% della relativa spesa. Il totale dei dipendenti del Ministero diventa di 19.050.

I dirigenti di prima fascia passano da 29 a 23, quelli di seconda da 194 a 167, il personale non dirigenziale dei Beni culturali scende in totale di 2.285 unit e comporta una riduzione di spesa per 67,6 milioni di euro.

E le regioni declassate? Col progetto di declassare anche solo alcune direzioni regionali in Italia, il Ministero aveva calcolato di poter raggiungere un risparmio di 2,8 milioni.



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news