LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Quattro restauratori e 11 archeologi. Ecco il personale per salvare il sito
Angelo Lomonaco
Corriere del Mezzogiorno 5/3/2014

NAPOLI Avvio di tutte le procedure necessarie a effettuare gli interventi di somma urgenza per ripristinare i muri crollati e intervenire su quelli a immediato pericolo; utilizzo di 2 milioni sui fondi ordinari della Soprintendenza speciale di Pompei, Ercolano e Stabia per interventi di manutenzione ordinaria. Ecco, queste sono le prime due decisioni prese nel vertice di ieri mattina convocato dal ministro Franceschini con il soprintendente Osanna, il direttore delle antichit Malnati, il direttore generale e il vicedirettore del Grande Progetto Pompei, Nistri e Magani, il direttore regionale per i Beni culturali della Campania Angelini e alcuni dirigenti del ministero. stata poi decisa l'accelerazione di una serie di procedure, autorizzazioni e convenzioni gi previste per rendere effettivo il Grande Progetto Pompei. Ma ora che il summit romano ha stabilito l'ovvio, cio di fare la manutenzione ordinaria e di riparare i muri crollati, si torna al problema centrale: il personale addetto a svolgere queste funzioni (e non solo queste).
Per la manutenzione dice il segretario provinciale della Cgil Funzione pubblica Gaetano Placido la Soprintendenza dispone di 5 operai. Gli archeologi oggi sono 11 e gli architetti 9, dei quali 17 assunti due anni fa sulla base della graduatoria del concorso del 2008, e provenienti dal Centro-Nord perch allora in Campania neppure un posto fu previsto. I restauratori sono 4, e operano su oggetti non sugli affreschi. I custodi 130. Sembrano molti ma non cos perch operano su tre turni (mattina, pomeriggio e notte), 25-26 a turno per un'area di 44 ettari. Un mese fa l'ultima assunzione: 4 custodi. Dieci anni fa, prima del blocco del turn over, i custodi a Pompei erano 220. Questi i numeri, che rendono improbabile un intervento radicale. E non si possono neppure confrontare con la pianta organica, che era in via di definizione prima della nuova svolta. I sindacati stavano ragionando con la Direzione regionale sulla Soprintendenza unificata quando Pompei stata nuovamente scorporata da Napoli. Cambiano continuamente i ministri e si succedono riforme e controriforme. Questo diventato un problema serio, commenta Placido. Ancora pi preoccupante, tornando ai numeri, che in Campania negli ultimi anni i Beni culturali abbiano perso 1.000-1.200 posti per i pensionamenti. E che, su base nazionale, l'organico stia scendendo complessivamente da 23 mila a 19 mila unit. Non a caso, luned, all'indomani dei primi due crolli dei giorni scorsi, Susanna Camusso ha detto: Pompei cade a pezzi: sarebbe tanto strano istituire una specie di servizio civile per quei restauri? Sarebbe molto utile utilizzare i ragazzi per difendere il nostro patrimonio artistico, ha aggiunto la segretaria nazionale della Cgil in un'intervista a la Repubblica. Sarebbe opportuno e ragionevole aggiunge il segretario della Cgil campana Franco Tavella perch una delle grandi ricchezze nazionali e regionali, forse la pi importante, rischia di sbriciolarsi e perch cos si affronterebbe l'altro grande problema costituito dalla disoccupazione giovanile. Il Grande Progetto prevede almeno 39 restauri, invece un cantiere stato chiuso e solo 4 sono operativi ma con pochissimi lavoratori, anche per il problema gravissimo dei ribassi sulle basi d'asta. Dal 2011 si parla di centinaia di assunzioni a Pompei, ma realt virtuale. Con il Grande Progetto poco cambiato. Al momento dice Placido ci risultano solo 17 assunzioni di tecnici e amministrativi. E poi, a proposito di giovani, i 500 che Bray aveva promesso di assumere nei Beni culturali in tutta Italia sono diventati ragazzi da formare, insomma stagisti per un anno. I candidati che hanno presentato domanda in Campania sono 406, in tutta Italia 21.552. Ma in ogni caso non saranno loro a risolvere i problemi di Pompei.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news