LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Berlino. Elogio di un museo sconcertante
Gillo Dorfles
Corriere della Sera 6/3/2014

In un recente incontro berlinese ho avuto occasione di aggiornare le mie conoscenze architettoniche della capitale tedesca. Oltre a quelle ben note di Mies van Der Rohe, di Gropius, di Poelzig, e alle pi recenti e ben note di Scharoun e di Renzo Piano, gi molto discusse, vorrei spendere due parole soprattutto per limportante museo ebraico di Daniel Libeskind.
Questopera infatti costituisce lesempio insolito di un capolavoro architettonico da molti punti di vista sconcertante. Infatti lo stile adottato dallautore ,in un certo senso, uno specchio della situazione anomala e spesso tragica del popolo ebraico e cerca da un lato di creare un omaggio alla grande civilt di questo stesso popolo, dallaltro di commemorare lenorme tragedia della Shoah e delle persecuzioni dellepoca nazista.
Il Jdisches Museum di Libeskind risale allanno 2001 e il concorso stato vinto dallarchitetto polacco (1946) dopo unaccesa competizione; ma la ragione per cui questo importante edificio lascia perplessi la sua indubbia apparenza insolita e spesso addirittura scostante. Non a caso la stessa pianta del museo basata su una linea zigzagante che incrocia una linea retta, creando dei vuoti di forma trapezoidale che interrompono larticolazione normale dello spazio. In questa maniera tutto linsieme dellarea museale viene cos ad essere improntato a una decisa asimmetria e a uno slivellamento, sia longitudinale che trasversale. Non solo, ma le stesse finestre vengono sostituite da feritoie irregolari che creano nellinterno una luce incostante con alternative tra la totale oscurit e una luminosit frammentaria.
Naturalmente in questo modo non certo possibile vedere lesterno al di l delle feritoie. Non solo, ma allinterno si ha una sensazione di incertezza e impossibilit di comunicazione con il mondo esterno. La scomodit e la disagevolezza della permanenza interna evidentemente corrispondono a quanto larchitetto aveva voluto simboleggiare per quanto riguarda, appunto, la situazione equivoca del periodo nazista mentre i lunghi corridoi che si intersecano simboleggiano le vie di liberazione dai campi di concentramento e dalle tragiche detenzioni.
difficile decidere fino a che punto questo edificio, che indubbiamente un solenne memorandum di unepoca drammatica, possa effettivamente corrispondere a quella glorificazione dellebraismo che larchitetto perseguiva; ma credo tutto sommato che la spiacevolezza dellinsieme corrisponda a una condizione di insicurezza e di contrasto costante che pu essere considerata come caratteristica del pensiero ebraico.
Naturalmente la presenza di costruzioni simboliche allinterno della stesso edificio del museo pu anche lasciare perplessi. Il fatto che non ci sia unentrata diretta e che molto spesso la mancanza di luce di certi ambienti voglia alludere al buio delle deportazioni al pari delluso simbolico della stella di Davide in una forma distorta (quale facsimile delle persecuzioni subite dal popolo ebraico) sono tutti atteggiamenti che concorrono a determinare latmosfera di unaberrazione rituale. Unatmosfera che, peraltro, pu provocare nel visitatore non particolarmente erudito una sensazione decisamente sgradevole tanto da poter affermare che questo capolavoro architettonico (quale sicuramente il Jdisches Museum di Berlino di Libeskind pu essere considerato) finisce per essere pi che una glorificazione, una sorta di malinconica e tragica odissea. Il che, tutto sommato, consente di lodarlo dal punto di vista architettonico e storico, ma non permette di accettarne a pieno lo stilema artistico.



news

26-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news