LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sull'articolo di Valentini: intervento di Bruno Zanardi

Beni culturali la qualunque

Bruno Zanardi


Uno dei pi noti, intelligenti e civili giornalisti italiani, Giovanni Valentini, domenica ha sorprendentemente messo in fila su la Repubblica una lunga serie di luoghi comuni, dilettantismi e cattive informazioni circa il ruolo delle soprintendenze nella tutela del patrimonio storico e artistico del Paese. Addirittura scrivendo che sono spesso freno e ostacolo allo sviluppo del turismo (lo sviluppano invece luccisione dei turisti di Napoli, ammazzati per rapinarli? e loccupazione militare di Pompei da parte della camorra? e il capillare sfregio estetico alle coste marine, come alle citt storiche da parte della speculazione edilizia?); ovvero scrivendo, sempre Valentini, che altrettanto di frequente le solite soprintendenze bloccano anche i progetti pi innovativi e rispettosi dellambiente e del paesaggio (sono rispettosi il Crescent con un fronte di qualche centinaio di metri fatto costruire dal sindaco De Luca sul mare di Salerno? i 125.000 mc di cemento che il sindaco Zanonato vuol far costruire a Padova, davanti alla Cappella degli Scrovegni? lo Zen di Palermo, il Corviale di Roma, le Vele di Scampia, le lavatrici di Genova e tutti gli altri falansteri architettonici dove avrebbe ideologicamente abitato luomo nuovo, il cittadino della democrazia realizzata?). N mancando di mettere in campo, sempre Valentini, la bufala nazional-popolare della Battaglia di Anghiari di Leonardo, un dipinto che non c pi perch, come tutti gli esperti del settore sanno, andato in rovina allatto stesso della sua esecuzione. Concludendo, in fine, con il balenare ai lettori di Repubblica limmancabile eldorado che un diverso uso del patrimonio artistico produrrebbe; citando Artribune, nientemeno che un aumento del Pil dell1,5% (dicendo questo su quali basi? e su quali dati, visto che, alloggi, non esiste un catalogo del patrimonio artistico del Paese, quindi non sappiamo quanti beni abbiamo, di quali specie e dove si trovino?).
Ci detto, non vorrei per si pensasse a una mia difesa a spada tratta delle Soprintendenze. Perch se Atene piange, certamente Sparta non ride. Le soprintendenze sono infatti istituti sempre pi lontani dalla realt, perch ancora oggi intente a svolgere compiti tarati su quanto disposto 76 anni fa nella legge 1089 del 1939, nei fatti legge ancora alla base del Codice del 2004. Compiti perci svolti in una condizione oggi di gravissimo ritardo culturale da figure, i soprintendenti, liberi (sempre ex l. 1089/39) dusare il loro potere di veto e di vincolo per ruolo e molto meno per competenza. Unautocrazia perci oggi non pi ricevibile sul piano della societ. Quel che in fondo Valentini ha anche voluto dire.
Allora? Allora diciamo che a rendere comunque interessante larticolo di Valentini il suo aver posto in evidenza un palindromo ritardo del settore della tutela in Italia. Tanto del giornalismo culturale, quanto dellIstituzione. Ritardo ancora risarcibile con il prendere atto come, in Italia, il patrimonio artistico sia ferreamente incardinato allambiente in cui andato stratificandosi per millenni; e che di questo immenso patrimonio la parte in mano privata indistinguibile da quella in mano pubblica. Il che significa che al centro dunazione di tutela razionale e coerente va posta la questione ambientale. Quella che per essere affrontata ha bisogno del lavoro comune dellintera societ. LUniversit, che deve iniziare a formare soprintendenti diversi da quelli more 1939 che ancora oggi forma; il Ministero, che deve smettere di credere, sempre more 1939, che la tutela coincida con il restauro critico e estetico, cio con un intervento post factum, che si limita a risarcire come pu un danno avvenuto; di nuovo lUniversit, che deve aprire un grande lavoro di ricerca sugli aspetti tecnico-scientifici, giuridici, economici, eccetera, duna nuova e inedita conservazione preventiva e programmata del patrimonio artistico in rapporto allambiente e cos via. Altrimenti il ritardo culturale degli interventi alla Valentini, come delloperare in forza solo di divieti e vincoli delle soprintendenze, continueranno a giustificare la sempre pi invasiva e criminale cementificazione del Paese. Con essa la morte del nostro patrimonio storico e artistico.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news