LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Guermandi su eddyburg: su una sentenza della Consiglio di Stato e sul Decreto cultura

Giudici a Berlino e politica del fare

Maria Pia Guermandi

da http://www.eddyburg.it/2014/06/giudici-berlino-e-politica-del-fare.html


Una sentenza del Consiglio di Stato ribadisce i principi costituzionali sulla tutela del paesaggio, ripresi dalla legislazione vigente (il Codice dei beni culturali), ma costantemente attaccati dai provvedimenti governativi.
Ci aveva gi pensato la Corte Costituzionale, attraverso una serie di sentenze, fra gli anni '90 e il primo decennio del 2000, a ribadire come il paesaggio, inserito dai nostri padri costituenti fra i principi fondamentali della carta all'art. 9, costituisca un "valore primario e assoluto", la cui tutela "precede e comunque costituisce un limite agli altri interessi pubblici" (sentenza n. 367/2007). Ora, a una sentenza della IV sezione del Consiglio di Stato di pochi mesi fa (n. 2222/2014) tocca ribadire ci che sarebbe ovvio in uno Stato di diritto dove le decisioni della Corte Costituzionale vengono rispettate.

Non qui in Italia e non in questo contesto politico e sociale. Il Consiglio di Stato ha dovuto quindi richiamare le precedenti sentenze della Corte e il Codice, all'art. 145, laddove si dichiara la prevalenza del piano paesaggistico su qualsiasi altro strumento di pianificazione territoriale per riaffermare la prevalenza della tutela sugli interessi economici e sulle esigenze urbanistiche.

ll caso dibattuto era l'ennesimo progetto di speculazione edilizia su uno dei tratti pi belli della costa ligure, prospiciente l'isola di Gallinara: una devastante ristrutturazione della storica Villa Brunati che avrebbe comportato una colata di cemento di nuove costruzioni, l'abbattimento di decine di alberi per la costruzione di parcheggi interrati, la creazione di uno svincolo di accesso diretto al mare per il nuovo complesso e la rettifica della strada statale Aurelia con conseguente spostamento dei relativi sottoservizi.

In una parola, lo sconvolgimento radicale dal punto di vista non solo paesaggistico, ma geologico (siamo in Liguria...) di Punta Murena ad Alassio. Purtroppo non stupisce neppure pi che questo demenziale progetto avesse ottenuto l'approvazione sia del Comune di Alassio che della Provincia di Savona: grazie alla battaglia condotta principalmente dal WWF e in virt di questa sentenza, questo scempio stato risparmiato.

L'episodio, da manuale, sottolinea sia l'importanza della pianificazione paesaggistica come strumento di efficace tutela del nostro territorio, sia la ormai conclamata propensione alla svendita di quest'ultimo da parte degli enti locali. Purtroppo gli ultimi provvedimenti governativi sembrano piuttosto fomentare questa propensione.
Fra gli altri - ed , in tal senso, uno stillicidio continuo - segnaliamo il recentissimo e pessimo emendamento al Decreto Cultura (n.83/2014) emanato dal ministro Franceschini.
Con un colpo di mano, nel Decreto stato inserito un comma che consente "d'ufficio o su segnalazione delle altre amministrazioni coinvolte nel procedimento [di autorizzazione paesaggistica n.d.r.]" (quindi Comuni, Regioni e quant'altro) di riesaminare i pareri, nulla osta o altri atti di assenso rilasciati dagli organi periferici del Mibact. L'ulteriore verifica affidata ad una sedicente Comissione di Garanzia interna allo stesso Mibact, ma non meglio definita. In una parola, si crea una sorta di tutoraggio nei confronti delle Soprintendenze, allungando ulteriormente i tempi dei procedimenti (il ricorso a questo escamotage sar quasi automatico in caso di diniego).

Naturalmente l'obiettivo, esplicito, di quest'ennesimo attacco all'autonomia del nostro sistema di tutela, il contrasto al cos detto carattere autocratico degli atti emanati dai Soprintendenti. Pu sicuramente essere accaduto che, in decenni di esercizio della tutela, in alcuni casi questo potere decisionale sia stato esercitato non correttamente, ma basterebbe la pi banale delle statistiche a svelare come si tratti di percentuali irrisorie e come nell'insieme dei provvedimenti di autorizzazione paesaggistica, il numero di quelli negati si attesti - purtroppo - su percentuali largamente minoritarie rispetto a quelli concessi.
Di fronte alle devastazioni di ogni tipo cui il nostro paesaggio sottoposto, l'accanimento nei confronti di questi aspetti diventa persino surreale: come se di fronte ad un malato terminale di cancro, i medici si affannassero a curargli una micosi dell'unghia.

Ma la vicenda dell'emendamento in questione, approvato dalla Commissione Cultura della Camera il 27 giugno scorso, esprime esemplarmente anche un altro segno dei tempi: la ciliegina sulla torta che tale capolavoro di approssimazione amministrativa e di ambiguit legislativa al servizio di una ipocrisia politica neppure troppo celata, sia contrabbandato, secondo le parole del ministro, come un rafforzamento del ruolo di tutela del Mibact.

Al nostro paesaggio restano i giudici di Berlino.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news