LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bresciano. Crollano i luoghi del Risorgimento
Pino Casamassima
Corriere della Sera - Brescia 15/8/2014

I luoghi storici della battaglia di San Martino e Solferino stanno crollando, e con loro se ne va un pezzo di storia del Risorgimento. Le cascine che esistevano ai tempi della battaglia del 1859 stanno sparendo, le lapidi si trovano sui mercatini di antiquariato.

Fioeui, o i pima San Martin o iaoti an fan f San Martin a noi! (Figlioli, o prendiamo San Martino o faranno fare San Martino a noi). La vulgata vuole che questa frase attribuita a re Vittorio Emanuele abbia spronato lesercito sabaudo fino alla vittoria finale sugli austriaci nella piana di San Martino il 24 giugno 1959.
tradizione che austriaci i cui avi parteciparono a quella battaglia che avrebbe messo fine alla seconda Guerra dindipendenza italiana vengano a spargere fiori nel Mincio in loro ricordo: lesercito austriaco in rotta ripar infatti oltre il fiume. Turisti storici che rimangono certamente stupiti nellaccorgersi che ad esclusione della torre che campeggia in una solitaria maestosit le cascine sparse nei dintorni sono in totale abbandono. Cascine che ospitavano contadini che assistettero terrorizzati allinizio di quel terribile scontro in armi, fuggendone via poco prima che una granata o un colpo di mortaio devastasse le loro abitazioni.
Nei tempi successivi questa cascine furono restaurate, e la Societ Solferino e San Martino realizz parchi e giardini, strade e segnaletica, con cippi che riportavano gli avvenimenti. La Societ raccolse anche materiale bellico e artistico ispirato alla battaglia, poi esposto nei Musei sorti a San Martino e a Castiglione delle Stiviere. Fu in occasione di quella tremenda battaglia in cui, fra morti e feriti, rimasero sul campo 5.600 piemontesi, 13.000 francesi e 20.000 austriaci che nacque la Croce Rossa Internazionale su iniziativa di Henry Dunant, un imprenditore e filantropo svizzero. I feriti furono sistemati nella cascina chiamata Contracania, ex Casa Bianca, dove una lapide testimonia lavvenimento.
A custodire queste mura storiche, da 33 anni, c un signore invecchiato fra i vigneti e le tante propriet che circondano la cascina, per conto di Luigi Aquilini, che part per le Americhe oltre mezzo secolo fa dalla natia Travagliato con la famosa valigia di cartone. luomo pi ricco del Canada dice il custode con orgoglio pari ai suoi baffi dalle forme risorgimentali . Il pi grande produttore del mondo di mirtilli. Ora sta costruendo un oleodotto gigantesco fra lAlaska e gli Stati Uniti, ma il suo vero business ledilizia: non so quanti grattacieli ha costruito. Viene qui una volta lanno, pi o meno, anche se ora manca da un anno e mezzo. Ha 84 primavere sul groppone, ma vedesse com arzillo!.
Tuttintorno, purtroppo, il degrado. Cascine dai tetti sfondati sono divorate dai rovi e dagli sterpi, che oscurano lapidi e targhe facilmente trafugabili. Non difficile dice Tullio Ferro, noto giornalista di Desenzano e profondo conoscitore della storia locale cui ha dedicato tanti libri trovare alcuni reperti su qualche bancarella di antiquariato: una cosa vergognosa che questi autentici pezzi della nostra storia siano preda di un simile sciacallaggio. Fino a qualche decennio fa questo scempio era scongiurato dalla presenza in loco di contadini che vi abitavano e lavoravano la terra; con la vendita dei poderi a societ interessate alla produzione di vino per i tanti vigneti presenti (siamo nel cuore del Lugana) le cascine sono state abbandonate a se stesse: per leggere una lapide bisogna spostare, con molta fatica, i rovi che lavvolgono. Mancando linteresse economico dei privati a sistemarli, questi luoghi storici sono destinati a essere rappresentati solo da una Torre solitaria e dallOssario che custodisce nellabside 1.274 teschi e nella cripta le ossa di 2619 soldati austriaci e italiani, accomunati volutamente senza distinzione di bandiera, come recita la lapide: Alle Commiste Reliquie dei Prodi Porgete fiori, Recitate parole pie. Nemici in battaglia, Fratelli nel silenzio del Sepolcro, riposano uniti. Quei muri diroccati, quegli sterpi insolenti sono un insulto alla memoria comune di un episodio che ci appartiene, perch anche grazie a quei morti siamo infine diventati quella nazione agognata nella sua unit fin dai tempi di Dante.
Le pi famose delle cascine Sorre, Monata (chiamata da tutti Bonata), Stefanona versano tutte in uno stato di totale abbandono. Limprenditoria agricola attuale non sa che farsene. E allora? Rassegnarsi alla perdita di un simile patrimonio storico e ambientale? Unidea potrebbe essere quella di un intervento misto pubblico e privato: non per a fondo perduto (di mero restauro destinato a sopravvivere a se stesso per qualche tempo prima di riprecipitare nei rovi), ma capace di qualificare turisticamente tutta larea, facendola diventare un percorso culturale attraente a livello internazionale. In parte lo gi, con austriaci e francesi e ungheresi che vengono appositamente per la valenza storica del luogo: se fosse valorizzata potrebbe diventare un circuito virtuoso anche a livello economico.
Nella Ruhr, con la fine della produzione dellacciaio e del carbone, intere fabbriche sono state trasformate in luoghi museali, con alcuni degli ex operai riassorbiti in questa nuova impresa turistica in attivo sotto il profilo economico. Unidea che nel 2010 ha fruttato a quella regione il riconoscimento di Capitale Europea della Cultura. Davvero, noi vogliamo invece gettare letteralmente alle ortiche i nostri patrimoni culturali?



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news