LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Il paradosso dell'artista
Vito Bruno
Corriere della Sera - Roma 17/8/2014

A ficcare il naso al Maam acronimo che sta per Museo dellAltro e dellAltrove di Metropoliz, citt meticcia si scopre uno dei pi grandi paradossi di Roma, e non solo. E non sto scherzando. Giudicate voi. La storia inizia tre anni fa quando Giorgio de Finis, un antropologo giramondo, capita per caso in un ex salumificio in fondo alla Prenestina occupato da un eterogeneo gruppo di senza casa. Nasce lidea di creare insieme agli abitanti unistallazione artistica - un grosso razzo puntato sulla luna che ancora l - per riqualificare lambiente. Loperazione, che dura un anno ed raccontata in un film autoprodotto, ha successo. E cos si decide di proseguire lesperimento aprendo i grandi spazi dellex salumificio a tutti gli artisti che abbiano voglia di lasciare un loro contributo. Il fine duplice: da una parte dare valore alle vecchie mura per scongiurare lintervento delle ruspe distruttrici; dallaltra aprire la comunit, che attualmente conta 200 persone di cui 40 bambini di diversa origine rom, peruviani, italiani, ucraini, marocchini, etiopi al quartiere.
In appena due anni, lex salumificio si arricchisce di ben 400 opere. Leffetto, a farsi una camminata per scale, sale e corridoi, davvero spiazzante: ci si trova in un enorme museo e allo stesso tempo in un bizzarro condominio multietnico, con i bambini che si rincorrono e i panni stesi ad asciugare: una stravagante utopia artistica realizzata. E non da credere che le opere siano di scarso livello, tuttaltro. Uno alla volta sono arrivati i pi bei nomi dellarte italiana e mondiale. Per dire: sulla facciata esterna delledificio c un murales di Kobra, una delle star internazionali della street art che ai prezzi di mercato varrebbe non meno di 500 mila euro. E poi opere di Borondo, Sten & Lex, Susanne Kessler, tutti artisti ben inseriti nel mercato mondiale. Tra gli italiani ci sono nomi gi affermati - Notargiacomo, Asdrubali, Montanino - accanto ad artisti emergenti, ma quello che colpisce linsieme: unenorme caleidoscopio di forme e colori da perderci la testa. E tutto a gratis. S, perch gli artisti hanno portato dai rispettivi studi loccorrente per realizzare le loro opere e a volte, vista la fatiscenza di alcuni ambienti, si sono trasformati in idraulici, muratori, elettricisti.
Cos, in due anni Roma si arricchita di una quantit di opere che tutte le altre istituzioni darte contemporanea messe insieme ci metterebbero almeno mezzo secolo a realizzarle. E chiss con quali costi. Nellex salumificio, invece, il denaro viene visto come sabbia in un motore dice de Finis, che lavora sette giorni la settimana senza guadagnare un centesimo e vive ormai come un monaco zen. Anche un euro destinato al museo bloccherebbe tutto perch sarebbe difficile da spiegare alla comunit che labita senza avere a volte neanche il bagno in casa. Morale: in una degradata periferia romana, venuto su un tesoro aperto alla collettivit che non costa assolutamente nulla al contribuente. In Italia non il massimo dei paradossi questo?



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news