LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Taranto. La direttrice del MarTa: Assessora, se ne occupi anche lei
Cesare Bechis
Corriere del Mezzogiorno - Bari 17/8/2014

Se il MarTa non viene citato nemmeno dal Tg 1 quando si fa lelenco dei musei aperti a ferragosto vuol dire che il marketing territoriale non funziona. La direttrice del Museo Archeologico di Taranto, Antonietta DellAglio, contesta che sia colpa solo del ministero della Cultura. Intervistata dal Corriere rilancia: valorizzare i nostri tesori.

TARANTO La valorizzazione del nostro museo spetta sicuramente agli enti locali, alla Regione e al Comune innanzitutto, e anche al ministero. Noi non abbiamo disponibilit di fondi da destinare alla promozione del MarTa. Possiamo fare solo comunicazione istituzionale seguendo la via tradizionale con i comunicati e con i siti internet. Antonietta DellAglio la direttrice del museo archeologico di Taranto che cura come una sua creatura. Ora sta lavorando con assiduit seguendo i lavori che porteranno al suo completamento. Ci vorr ancora qualche mese, ma alla fine il MarTa sar un punto di eccellenza internazionale, pi di quanto non lo sia gi adesso.I numeri di visitatori che avete diffuso in questi giorni commenta la direttrice dopo aver letto linchiesta del Corriere del Mezzogiorno sono quelli della media giornaliera. La nostra realt questa e noi della Soprintendenza non possiamo fare di pi. Soltanto in occasione di qualche evento particolare, come la Notte dei musei o gli Open days, registriamo un maggior afflusso. Le caratteristiche del MarTa e la ricchezza dei suoi reperti e della storia che raccontano meriterebbero molto di pi. Devo dire che ultimamente la Regione ha mostrato una particolare attenzione a Taranto ma non sufficiente a lanciare il museo nellorbita internazionale che gli compete. Lo confermano i visitatori stranieri, soprattutto quelli particolarmente attenti allarcheologia, che rimangono letteralmente affascinati dalle nostre collezioni e, alla fine della visita, ci chiedono come mai non sia pi conosciuto allestero. Gli appassionati lo conoscono per altri canali, ma il grande pubblico spesso ignora che esiste il museo archeologico di Taranto. , quindi, confermato che la promozione di questo scrigno storico-culturale decisiva per farlo diventare una meta di attrazione. Il MarTa va promosso a livello nazionale e allestero. Guardi continua Antonietta DellAglio quando il Tg1 ha dato la notizia delle aperture serali dei musei per gli Open days, ne ha citati molti ma non Taranto. un classico, difficilmente il MarTa viene citato sui giornali, negli itinerari del turismo culturale o per le iniziative ministeriali. I suoi numeri, probabilmente, non inducono la stampa a citarlo ma le sue collezioni meriterebbero pi di una citazione. Probabilmente chi si occupa di marketing dovrebbe studiare una campagna di promozione e valorizzazione in modo tale che il nostro museo compaia in tutti i luoghi in cui c affluenza di turisti. Penso agli aeroporti non solo pugliesi, nei porti dove attraccano le navi passeggeri, nei luoghi dincontro, negli stabilimenti balneari, in ogni occasione in cui si parla di archeologia e cultura. La gente, ad esempio, non sa che il museo sempre aperto, che ci sono le visite guidate, che ci sono sale e sale con le collezioni e non solo due statue, non ha idea della vastit e dellimportanza dei reperti che espone il MarTa e soltanto dopo la visita ci si rende conto del livello espositivo e della storia che raccontiamo. In questo periodo, tra laltro, c anche lesposizione delle opere di Manz che arricchiscono ancor pi il museo. Registriamo il fatto, ovvio e consolidato, che quando lingresso gratuito lafflusso maggiore. A Ferragosto, con il MarTa aperto fino alle 22, biglietto a pagamento e visita guidata gratuita alle 20.15, il botteghino ha staccato 250 biglietti. Ieri sera, giorno di Open days, apertura fino alle 23 e ingresso gratuito dalle ore 20, c stato il boom. Alle 21 cerano gi stati 390 visitatori dei quali 250 prenotati al primo turno degli Open days e secondo gi prenotato e completo. Per noi non una novit trovarci di fronte a questi dati commenta la direttrice sempre cos. Intanto stiamo portando a termine il completamento del museo grazie allultimo finanziamento e contiamo di chiudere il cantiere per Natale, al massimo per linizio del nuovo anno. Sar visitabile tutto il secondo piano con spazi pi ampi degli attuali e si collegher storicamente al primo illustrando la storia di Taranto dal popolamento dellet neolitica fino allet ellenistica passando per le et del bronzo del ferro con spazi dedicati anche alla Taranto fondata dagli spartani. Il museo dal prossimo anno sar completo e ci vorr pi di adesso unadeguata promozione e valorizzazione del sito. Spero che il MarTa trovi gli spazi giusti per essere ancor pi apprezzato.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news