LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VILLA GIULIA, VULCI E ALTRE MERAVIGLIE DOVE ESPLORARE ANCORA LA CIVILT PI ANTICA
di Sara Grattoggi
La Repubblica-Roma 21 agosto 2014




Quattrocentocinquanta firme raccolte in venti giorni, pi di tremila adesioni considerando anche i social network. Per chiedere al ministro Franceschini di non abolire la Soprintendenza per i Beni archeologici dell'Etruria Meridionale, si sono mobilitati molti fra i pi illustri etruscologi e accademici dei Lincei, da Giovannangelo Camporeale (presidente dell'Istituto di Studi Etruschi e Italici di Firenze) a Giovanni Colonna, da Paolo Sommella a Fausto Zevi, da Nicola Bonacasa a Fulvio Tessitore. Ma anche i direttori delle principali scuole straniere di archeologia a Roma, ricercatori e sindaci dei Comuni dell'Alto Lazio. Con una petizione, dal titolo "Gli Etruschi scompaiono dalla cultura italiana", scritta da Paola Pelagatti, accademica dei Lincei e gi Soprintendente archeologo dell'Etruria Meridionale, insieme a Maria Antonietta Rizzo, docente all'universit di Macerata, gi direttrice di Villa Giulia (dal 1985 al 1990) e degli scavi di Cerveteri. Nel testo, si ricordano le specificit del Lazio settentrionale, culla della civilt etrusca, a cominciare da monumenti e testimonianze che ne attirano l'attenzione non solo degli studiosi, ma dei visitatori da ogni parte del mondo: come le magnifiche tombe dipinte di Tarquinia o la necropoli di Vulci,che negli ultimi anni ha restituito vere e proprie meraviglie: dalla Sfinge dell'omonima tomba, nella necropoli dell'Osteria, alle straordinarie "mani d'argento", esposte a Villa Giulia per alcuni mesi per la mostra "Principi immortali" che, dopo l'estate a Vulci, voler a Bruxelles nei Musei Reali di arte e storia per il semestre italiano di presidenza Ue.
Ma anche i tumuli della Banditaccia di Cerveteri, quell'affascinante Citt dei Morti, patrimonio Unesco dal 2004, che negli anni ha restituito capolavori senza tempo, a cominciare dal celebre Sarcofago degli Sposi, uno dei gioielli di Villa Giulia, e del suo "gemello" del Louvre, arrivato a aprile a Roma per la mostra "Gli Etruschi e il Mediterraneo. La citt di Cerveteri", poco prima ospitata dal Louvre di Lens. Del resto, gli Etruschi avevano gi "conquistato" Parigi con la mostra invernale al museo Maillol, in cui spiccavano capolavori in terracotta della scuola di Veio, impressionanti sculture in pietra di Vulci, testimonianze straordinarie della pittura di Tarquinia, come la Tomba della Nave con i suoi splendidi affreschi.
Quel che il mondo ammira questo si teme potrebbe essere dimenticato in Italia. Senza un'istituzione specifica che si prenda cura e valorizzi un sistema che vive grazie a un continuo processo di osmosi fra i suoi dieci musei diffusi sul territorio e le undici aree archeologiche organizzate e aperte al pubblico. Un processo che verrebbe irrimediabilmente interrotto senza l'apporto delle nuove acquisizioni provenienti dagli scavi archeologici portati avanti grazie a una capillare e attenta opera di tutela del territorio, impedendo di fatto il rinnovamento delle esposizioni museali, con un conseguente impoverimento della pubblica fruzione. L'accorpamento in un'unica Soprintendenza con quella del Lazio meridionale, di fatto un appiattimento si legge nella petizione ne ridurrebbe la capacit operativa e la spinta al rinnovamento. Non si vede dunque la ragione scrivono gli studiosi di ritornare a un assetto di inizi '900 che fu superato proprio dalla illuminata lungimiranza dell'amministrazione statale del tempo e di geniali personalit attive nel campo degli studi ma anche nel governo come Felice Barnabei, Giuseppe Bottai, e pi tardi Massimo Pallottino, fondatore dell'Etruscologia. Un nuovo appello, insomma, che invita il ministro a "ripensare" la riforma, concertandola prima di tutto con gli addetti ai lavori, dopo i tanti gi sottoscritti solo per fare qualche esempio dagli archeologi e funzionari della Soprintendenza speciale per i Beni archeologici di Roma, da Assotecnici, dai Soprintendenti storico-artistici d'Italia e da molti esperti, a cominciare dall'ex ministro ai Beni culturali (e oggi direttore dei Musei Vaticani), Antonio Paolucci.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news