LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera aperta del neo Presidente ICOM Italia, Daniele Jalla, al Ministro Franceschini

Milano, 6 agosto 2014

On. Dario Franceschini
Ministro dei beni e delle attivit culturali e del turismo
Via del Collegio Romano 27
Roma

Lettera aperta al Ministro Dario Franceschini sulla riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo
Signor Ministro,
ICOM Italia apprezza e condivide lo spirito della riorganizzazione del Ministero da lei proposta.
Come organizzazione dei professionisti dei musei non possiamo che condividere alcuni aspetti centrali del disegno complessivo che ci riguardano in modo particolare:
- la creazione di una nuova Direzione Generale Musei, pur dissentendo dallesclusione dei musei archeologici dalle sue dipendenze;
- la ripresa integrale della definizione di museo dellICOM, internazionalmente riconosciuta, e la formulazione dellart. 34 del Decreto che ne definisce finalit, funzioni, struttura organizzativa, nuovamente esprimendo sorpresa per lassenza dei musei archeologici dai poli museali regionali;
- il riferimento esplicito agli standard elaborati dallInternational Council of Museums per la gestione dei musei,
- lassegnazione del massimo status amministrativo a un numero limitato di musei di rilevante interesse nazionale, pur non entrando nel merito n del loro numero n della loro scelta, ma considerando questa decisione una buona premessa per attribuire il rango di museo nazionale anche a musei non statali di pari livello e importanza;
- la scelta dei loro direttori effettuata tramite selezione pubblica, che viene cos parificata alle procedure attuate da tutti i grandi e medi musei pubblici e privati;
- la creazione di poli museali regionali che favoriscono la creazione di sistemi integrati con i musei non statali sia pubblici sia privati.

Sono tutti aspetti che, a nostro giudizio, segnano una reale inversione di tendenza rispetto alla cronica sottovalutazione dei musei da parte della normativa statale e che rispondono positivamente a proposte e rivendicazioni che i professionisti museali hanno sostenuto dai tempi della Commissione Franceschini in poi. E che, per quanto ci riguarda, hanno sempre visto ICOM Italia in prima fila in tutte le sedi e occasioni possibili nel sostenere che da parte della normativa statale fosse attribuito ai musei uno status pari a quello degli archivi e delle biblioteche, che ad essi venisse riconosciuta lautonomia propria di un istituto della cultura, assegnato un proprio direttore e tutte le figure professionali previste dagli standard internazionali, dal Codice etico per i musei dellICOM e dalla Carta nazionale delle professioni museali.
Crediamo anche che queste scelte, se adeguatamente applicate, pongano le effettive premesse per la creazione di sistema museale italiano, che finalmente superi la storica divisione fra musei statali e non statali attraverso la creazione di sistemi integrati su scala regionale. Le nostre proposte in materia sono andate oltre: pensiamo che si debba addivenire alla creazione di sistemi integrati fra musei, archivi e biblioteche nel quadro di accordi fra Stato e regioni che riorganizzino lintero modello di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale. Se anche le proposte presenti nella riorganizzazione del MIBACT non lo prevedono, pensiamo che la creazione di poli museali regionali possa costituire un primo passo in questa direzione.
Non condividiamo i timori che dallautonomia assegnata ai musei possa derivare un distacco dal territorio, peraltro chiaramente indicato tra le loro funzioni dalla lettera e) dellart. 34, e siamo anzi convinti che questo rapporto possa uscire rafforzato riconoscendo ai musei il ruolo di presidi territoriali della tutela. Un ruolo che, a nostro parere, potrebbe essere attribuito anche ai musei non statali nel quadro della creazione di sistemi regionali integrati e di quegli accordi di valorizzazione previsti dal Codice dei beni culturali fra Stato e Regioni di cui abbiamo sempre lamentato la mancata attuazione.
Sono molti altri i nodi che la riorganizzazione si propone di sciogliere. Condividiamo nei loro aspetti generali le scelta delle priorit e delle linee dazione da lei individuate. Su molti aspetti del Decreto nutriamo invece delle perplessit che evidenzieremo in un documento pi articolato e di dettaglio, nella convinzione che il provvedimento possa essere migliorato in molti suoi punti, come pensiamo stia gi avvenendo. Ci limitiamo qui a sottolineare alcuni aspetti di fondo che sono emersi dal nostro confronto interno:
1. lintegrazione fra cultura e turismo certamente da perseguire, a condizione che si tratti di unintegrazione e non di una subordinazione della prima a favore del secondo e che si persegua lobiettivo di un turismo realmente sostenibile che valorizzi il patrimonio culturale materiale e immateriale in tutte le sue dimensioni, compreso il patrimonio demoetnoantropologico che, al di l dellesistenza dellIstituto centrale ad esso dedicato, non trova altro spazio nellenunciato del Decreto;
2. la semplificazione della linea di comando ci sembra un fatto certamente positivo che elimina la disfunzionale doppia dipendenza delle Soprintendenze dalle Direzioni centrali e da quelle regionali. Ci sembra tuttavia che il decongestionamento dellamministrazione centrale avrebbe potuto portare a una riduzione delle Direzioni generali il cui numero resta elevato, osservando anche che fra alcune di esse esiste una sovrapposizione di ruoli che potrebbe essere evitata. Ci auguriamo soprattutto che in tutte prevalga uno spirito di servizio allintera struttura del Ministero e che si superi quella dannosa tendenza al centralismo che ne ha storicamente costituito un limite;
3. la riorganizzazione degli uffici su scala regionale ci sembra possa essere ulteriormente migliorata, definendo come maggiore chiarezza ruoli e poteri delle strutture collegiali e riducendo, o addirittura sopprimendo, il ruolo del Segretario regionale. Speriamo anche che dalla soppressione delle Direzioni regionali possa prodursi un potenziamento degli organici delle Soprintendenze, riducendo al minimo le funzioni di coordinamento amministrativo;
4. non condividiamo le perplessit di molti sullaccorpamento delle Soprintendenze, sorpresi tuttavia che esso non coinvolga quelle archeologiche da un lato e, dallaltro, dallattribuzione del ruolo di Soprintendete archivistico al Direttore dellArchivio di stato del capoluogo di regione. Riteniamo comunque che si debba avere la massima cura nel potenziare il ruolo delle Soprintendenze, salvaguardando la specificit delle professionalit al loro interno attraverso unorganizzazione in uffici competenti per materia e potenziando al tempo stesso la collegialit delle decisioni a tutto favore di una pratica di tutela del patrimonio culturale pi efficace perch maggiormente integrata;
5. ci auguriamo che lo sviluppo dellinnovazione e della formazione produca i risultati indicati e si potenzi in particolare linnovazione in campo tecnologico, riducendo il grave ritardo esistente soprattutto nel campo dellinformatizzazione e della digitalizzazione del patrimonio culturale.

Signor Ministro,
nellaugurarle di procedere con la maggior speditezza possibile nel varo del Decreto, non vorremmo che questo riducesse le sue possibilit di ascolto dei contributi che da molte parti le provengono. Anche ICOM Italia, se lo vorr, a sua disposizione per offrirle il nostro contributo di idee e proposte, assicurandole anche la nostra attiva partecipazione, attraverso in nostri Coordinamenti regionali e le nostre Commissioni tematiche, alla futura attuazione del Regolamento di riorganizzazione.
Daniele Jalla

Presidente di ICOM Italia



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news