LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MASSA CARRARA - Stop alla cave: protesta il 7 settembre
di Melania Carnevali
IL TIRRENO 23 agosto 2014 pagina 14 sezione: Massa




MASSA CARRARA In attesa di sapere quale sar la formula definitiva del Piano paesaggistico regionale che dopo le osservazioni dovr tornare in consiglio per l'approvazione la lotta ambientalista non si ferma e torna in alta quota. gi in programma per il 7 settembre Sui sentieri della distruzione, manifestazione-escursione sulle Alpi Apuane nei luoghi delle attivit estrattive. la quinta manifestazione del genere: centinaia di ambientalisti nel corso degli ultimi due anni hanno attraversato la montagne apuane con i loro striscioni e gli aquiloni. Sono saliti con una bufera di neve a Campocecina e sotto il sole ardente sul Monte Carchio. Questa volta le bandiere dei No Cave sventoleranno a Casette, il bacino dove concentrata la maggior parte delle cave massesi e luogo dove passer anche il Campionato mondiale di corsa in montagna, in programma dal 11 al 14 settembre. Il messaggio, per, sar sempre lo stesso:basta all'escavazione selvaggia. Le organizzazioni che hanno gi dato la loro adesione sono tantissime: sono Amici delle Alpi Apuane, Amici della Terra Versilia, Arci Versilia, Cai Tam Lucca, Indipiendentes Apuanos. E ancora: Italia Nostra Massa Montignoso, La Pietra vivente, No! al traforo della Tambura, Salviamo le Alpi Apuane, Salviamo le Apuane e Wwf Lucca. Una rete di ambientalisti che si unita e potenziata negli ultimi mesi con la discussione proprio sul Piano paesaggistico che, nella sua bozza originale, prevedeva la chiusura graduale di tutte le cave intercluse nel Parco Alpi Apuane. Decisione poi sterzata verso norme pi restrittive, ma che comunque permettono (all'interno del Parco) l'ampliamento di cave esistenti e la riapertura di quelle inattive, anche da venti anni. Il rischio secondo gli ambientalisti che si continui a scavare anche in zone protette dalla direttiva europea Rete Natura 2000, rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell'Unione, per garantire il mantenimento degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati o rari a livello comunitario. Rischio, in parte, fondato. Nelle settimane scorse, ad esempio, stato dato l'ok all'ampliamento della Cava Piastrabagnata, sita nel Comune di Vagli Sotto, a ridosso dell'Abisso del Pozzone, una delle pi importanti grotte del Parco censite dalla Regione Toscana. Diversi studi geologici hanno messo in luce come l'ingresso della grotta, nel corso degli anni, si sia abbassato a causa dell'attivit estrattiva. Anche la sua morfologia, poi, stata alterata: non ci sono pi stalattiti e stalagmiti tipiche del sistema carsico apuano. A denunciarlo sono gli stessi ambientalisti, avvallati dagli studi della Federazione Speleologica Toscana. L'escavazione direttamente collegata poi a un altro fattore denunciato dai No Cave: l'abbandono di rifiuti in montagna. Sono perlopi residui delle attivit estrattive, come fusti di olii esausti, reti di ferro arrugginite e molto altro. Un problema quasi endemico dell'attivit estrattiva. Il 2 luglio del 2013, nel corso delle audizioni per il Piano delle attivit estrattive del Parco commenta Rosalba Lepore del gruppo Salviamo le Alpi Apuane - Putamorsi si impegn nell'arco di un anno a ripulire l'area tutelata da tutti i rifiuti lasciati dall'attivit estrattiva. Promessa non mantenuta. La responsabilit se la rimpallano ente comunale e Parco, gli enti che concedono le autorizzazioni all'attivit estrattiva. Se ci fosse una seria attivit di monitoraggio da parte del Parco, il Comune potrebbe emettere un'ordinanza di rimozione dei rifiuti e imporre l'attuazione dei piani di ripristino ambientale. I costi di tali operazioni sarebbero coperte dalle fideiussioni rilasciate dagli imprenditori, al momento dell'autorizzazione del Parco e del rilascio della concessione da parte del Comune. Ma dalle vette delle Apuane arrivano anche storie di vandalismo, in parte, forse legate alla discussione su cave s, cave no: sono state danneggiate e imbrattate le segnalazioni dei sentieri del Cai. Omini rossi stilizzati sono stati, poi, disegnati con bombolette spray sulle rocce di marmo: indicano due direzioni diverse per una stessa strada, la stessa sorte che toccata al dibattito sulle Apuane



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news