LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Bellezza e bizzarria cos la Palazzina cinese trasforma Palermo in capitale farsesca
MARCELLO BENFANTE
24 agosto 2014 LA REPUBBLICA


HO UN mio personale test, o prova del nove, per stabilire l'eventuale affinit elettiva con il visitatore in vacanza a Palermo che si affida al mio dilettantesco ciceronaggio. Il mio tour cittadino, anzich dai luoghi canonici dell'itinerario arabo-normanno o barocco o magari Liberty, ha inizio, con clamorosa divagazione periferica, dalla Palazzina cinese, insospettabile e pregiata anomalia alla sostanziale sobriet della Piana dei Colli.

La reazione dell'ospite di fronte a questo sorprendente e spiazzante testimonianza artistica spesso rivelatrice. Se egli si fa vincere da un sentimento di affascinata meraviglia, allora un soggetto con il quale sar possibile intrattenere un dialogo fatto di complicit culturali. Se al contrario rester indifferente o addirittura un po' infastidito dalla (fraintesa) bizzarria della costruzione, fino a considerarla come una sorta di grande bomboniera kitsch, allora ogni sintonia sar impossibile.

Il discrimine dato dunque dalla convergenza o dal contrasto tra la percezione di una strutturale stravaganza e quella di una raffinata grazia estetica.

Bellezza e bizzarria sono appunto i poli convergenti entro i quali si dispiega la lezione raffinatissima del grande Mario Praz.

In verit la stranezza del luogo, che ha tanta parte nel suo singolare incanto, viene un po' ridimensionata allorch si procede a collocarla in una dimensione storica, ossia la fine del XVIII secolo e i primi del XIX, un periodo di armoniosi contrasti in cui un certo gusto per le "cineserie" s'integrava con il prevalente orientamento neoclassico.

Ma certamente l'intento di suscitare stupore era messo in preventivo dall'architetto Venanzio Marvuglia e dai suoi collaboratori, e lo si scorge per esempio nei trompe l'oeil che affrescano gli interni o nei congegni meccanici della sala da pranzo, ma anche, in generale, nell'esibizione di un eclettismo esotico di ostentata teatralit.

Tutta la fabbrica sembra avere lo scopo specifico di destare una sensazione di sbalordito disorientamento. La Cina in Sicilia! Quale paradossale commistione di culture!

Ma anche questo tipo di spettacolarizzazione non era insolito. L'eruditissimo Praz ci ha spiegato infatti che nei parchi settecenteschi del genere alla cinese o all'inglese, del genere insomma pittoresco, i giardinieri erano soliti predisporre un limite invisibile basato su una illusione ottica. Tale tipo di ingannevole barriera, per l'esclamazione di sorpresa che soleva produrre nel visitatore, si chiamava l'Ha-ha o Aha.

In verit il giardino della nostra Casina alla cinese, posto sul retro e quasi nascosto, un normalissimo quadrilatero organizzato geometricamente "all'italiana", e lo spazio verde antistante di una ancora pi semplice simmetria. Nessun labirinto, nessuna trappola prospettica. L'Ha-ha provocato invece dall'audacia architettonica della piccola reggia campagnola voluta da re Ferdinando IV di Borbone, cacciatore e donnaiolo, forzato esule dalla sua Napoli in mano ai rivoluzionari re- pubblicani filofrancesi.

V' da dire che il tema cinese era preesistente. Sorgeva infatti in quel remoto angolo della Favorita un padiglione di caccia che apparteneva al barone Benedetto Lombardo della Scala, di cui, in base a una descrizione che ne fece Lon Dufourny e a una gouache del pittore Pietro Martorana, sappiamo avesse fattezze orientaleggianti, con otto tetti a padiglione, incappellati per l'appunto alla cinese.

Si trattava di una piuttosto squadrata costruzione in muratura, ma con vezzosi ballatoi lignei, che evidentemente dovette incontrare il favore di Ferdinando, il quale diede incarico al Marvuglia di riformarla, edificando in sua vece una palazzina pi consona agli agi di un monarca, ma che mantenesse il gusto esotico del modello originale, allora peraltro molto apprezzato alla corte borbonica.

I lavori ebbero dunque inizio nel 1799, mentre il secolo dei Lumi si spegneva e il Ro- manticismo, con le sue inquiete fantasie, moveva i primi passi.

Tipicamente eclettico, l'edificio mantiene un'aggraziata armonia, dovuta soprattutto alle limpide forme del pronao, che quasi stride con la vivacit dei colori, tra l'ocra e il rosso, oggi languidamente sbiaditi, e trova slancio nelle torrette laterali, con le scale a chiocciola, che si devono alla perizia tecnica del capomastro Giuseppe Patricola.

Come una matroska, o per l'appunto una scatola cinese, la costruzione racchiude all'interno i suoi misteri e i suoi tesori. Intanto le bellissime decorazioni parietali, con mandarini e altri notabili cinesi affacciati a un'illusoria ringhiera come nell'atto di squadrare dall'alto i basso i saloni e i loro occupanti. Il simbolo del pavone presiede a tanto sfarzo rievocato dal pittore Giuseppe Velasco con delicatissimo gusto scenografico.

Ma molti altri artisti concorsero alle raffigurazioni, che con disinvolto sincretismo passano dalle turcherie al repertorio pompeiano e mitologico, allora assai in voga sull'onda del nuovo interesse archeologico, passando per la finta rappresentazione di ruderi ricoperti di muschio.

Questa variet tematica e stilistica accresce l'effetto ludico-plateale dell'insieme. Tutto sembra assumere l'aspetto di un gioco, a cominciare dalla "tavola matematica", col suo ingegnoso sistema a saliscendi per le portate, fino ai sottopassaggi, forse intesi come precauzionali vie di fuga o forse come tunnel dell'amore predisposti dal monarca fedifrago. E tutto sa di commedia e carnevale, di messa in scena in una corte in miniatura, adibita all'ozio venatorio e sensuale, di un regno piccolo piccolo, che col nuovo secolo entrato nel tempo inesorabile della sua dissoluzione.

La Palazzina cinese il luogo dove la caratteristica inclinazione di Palermo al melodramma in pompa magna assume la leggerezza della fiaba e spicca il volo su ali di farfalla. Ma anche dove le velleit di capitale prendono le fattezze, pur eleganti, di una farsa in costume.

Qui, come in un balletto, si recita in assoluta futilit la fine di un'epoca. Si compie una dissipazione, in cui convergono per una volta il gusto per lo scialo napoletano e quello palermitano, in una specie di operetta alla "Cin Ci La" ante litteram, ambientata in una Macao posticcia, in un Katai di maniera, palesemente e voluttuosamente artefatto in un florilegio di smaccate citazioni.

Tutto ci fa della Palazzina cinese un altrove immaginifico ove sempre possibile l'evasione e il mascheramento: un angolino, tra l'ironico e il parodico, di una Palermo alternativa, ancorch illusoria come una quinta di palcoscenico, lontanissima (proprio come la Cina) dalle cupezze sanguinarie della sua storia pi atroce, e come sospesa nell'evanescente leggiadria di un sogno di mezza estate.






news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news