LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nell'antro del serpente di Giunone "lasalvatrice"
SARA GRATTOGGI
LA REPUBBLICA 27 agosto 2014


SONO state le squame incise su quei blocchi in peperino a catturare l'attenzione degli archeologi. E a suggerire la sensazionale portata di una scoperta che identificherebbe per la prima volta l'antro dedicato all'antico culto del serpente sacro a Giunone Sospita (e cio, la Salvatrice ), narrato nell'antichit da Properzio e Eliano. La grotta in cui si svolgeva la misteriosa cerimonia, con le fanciulle che portavano in dono focacce di farro al serpente giudice della loro purezza, potrebbe essere proprio la stipe votiva di Pantanacci, a Lanuvio, salvata nel 2012 dal saccheggio dei tombaroli e diventata meta di studio, per i suoi straordinari ex voto, anche degli esperti del Louvre.

A raccontare la scoperta Luca Attenni, direttore del museo di Lanuvio, che ha lavorato insieme a Giuseppina Ghini della Soprintendenza per i Beni archeologici del Lazio: Stavamo pulendo i cunicoli della grotta quando, proprio accanto all'ingresso, abbiamo notato che dal terreno affioravano dei reperti. Precisamente, sei elementi in peperino, di cui tre blocchi di forma cilindrica di grosse dimensioni, con squame incise sulla superficie . Le analisi di laboratorio e una serie di confronti hanno portato a identificare gli elementi come parte integrante di un grosso serpente in peperino, lungo oltre tre metri, che potrebbe benissimo essere una delle statue del culto menzionato dalle fonti antiche e rappresentato anche su una moneta del 64 a. C. spiega Attenni. Del resto, la stipe non lontana dal celebre santuario di Giunone Sospita, con cui gli archeologi da anni ipotizzavano un collegamento. Da tempo cercavamo l'antro del serpente: c'erano state diverse ipotesi sulla sua localizzazione, ma finora non si era mai pensato che la sacra grotta potesse in realt corrispondere con il sito archeologico di Pantacacci spiega Attenni E, se cos fosse, la scoperta sarebbe davvero sensazionale .

Il culto del serpente, racconta l'archeologo, ha origini antichissime e solo successivamente si fuse con quello di Giunone Sospita. Sappiamo che sopravvisse a lungo, perch citato anche in alcune fonti del V secolo d. C. . Sulla cerimonia non si sa molto: Era legata all'agricoltura e in particolare ai raccolti. Le fanciulle portavano al serpente focacce di farro: se lui le accettava, significava che la ragazza era vergine e che i raccolti sarebbero stati abbondanti. Se invece la rifiutava, significava che la stagione sarebbe stata magra e la fanciulla impura veniva punita secondo la legge, cos dicono le fonti. Forse anche con la morte .

Dopo lo studio, i nuovi reperti saranno esposti nel Museo di Lanuvio, in una sala loro dedicata, vicina a quella che raccoglie molti degli ex-voto rinvenuti negli anni scorsi a Pantanacci.




news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news