LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LATINA-Nella Repubblica Semplice non c' posto per il Corpo forestale dello Stato, le sentinelle ambientali a rischio estinzione
Rita Cammarone
www.CorrierediLatina.it, 29/08/2014

Dal Wwf a Greenpeace, mobilitazione trasversale contro l'accorpamento. La voce di Saviano. In provincia di Latina oltre cento gli agenti che svolgono mansioni delicate al servizio della comunit, i politici del territorio pontino timidi sull'argomento


Sentinelle ambientali a rischio estinzione. Fa discutere il disegno di legge approvato a luglio dal Consiglio dei Ministri e che il 3 settembre approder in Commissione Affari Costituzionali del Senato. Parliamo della riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche che prevede laccorpamento del Corpo forestale dello Stato alla Polizia di Stato.
I NUMERI DELLA FORESTALE NEL TERRITORIO DI LATINA. I forestali che operano nel territorio di Latina e provincia sono poco pi di un centinaio, suddivisi in numerosissimi uffici: Comando provinciale, Nipaf (Nucleo investigativo ambientale) e Niab (Nucleo indagini antincendio), stazioni di Latina, Cisterna, Cori, Sezze, Priverno, Terracina, Itri, Fondi, Spigno Saturnia, Nucleo operativo speciale di Cerasella, sezione di Polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica, Scuola forestale di Sabaudia, Coordinamento territoriale per lAmbiente di Sabaudia, che sovraintende ai comandi stazioni di Fogliano e Sabaudia, Ufficio territoriale per la biodiversit e squadra nautica del Circeo. Una rete istituzionale capillare al servizio della comunit che fa del territorio pontino un centro di estrema rilevanza nazionale per lamministrazione centrale. Ci si domanda come con potr funzionare la nuova macchina della Polizia in un territorio cos complesso, con un Parco nazionale e dieci aree protette, tra monumenti naturali, riserve e parchi, e al tempo stesso delicato da un punto di vista ambientale.
LA MOBILITAZIONE NAZIONALE CONTRO IL DISEGNO DI LEGGE. E in atto da settimane, a livello nazionale, una mobilitazione trasversale contro il disegno di legge. In poco tempo sono state attivate una pagina Facebook Salviamo il Corpo forestale dello Stato ed una petizione sul sito www.change.org che hanno riscosso un grande successo di sostenitori, quasi 35.000 utenti. In pi numerose associazioni hanno comunicato pubblicamente la contrariet al disegno: si tratta di Legambiente, Libera, Greenpeace, Slowfood.
LE PREOCCUPAZIONI DEL SINDACATO UGL, UNA VOCE PONTINA. In provincia forte preoccupazione stata espressa dal dirigente nazionale pontino dellUgl Corpo Forestale dello Stato, Flavio Di Lascio: Ci sarebbe molto da fare sulla riorganizzazione e la razionalizzazione delle forze di polizia, ma il Governo ha scelto, almeno in questa fase, la strada breve tipica di chi ama solo fare proclami: eliminare l'amministrazione pi piccola per poter sbandierare ai quattro venti un risultato che in realt solo apparenza". A giudizio del sindacalista, ''il 90 per cento del bilancio complessivo del Corpo forestale, infatti, viene impiegato per i costi del personale, quindi l'accorpamento con la Polizia genererebbe un risparmio risibile, che avrebbe il solo effetto di privare il Paese dell'unica forza specializzata nel settore ambientale ed agroalimentare''. ''Accorpare le polizie a competenza generale - prosegue -, nonch quelle a competenza ambientale, sia provinciali che delle Regioni Autonome, sarebbe invece una risposta vera e concreta all'esigenza di razionalizzazione delle competenze, ma evidente che mancato il coraggio di fare una riforma seria e si sta cercando di offrire al Paese il solito specchietto per le allodole. Come sindacato che guarda al futuro non siamo assolutamente contrari ai cambiamenti, e siamo consci anche delle difficolt che sta attraversando il nostro paese, ma vorremmo poter discutere e dimostrare, con i fatti, la non positivit della proposta. In pi occorre ricordare che in questi anni l'amministrazione ha comunque messo in atto azioni di risparmio che ovviamente dovranno proseguire con ancora pi forza. Occorre sottolineare anche che la nostra battaglia non quella di mantenere eventuali privilegi ma di far capire umilmente alla politica che la Forestale svolge un ruolo importante nel tessuto sociale nazionale. Ancora in questi giorni stiamo registrando apprezzamenti da parte di sindaci, consiglieri comunali, consiglieri regionali, deputati e senatori, di ogni colore e parte politica che ci fanno ben sperare. Ecco che chiediamo anche ai rappresentanti del nostro territorio conclude Di Lascio - di voler lanciare un segnale.
LA TIMIDEZZA DELLA POLITICA LOCALE. E in effetti mentre i cittadini comuni stanno seguendo i risvolti della vicenda legislativa a livello nazionale, aderendo anche alle campagne poste in essere per salvare il Corpo Forestale, dai politici del territorio pontino, anche rappresentanti della maggioranza del Governo Renzi, si avverte una certa timidezza sullargomento.
SAVIANO: RAZIONALIZZARE PER RENDERE INEFFICIENTE. Il Corpo forestale dello Stato di fatto un moderno Corpo di polizia ambientale che vigila sullambiente, sullagricoltura e sullalimentazione, essendo attrezzato culturalmente per farlo. Cos Roberto Saviano a luglio per lEspresso. Ma perch parlarne? Perch il Governo spiegava lautore di Gomorra vuole accorpare il Corpo forestale alla Polizia di Stato. Un accorpamento che potrebbe peggiorare il suo lavoro e non migliorarlo. Saviano si era fatto unidea chiara sul disegno di legge approvato il mese scorso dal Consiglio dei ministri e che a giorni passer in Commissione Affari Costituzionali del Senato: Razionalizzare per rendere inefficiente: a pochi mesi dalla morte di Tommaso Cestrone aveva scritto a conclusione del suo articolo -, langelo di Carditello, guardia forestale volontaria, questo il messaggio che arriva dal Governo.
QUELLA REPUBBLICA SEMPLICE. Si chiama Repubblica Semplice il disegno di legge approvato dal Governo e che approda ora in Commissione Affari Costituzionali del Senato, ma in realt forse doveva chiamarsi in ben altro modo. Lobiettivo quello di risparmiare sulla macchina dello Stato e si parte da un organico notoriamente ristretto, 7.200 in tuttItalia (mille in meno rispetto al numero degli agenti di Polizia Locale di Roma). La Forestale svolge da sempre un delicato compito di salvaguardia del patrimonio ambientale e paesaggistico che in alcune zone, compresa la provincia pontina, troppo spesso oggetto di attacchi anche della criminalit organizzata. Saviano nel suo articolo su LEspresso ha scritto: Il Corpo Forestale ha un pregio enorme, quello di essere davvero presente nelle zone emarginate del nostro Paese, di riuscire a portare in quelle aree la cultura concreta della legalit, del lavoro e della tutela dellambiente. E di essere credibile soprattutto con chi diffida dello Stato. Stato che ora vuole sopprimerlo, pardon accorparlo.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news