LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - "Enna ingabbiata - Ingabbiamo anche il castello
LA SICILIA - ENNA. Sabato 27 Settembre 2014



Grotte restaurate di contrada Canalotto a Calascibetta
Ad osservare il filmato su YouTube di GinoManna dal titolo "Enna ingabbiata - Ingabbiamo anche il castello", proprio il caso di dirlo, si rimane di sasso. La citt da anni continua ad essere letteralmente ingabbiata da strutture che fanno pensare proprio alle gabbie per le galline. Se lo scopo di evitare la caduta di qualche masso che pu causare danni anche alle persone, il metodo usato discutibile. Una rete metallica non pu essere la soluzione al problema massi e a dirlo sono le tante associazioni che da mesi si stanno battendo contro l'ingabbiamento del costone roccioso del Castello di Lombardia. Fin dall'inizio - sostengono - ci siamo dichiarati contrari all'intervento di consolidamento che prevede l'uso di chiodature, cavi d'acciaio e reti nella zona del Castello, in quanto ci provocherebbe un impatto visivo che contrasta con la bellezza naturale dei luoghi e con l'importanza archeologica e monumentale dell'area in questione.
Questa presa di posizione trova ancora pi forza su quanto sostiene l'archeologo Sandro Amata a proposito dei lavori di consolidamento e messa in sicurezza che, nell'aprile del 2007, furono eseguiti a salvaguardia del villaggio rupestre di contrada Canalotto a Calascibetta. La situazione del costone roccioso - dice Amata - si presentava gravissima: grandi pezzi di roccia minacciavano di crollare con la conseguenza di perdere del tutto il sito gi interessato da fenomeni di dissesto. Nella fase progettuale, il geologo incaricato condusse delle indagini con carotaggi per studiare la natura del banco roccioso e formulare le ipotesi tecniche di intervento. Il team di professionisti incaricati decise di intervenire con un opera di restauro ambientale rispettoso dell'insediamento. Si stabil di non usare reti e cavi, come voleva il Genio Civile di Enna, ma semplicemente consolidare il costone con chiodi a scomparsa lunghi anche 20 metri, con la pulizia e sigillatura di tutte le crepe su un fronte lungo circa 150 metri e alto circa 25 metri. L'intervento proposto trov l'avvallo decisivo dell'allora responsabile della sezione Beni paesaggistici della SOPRINTENDENZA di Enna. Fu impiantata una impalcatura quasi faraonica che da sola assorb la met del finanziamento di circa 380 mila euro. I lavori durarono circa tre mesi; ad oggi, l'insediamento non presenta alcun problema statico.
Per cui, si chiedono molti ennesi, perch non utilizzare queste tecniche anche per il Castello di Lombardia?
Giacomo Lisacchi


27/09/2014



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news