LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Lucca apre le porte a Giotto per la prima volta in 700 anni
di Paola Taddeucci
IL TIRRENO 05 ottobre 2014 pagina 61 sezione: Nazionale



Buio in sala, le luci solo sulla Madonna e la voce che narra l'incontro immaginario tra Giotto e Dante, da cui nasceranno alcuni meravigliosi versi del V canto dell'Inferno. E' lo scenario in cui si caler, nella chiesa di San Franceschetto, il racconto inedito che Marco Vichi, lo scrittore fiorentino autore dei romanzi del commissario Bordelli, ha creato per la mostra del capolavoro di Giotto.

Voce narrante dell'attore lucchese Alessandro Bertolucci e musiche di sottofondo scelte da Marcello Petrozziello, del testo di Vichi i visitatori ascolteranno un estratto, della durata di circa venti minuti, mentre il racconto completo contenuto nel catalogo in vendita a due euro ed edito da Publied. Nel racconto di Vichi Dante sta scrivendo il V canto, quello dei lussuriosi dove ci sono anche Paolo e Francesca, ma non ha ispirazione.

Giotto gli spiega che nei quadri dipinge persone che conosce, chi gli sta antipatico, per esempio, lo rappresenta come un diavolo. Per Dante sar lo spunto per attingere, anche lui, dalla vita e tramutarla in versi. Immortali. (p.t.)


LUCCA La prima volta di Giotto nella citt delle Mura ha il sapore dell'evento. Intanto perch il maestro fiorentino non soggiorn mai a Lucca e mai una sua opera a oltre 700 anni dalla morte vi stata esposta. Poi perch questa prima volta avviene in una cornice che lui, autore nella basilica di Assisi dei pi importanti affreschi dedicati a San Francesco, avrebbe adorato: un ex convento francescano, immenso complesso situato nella piazza del centro storico intitolata al santo e restaurato un anno fa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. La chiesa di San Franceschetto, uno dei tanti edifici che fanno parte del complesso, ospita da oggi fino all'8 dicembre la Madonna di San Giorgio alla Costa, tavola dipinta da Giotto nel 1295. Di propriet del Museo diocesano di Firenze, l'opera ha un valore inestimabile, rappresentando uno dei lavori di svolta della pittura di Giotto e dell'arte in generale: l l'allievo di Cimabue si sgancia dalla tradizione bizantina e getta le basi della sua ricerca verso una rappresentazione pi realistica, un'umanizzazione dei personaggi e la rivoluzione prospettica che culminer nel Rinascimento. Un capolavoro senza prezzo che in occasione della mostra di Lucca, come ogni volta che si muove dalla sua sede naturale, coperto da una polizza assicurativa di 15 milioni di euro, valore puramente simbolico e pattuito tra l'ente prestatario, il museo fiorentino, e la Soprintendenza ai beni artistici di Firenze. Per spostamenti pi lunghi, ad esempio a Parigi o in Giappone, il valore dell'assicurazione arriv al doppio. La Madonna arrivata venerd da Firenze, con tutti gli accorgimenti necessari quando si tratta di carichi del genere.. Imballata in una speciale cassa con controcassa che la tiene ferma e trasportata su uno speciale furgone, dotato di gps, sospensioni idrauliche per non avere scossoni, e climatizzatore che assicuri una temperatura tra i 16 e 22 gradi e un'umidit relativa tra il 50 e il 55%. Valori da mantenere anche nei locali dell'esposizione. C', poi, una terribile pagina nella storia del dipinto. E' datata 1993 e ha i colori del sangue e della morte causati dalle bombe che in via dei Georgofili, a Firenze, uccisero cinque persone. La tavola all'epoca custodita nei magazzini degli Uffizi fu seriamente danneggiata da migliaia di schegge di vetro. Una di queste stata volutamente lasciata durante il restauro. La visione (ogni 30 minuti) sar accompagnata da un testo inedito di Marco Vichi. Biglietto 5 euro, apertura dalle 11 alle 20 dal marted alla domenica.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news