LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Affreschi del Pordenone inaccessibili ai visitatori
Giuseppe Ragogna
Il Messaggero Veneto, 6-10-2014

I luoghi della Pedemontana custodiscono tesori. Peccato non siano sfruttati

ORDENONE. Perch attendere la prossima provocazione di Vittorio Sgarbi per ammirare le opere di Giovanni Antonio de' Sacchis, per tutti "il Pordenone"? Non serve una mostra milionaria per accedere al patrimonio artistico. Numerose delle sue opere sono sparse in giro per il Friuli.

Se ne rilevano le tracce nelle guide turistiche. Il "percorso pordenoniano" infatti tra le tappe consigliate, segnalate con degli asterischi che equivalgono all'importanza attribuita ai lavori del pittore. Alcuni luoghi della Pedemontana sono ricchi di affreschi.

Il Pordenone lasciava preziosi segni del suo passaggio, in certi casi abbondanti come nelle chiese dello Spilimberghese. Qual il grado di accessibilit ai siti? Le recenti polemiche di Vittorio Sgarbi, sull'insensibilit verso il grande artista, hanno aperto una ferita.

Qual la situazione? Per una verifica sul campo mi sono improvvisato, per un pomeriggio, turista alla riscoperta dei luoghi pi periferici, ma non per questo meno significativi.

Prima tappa: la chiesa di San Pietro, a Travesio, uno storico edificio, le cui prime memorie risalgono al XII secolo. Per la vita del Pordenone un luogo importante. L'edificio contiene due suoi cicli di affreschi (complessivamente i pi vasti) realizzati in tempi diversi.

Per questo motivo, sono le opere che meglio testimoniano l'evoluzione artistica. La decorazione dell'abside risale al 1516 e interessa storie della vita di San Pietro e altre tratte dal Vecchio e Nuovo Testamento. Le pareti, invece, furono affrescate dopo il suo ritorno in Friuli (1525-26), al termine di altre stimolanti esperienze.

Le scene riguardano la Conversione di Sauro, l'Adorazione dei Magi, le Nozze di Cana. La chiesa ha tre ingressi. Ahim, tutte le porte erano sbarrate. Una gentile signora, in visita al cimitero, mi ha subito messo di fronte al problema della sicurezza: Non sa, qui sono venuti a sgraffignare. Niente di preoccupante, ma non si sa mai. C' sempre il rischio che il diavolo ci metta lo zampino, magari con le messe nere in questi posti un po' appartati. Giovinastri....

Ha interrotto sul nascere l'invettiva per darmi il consiglio che attendevo: Vada dalle suore dell'asilo, potrebbero avere le chiavi. Operazione non semplice.

Dopo varie insistenze, probabilmente constatato da parte delle due anziane suore che non ero un malintenzionato, piano piano si sgretolata anche la barriera della diffidenza. E la conversazione ha preso una buona piega. Addirittura, comparso un piccolo dpliant sull'antica pieve, con traduzione in inglese, segno che ci si vuol aprire al turismo.

Il mio obiettivo era farmi aprire la chiesa. Cos ho calato la carta della professione, magari poteva aiutare: Sono un giornalista interessato a diffondere un messaggio di richiamo alla nostra Pedemontana, che si sta spopolando.

Ormai eravamo entrati in confidenza: Ah, s, Travesio sta proprio morendo e cos i paesi vicini. Pensi che a Castelnovo del Friuli hanno chiuso l'ultimo negozio di alimentari. E poi qui nessuno viene pi a messa, quindi meglio tenere la chiesa chiusa quando non ci sono le funzioni. Lei capir, abbiamo paura dei furti. Le chiavi del portone per non volevano proprio spuntare. Perch? La responsabilit stata scaricata sui livelli gerarchici pi alti: Le ha il parroco.

E subito mi hanno dato la buona notizia: Sta arrivando, ma stia attento che un pochino... nervoso. Come sapr, i preti mancano. I pochi che ci sono, soprattutto in montagna, devono occuparsi di pi parrocchie. Un gran lavoro, pensieri e ancora pensieri.

Il sacerdote non mi ha espresso il massimo della cortesia. Anzi, con tono poco conciliante, ha tagliato corto: La chiesa chiusa. E con atteggiamento brusco ha zittito anche la povera "sorella" che gli stava spiegando la mia curiosit di giornalista: No.

Preso in contropiede, ho abbozzato con un filo di voce: Beh, potrei ritornare, mi fissi un appuntamento. Risposta secca di fronte alle due suore imbarazzate: Se la domenica viene a messa avr un'oretta di tempo. Altrimenti, visto che si dichiara giornalista, batta i pugni energicamente sul tavolo della Sovrintendenza. Io non mi assumo responsabilit. La saluto.

Fine delle comunicazioni. Domanda: perch non mettere in rete ogni informazione sui luoghi artistici del Pordenone, per ripristinare condizioni di accessibilit? Basterebbe raccogliere le prenotazioni per facilitare la composizione di qualche gruppetto, considerato che ci sono richieste.

Forse, pi che la Sovrintendenza, dovrebbe intervenire il vescovo: la chiesa luogo di preghiera, di comunit e anche di contemplazione delle opere darte conservate. Laccesso non dovrebbe restare un atto esclusivamente privato.

Seconda tappa: l'oratorio di Santa Maria dei Battuti, a Valeriano. L dentro c' la Nativit (1524). Merita veramente una visita, perch una delle pi alte realizzazioni del Pordenone, ricca di particolari. Chiuso. Vabb, pazienza. In fin dei conti, l'interno l'avevo gi fotografato una quindicina di giorni fa.

Non mi rimaneva che attraversare la strada perch, dall'altra parte, c' la chiesa parrocchiale di Santo Stefano con all'interno il trittico che segna gli esordi dell'artista. Tutto sprangato. E in canonica non c'era anima viva.

Terza tappa: la chiesa di San Martino, a Pinzano, praticamente nel centro del paese. L'edificio ospita altre tre opere di grande importanza artistica (1527-28). Niente da fare, tutto chiuso. Anche in questo caso, una gentile signora mi ha intrattenuto con una lezione sulla sicurezza: Sa com'... con tutti gli immigrati in circolazione.

Una curiosit: Ma quanti ne ospitate?. Risposta: Ne passano di tutti i colori. Inutile insistere, tanto l non c' neanche il parroco fisso. Domanda finale: perch nella bacheca degli avvisi sacri non si mette anche il recapito di qualche volontario? Non voglio credere che non esista pi qualche animo generoso nel cuore del Friuli. Impossibile.

Quarta tappa: la chiesa di San Lorenzo, a Vacile. All'interno, il coro stato affrescato dall'artista attorno al 1508. L'edificio un po' appartato. Era chiuso. Per visite sicure ci sono i centri pi grossi: Spilimbergo e Pordenone. Ma non la stessa cosa. Il percorso "pordenoniano" in giro per le chiesette affrescate ha il fascino di una caccia al tesoro, che pu sollecitare la curiosit dei turisti amanti dell'arte.

Probabilmente quelle opere, ormai cos fragili, non potrebbero mai essere proposte in una grande mostra. Non resta che ammirarle nei luoghi di origine, dove sono collocate nel loro contesto naturale. Ecco perch i siti che le raccolgono costituiscono un valore aggiunto che i paesi potrebbero sfruttare. Sempre che la Pedemontana non abbia deciso di lasciarsi morire.

http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2014/10/06/news/affreschi-del-pordenone-inaccessibili-ai-visitatori-1.10058697


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news