LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Corsa per sanare 74 mila abusi di pregio
ALESSIO GEMMA
09 ottobre 2014 LA REPUBBLICA





IRIFLETTORI, ora, sono puntati soprattutto sulle zone cosiddette "vincolate", nelle quali sono censite 74.874 costruzioni abusive. DI queste, solo per 10.094 in 20 anni sono state esaminate le domande. Scatta cos il via libera al condono anche per chi si ritrova una casa in un territorio ad alto valore paesaggistico come la penisola sorrentina e i campi flegrei. O in un'area di pregio dal punto di vista storico-culturale come il centro di Napoli. Lo hanno deciso le norme approvate dalla Regione ad agosto e impugnate dal governo Renzi per "chiari profili di incostituzionalit rispetto alle leggi nazionali". La questione giuridica la risolver la Corte costituzionale, non prima di un anno e mezzo. Intanto si apre lo spiraglio per una sanatoria che riguarda 214.229 richieste presentate dai cittadini campani ai rispettivi Comuni. Per effetto di un paio di commi introdotti dalla giunta di Stefano Caldoro, si riaprono i termini per dare l'ok ai condoni: si era fermi al 2006, ora i municipi avranno tempo fino a fine 2015. Ma soprattutto la giunta di centrodestra allarga il campo delle sanatorie: se prima di agosto non si potevano regolarizzare gli abusi nelle aree sottoposte a vincolo, ora la Campania ha stabilito che bisogna opporsi solo se "i vincoli comportano inedificabilit assoluta". Ecco perch atteso lo sprint soprattutto su quei 64 mila abusi edilizi in "zona vincolata" che finora i Comuni non avevano toccato. Delle 214 mila pratiche censite, sono 104 mila i provvedimenti appena avviati, 119 mila quelli conclusi. I numeri restituiscono una metropoli grande come Napoli. Una citt "invisibile": piccole e grandi abitazioni spuntate sui territori campani, ma sconosciute sulla carta ai 551 municipi della Regione. Perch privi di autorizzazioni e licenze. Chi ha provato a mettersi in regola dopo aver edificato ha presentato una richiesta ai sensi di tre leggi nazionali che introducevano le sanatorie: la prima nel 1985, la seconda nel 1994 e l'ul- tima nel 2003. Carte perlopi rimaste nei cassetti comunali. Vedi Napoli: oltre 85 mila istanze di condono, circa 29 mila quelle esaminate. Non va meglio a Salerno: 14.875 le domande, 4976 quelle visionate. Poi ci sono le 8524 di Marano, le 7960 di Afragola, le 7774 di Cava de' Tirreni, le 5373 di Castellammare di Stabia. Pensare che chi si rivolto al Comune ha gi versato oneri concessori che oscillano in media tra i 20 mila e i 40 mila euro: E' neces- sario spiega Marcello Taglialatela, ex assessore regionale all'Urbanistica che ha svolto il censimento che le amministrazioni comunali diano risposta ai cittadini che hanno versato quei soldi. Il centrosinistra non faccia confusione. C' alla base un interesse collettivo perch il valore immobiliare di quelle costruzioni sar diverso quando i condoni saranno accolti . Non ci sta Anna Savarese, vicepresidente di Legambiente Campania: Si tratta di case edificate spesso con cemento scadente, senza i requisiti di sicurezza. Cos si gioca sulla pelle dei cittadini, anche il governo contesta alla Regione il rischio idrogeologico. Caldoro si garantisce il consenso elettorale, ma rispetti i piani superiori urbanistici e paesistici. E nella mappa degli abusi da sanare spiccano le aree vincolate con i 4816 condoni richiesti a Bacoli, i 3264 di Capri, i 5545 di Massalubrense, i 1193 di Ravello, i 2263 di Monte di Procida, i 4443 di Sant'Antonio Abate. Una manovra politica dichiara Michelangelo Scannapieco, presidente del comitato che lotta contro le demolizioni "Diritto alla casa in penisola sorrentina" Caldoro non vuole perdere la Regione, il governo che impugna le norme ci aveva promesso di darci una mano . Quando Palazzo Santa Lucia ha chiesto riscontro sui condoni presentati ai 551 Comuni hanno risposto soltanto in 130.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news