LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caos musei: le reazioni di Paolucci, Strinati e della Uil
KwArt News 15 ottobre 2002

Il soprintendente dei musei di Firenze parla “di grande confusione”, il responsabile del Polo museale di Roma di “un momento difficile”, per il segretario generale Cerasoli Urbani ha lavorato con grande superficialità
ROMA - La sentenza del Consiglio di Stato ha creato intorno al patrimonio artistico italiano una situazione complessa e difficile da gestire, molto delicata perché da un punto di vista amministrativo si è davvero sull’orlo del caos.
“E’ un momento difficile, di grande confusione”, ammette Antonio Paolucci, ex ministro e soprintendente dei musei fiorentini, ricordando che tra l’altro ancora non è stato varato il regolamento della legge che ha istituito l’autonomia delle grandi istituzioni. I poli museali di Firenze, Roma, Napoli e Venezia ormai godono, almeno sulla carta, di completa autonomia. Paolucci ha addirittura preparato un bilancio di previsione. Ma nulla può essere attuato senza il regolamento. E adesso è bloccato anche il decreto ministeriale che investiva l’articolo 33 della finanziaria.
Sostiene Claudio Strinati, soprintendente del polo museale di Roma: “Siamo andando in una precisa direzione: la tutela allo Stato, la promozione alle amministrazioni locali, cioè alle regioni. Ricordandosi bene che esistono delle istituzioni, dei musei nazionali. Resteranno allo Stato. Non a caso sono stati istituiti i poli museali. Le istituzioni che ne fanno parte non sono soggette a delega verso terzi, cioè le istituzioni regionali. È chiaro che se organizziamo una mostra alla Galleria nazionale di palazzo Barberini, che è parte del polo museale romano, non potrà che essere pubblicizzata e gestita da coloro ai quali è affidata questa istituzione. Non analizzo il dettato della norma ma non vi può essere un principio generale diverso”. Conclude Strinati: “Certo, il momento è difficile. L’attuale normativa è stata varata prima di qualsiasi intervento di tipo federalista della Stato. C’è bisogno di aggiornamenti giurisprudenziali. Da questo possono nascere incertezze e dubbi”.
Secondo Gianfranco Cerasoli segretario generale di Uil Beni e attività culturali, “tutto ciò significa che il ministro Urbani ha lavorato per un anno, sulla scorta di quanto gli hanno proposto i suoi consiglieri ( Sgarbi in sede di audizione alla Camera lo scorso anno sostenne che l’art.33 era stato scritto da un ignorante) con grande superficialità dal momento che alla presentazione della legge finanziaria dello scorso anno la modifica del titolo V della Costituzione era già stata pubblicata e ancor peggio il Consiglio di Stato in adunanza generale con il parere n.1 dell’11 aprile 2002 aveva ribadito il principio di carattere generale della legge” .
“A queste improvvisazioni - conclude Cerasoli - si aggiungono anche i rilievi mossi al ministero dalla Corte di giustizia delle Comunità Europee per violazione degli obblighi sul controllo delle società miste che il ministero voleva costituire (rilievi fatti anche alla Francia), nonché il ricorso alla Corte Costituzionale sull’art.33 da regioni quali Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Umbria, che dimostrano in quali mani si trovano le sorti dei Beni culturali del nostro Paese”.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news