LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Antonio Purpura sui siti Unesco Prioritario mantenerli
Lillo Miceli
LA SICILIA Mercoled 03 Dicembre 2014

Palermo. Beni culturali, ovvero croce e delizia della Sicilia. Dovrebbero essere il nostro "oro nero", invece sono spesso fonte di sprechi e mala gestione. Alla guida di questo assessorato che dovrebbe essere il pi importante della Regione siciliana, negli anni si sono alternati politici e tecnici di ogni genere che si sono limitati a nominare sovrintendenti e direttori, senza riuscire a fare il necessario salto di qualit. Da qualche settimana assessore ai Beni culturali un economista: Antonio Purpura, docente di Economia del turismo. Si direbbe l'uomo giusto al posto giusto e non solo per i titoli accademici, ma perch in pochi giorni riuscito ad avere chiaro il quadro, pessimo, in cui versano i sette siti che sono stati inseriti nella lista dell'Unesco come patrimonio dell'Umanit. Siti che, a causa della cattiva gestione, rischiano di essere cancellati, mentre la Sicilia attende l'esito della candidatura del percorso arabo-normanno che comprende Palermo, Monreale e Cefal.

Assessore, come pensa di intervenire per evitare le cancellazione di questi siti dalla World Heritage list dell'Unesco?
Siccome i siti Unesco hanno una grande capacit attrattiva, valorizzarli una priorit. Sulle criticit dei sette siti sto verificando quanto sia responsabilit della Regione e quanto dei Comuni in cui ricadono. Ho creato un gruppo di lavoro composto da funzionari del mio gabinetto e del dipartimento Beni culturali. Dobbiamo vederci chiaro. Altrimenti inutile parlare di nuove strutture ricettive e di attrazione di investimenti esteri. Un aspetto del problema, questo, che sto affrontando insieme con l'assessore al Turismo, Cleo Li Calzi.

Appena insediato ha dovuto fare i conti con i musei chiusi per le festivit e il "caso Siracusa".
Abbiamo scongiurato il rischio che musei e siti archeologicI restassero chiusi durante le prossime festivit natalizie, a cominciare dal giorno dell'Immacolata. Per quanto riguarda la questione Siracusa, sto studiando attentamente le carte.

I giacimenti culturali siciliani dovrebbero essere la chiave di volta per la destagionalizzazione turistica. Invece, gli alberghi rimangono quasi vuoti anche nell'alta stagione.
Non voglio sconfinare nelle competenze dell'assessore Li Calzi. Potenzialmente potremmo aumentare la ricettivit, ma nello stesso tempo non riusciamo a sfruttare al meglio i posti letto che abbiamo. L'emergenza riempire questi posti letto "freddi". Il coordinamento con l'assessore al Turismo fondamentale. Bisogna anche, a breve scadenza, adottare una serie di iniziative, come la chiusura di alcuni siti che non possono essere raggiunti facilmente dai visitatori, per valorizzarne altri. In quest'ottica sarebbe una iattura una bocciatura dell'Unesco.

E' riuscito ad avere un quadro generale delle problematiche del suo assessorato?
Problematiche ne ho trovate tante e vengono da lontano. Ma la farraginosit delle procedure a rendere tutto pi difficile. Il presidente della Regione, Crocetta, ha inviato una lettera a tutti gli assessori per accelerare la spesa dei fondi europei 2007-2013, noi dobbiamo certificare 20 milioni entro il 2014, per evitare il disimpegno. Bisogna lavorare sulle procedure per renderle pi snelle.

L'accordo per l'apertura dei musei nei giorni festivi e le domeniche vale fino al 31 dicembre. Nel 2015 cosa succeder?
Bisogna dare la certezza dell'apertura, magari aggregando musei e siti archeologicI secondo la logica dei poli, distinguendo tra gestione e servizi. Ovviamente, bisogner prevedere la mobilit del personale. Proveremo a convincere i sindacati.

Come pensa di utilizzare i fondi europei 2014-2020 per la parte che riguarda i Beni culturali?
Una parte delle risorse sar certamente destinata ai siti dell'Unesco. Non penso a grandi progetti, ma condivido l'idea dell'assessore Li Calzi di rivedere i Distretti turistici dove la rappresentanza imprenditoriale in minoranza. L'ipotesi quella di coordinare i poli dei beni culturali con i distretti turistici, per fare in modo che si arrivi al 2020 con un sistema turistico degno di tale nome. Un esempio? Creare una sinergia tra il distretto delle ceramiche di Caltagirone e Santo Stefano di Camastra con la Fiumara d'Arte, la pi grande installazione di arte contemporanea.


03/12/2014



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news