LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pale eoliche nel parco degli uccelli sequestrati impianti e fondi pubblici
04 dicembre 2014 LA REPUBBLICA



PER l'Unione europea era uno dei paradisi degli uccelli selvatici, tanto da essere protetto (e finanziato) come una riserva assai speciale. Ma per i comuni non c'era alcun problema tanto da aver rilasciato le autorizzazioni a quegli enormi mulini a vento che hanno messo a rischio specie rarissime. Ieri per scattato il blitz: diciannove pale eoliche e tre cantieri - realizzati su terreni sottoposti a vincoli paesaggistici, ambientali e idrogeologici - sono stati sottoposti a sequestro, su disposizione della magistratura tarantina, dal Corpo Forestale dello Stato e dalla Guardia di Finanza. Gli impianti si trovava a Crispiano e Massafra. Nello specifico, secondo l'accusa, nelle localit Vallenza, Montemoro e Cacciagualani sono stati realizzati 19 aerogeneratori, ed altri tre sono in fase di costruzione, in assenza di autorizzazioni paesaggistiche, di parere dell'Autorit di Bacino della Puglia e di Valutazione di Incidenza Ambientale, rigorosamente prescritte in quanto opere realizzate su terreni sottoposti ad una serie di vincoli di natura paesaggistica, ambientale e idrogeologica. Gli indagati sono 12: ci sono amministratori di societ, tecnici progettisti, direttori dei lavori e proprietari dei terreni ai quali vengono contestati i reati ambientali, lottizzazione abusiva, truffa e falsit ideologica. L'indagine per soltanto a un primo step perch ora i sostituti procuratori Enrico Bruschi e Lucia Isceri dovranno valutare se ci sono responsabilit degli enti autorizzatori che non hanno vigilato permettendo la realizzazione delle opere.

Secondo l'accusa in nessuna maniera si potevano realizzare quelle pale in quella zona. Quella una zona individuata come di massima protezione dall'Unione europea perch insistono sia le Zps ( Zona di protezione speciale), sia il Sic (Sito di importanza comunitaria), "Area delle Gravine" e dell'Iba 139 (Important bird area). La prima riguarda la conservazione degli uccelli selvatici e riconosce la perdita e il degrado degli habitat come i pi gravi fattori di rischio per la conservazione degli uccelli selvatici. La seconda attiene alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche. Dati questi che hanno consentito in questi anni ai proprietari di fondi anche ad accedere a particolari agevolazioni. E che nonostante questo hanno poi permesso l'installazione delle pale: non a caso ieri sono state sequestrate nell'ambito dell'inchiesta anche 350mila euro.

Secondo gli investigatori, per costruire in quella zona gli impianti era necessario ottenere anche una preventiva Valutazione di Incidenza ambientale con la quale si sarebbe dovuto considerare, fra l'altro, l'impatto degli impianti eolici sull'habitat naturale della fauna, in particolare sulle abituali rotte migratorie degli uccelli. Le pale eoliche, secondo gli accertamenti, possono costituire una fonte di pericolo soprattutto per i grandi veleggiatori, i rapaci, le gru, le cicogne, ma anche per i piccoli migratori. Ma l'effetto deleterio delle pale - spiegano gli investigatori - non solo diretto. Oltre alla morte per collisione, vi possono essere effetti dannosi per l'avifauna per almeno altre due ragioni: sottraggono territorio agli uccelli e provocano loro un effetto barriera che obbliga gli stormi a seguire itinerari pi lunghi durante i voli di migrazione.

Quello dell'eolico in zone protette un vecchio problema della Puglia: una situazione simile si era verificata nella Murgia dove alcuni impianti hanno messo a rischio la sopravvivenza di alcune specie assai rare. Molto stato possibile anche grazie agli scarsi controlli dei comuni che hanno rilasciato permessi anche dove non dovevano. Gli uffici della Regione, proprio per questo, hanno iniziato in estate una ricognizione chiedendo appunto lo stato dell'arte comune per comune in modo da incrociare i dati e intervenire in caso di anomalie.





news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news