LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Le oasi naturali in stand-by; la Regione blocca il rilancio
isabella di bartolo
LA SICILIA Gioved 04 Dicembre 2014 Siracusa


Riflettori su Pantalica Val d'Anapo, Cava Grande, Vendicari" e "Fiume Ciane e Saline di Siracusa"



Un'attesa lunga 15 anni per il rilancio delle aree protette della provincia. A sollevare la questione Ente fauna siciliana che, ancora una volta, parla di occasioni da cogliere al volo in riferimento alle normative regionali che prevedono i ticket d'ingresso nelle aree protette dell'Isola.
Un'opportunit importante - dice Marco Mastriani, responsabile dell'associazione ambientalista - Da oltre quindici anni la Regione, pur avendo legiferato in materia, ad oggi, con l'eccezione della Riserva naturale orientata dello Zingaro in tutte le altre riserve naturali esistenti nel territorio regionale non ha applicato la legge.
Riserva naturale orientata Pantalica-Val d'Anapo, Riserva naturale orientata Cava Grande del Cassibile, Riserva naturale orientata "Oasi faunistica di Vendicari" e Riserva naturale orientata "Fiume Ciane e Saline di Siracusa".
E a tal proposito, Mastriani solleva un'altra questione relativa a tutte le aree protette della provincia: Riserva naturale orientata Pantalica-Val d'Anapo, Riserva naturale orientata Cava Grande del Cassibile, Riserva naturale orientata "Oasi faunistica di Vendicari" e Riserva naturale orientata "Fiume Ciane e Saline di Siracusa". Tutti questi tesori - dice Mastriani - sono state colpite da numerosi incendi che hanno provocato ingenti danni ambientali al patrimonio naturalistico, oltre un danno di immagine per il nostro territorio a forte vocazione turistica che si aggiunge all'ingente danno economico che ha gravato sui tanti operatori turistici e commerciali che si sforzano di promuovere e incentivare la fruizione dei turisti, visitatori e cittadini all'interno delle riserve naturali.
A ci si aggiunge un ulteriore aspetto "nero" legato non solo alla situazione della provincia aretusea. Un aspetto del tutto vergognoso quando si parla delle nostre riserve - dice ancora l'esponente di Ente fauna siciliana - quello legato alla dotazione dei servizi, citato nelle leggi regionali, che fino ad oggi manca quasi del tutto nelle aree protette che offre il territorio siciliano e che spesso vede le riserve naturali prive di servizi igienici, punti di informazione e accoglienza turistica, cartine turistiche, centri di educazione ambientale, segnaletica turistica, vigilanza permanente, aree attrezzate, eccetera, nonostante l'impegno e gli sforzi dell'ente gestore che in questo caso l'Azienda foreste demaniali della Regione Sicilia.
Mastriani torna sull'opportunit del ticket d'ingresso voluto dalla Regione con una lagge del 1999. Una noema che, in particolare al comma 2 recita, "le somme derivanti dalla vendita dei biglietti sono acquisite dagli enti parco, dai gestori delle riserve, delle oasi naturali e delle aree attrezzate sono destinate alla manutenzione delle aree protette e all'incremento delle dotazioni dei servizi". La non applicazione di queste normative - aggiunge Mastriani - non solo ha creato un enorme danno erariale alle esigue casse regionali, per mancanza di introiti derivato dalla non applicazione delle leggi regionali, ma anche e soprattutto un ingente e grave danno di immagine alla nostra Sicilia, a forte vocazione turistica che potrebbe puntare seriamente sul turismo culturale, naturalistico, scolastico, archeologicO, come vero e proprio modello di sviluppo. L'ecoturismo un fenomeno in forte crescita in tutte le aree protette in Italia e in Europa. Per questa ragione, non pi accettabile l'immobilismo dell'amministrazione regionale siciliana. Chiediamo che gli errori del passato non si ripetano pi e applicando le leggi regionali esistenti, al fine di tutelare le aree protette della regione Sicilia, si possano maggiormente tutelare, potenziando i servizi esistenti e offrendo maggiori opportunit ai turisti, visitatoti e cittadini, che annualmente con flussi notevoli (milioni e milioni di visitatori), frequentano le aree protette della nostra terra, la Sicilia.
Ancora, la legge regionale del 2012 evidenzia come "al fine di incrementare i servizi ai visitatori e le attivit di tutela delle aree protette, previsto il pagamento di un biglietto di accesso per le aree naturali protette e per le aree attrezzate da individuare con successivo decreto dell'assessore regionale per il Territorio, emanato di concerto con l'assessore regionale per l'Economia, sentiti gli enti gestori delle aree naturali e i Comuni nei quali sono ricomprese le aree interessate". Un altro aspetto, dunque, fondamentale in termini di promozione.
Da notizie stampa - conclude Mastriani - si apprende che per alcune aree protette della Regione Sicilia si stava procedendo per l'istituzione dei ticket d'ingresso ma ad oggi non risultano atti concreti.


04/12/2014



news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news