LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GROSSETO - Quei 72 appartamenti al posto di 93 pini. E il cantiere fermo
di Francesca Ferri
9-12-2014 IL TIRRENO

Marina di Grosseto, lavori iniziati nel 2006 tra le proteste. Poi gli abusi, lo stop e la sanatoria. Mai saldata

MARINA DI GROSSETO. Dovevano essere settantadue appartamenti, due piscine, la sede del circolo nautico e vari negozi. Per realizzarli, lungo il canale San Rocco a Marina di Grosseto, 30mila metri quadrati di pineta hanno dovuto lasciare il posto a 8.500 metri cubi di cemento. Sono stati abbattuti 93 pini.

A distanza di nove anni dalla presentazione della pratica edilizia, il risultato di quelloperazione sotto gli occhi di chiunque, arrivando a Marina dalla strada Grossetana, giri nella prima strada che si trova a sinistra, via del Navigatore: al posto della pineta c unenorme struttura non ancora terminata, abbandonata da circa due anni.

A fermare il cantiere non stata la protesta di abitanti e ambientalisti, che pure a suo tempo hanno dato battaglia. N le leggi nate contemporaneamente alla posa della prima pietra, e che tutelano la pineta da speculazioni edilizie.

Lo stop arrivato per una multa da 69.538,65 euro che la ditta tarda a pagare al Comune per sanare alcune difformit edilizie riscontrate dai vigili urbani in un sopralluogo nel 2010: realizzazione di terrazze, verande di dimensioni diverse da quelle previste, modifica di alcune pendenze, lievi modifiche interne. E cos, al posto della pineta, Marina si ritrova oggi con tre palazzoni lasciati a met.

questa la storia della Cav (case appartamenti vacanze) della societ cooperativa Acquamarina, con sede a Lucca (ma nata a Prato), di propriet di Aldo Patrizio Mariotti, Assuntina Sani, Adriana Mariotti, Arturo Castellucci, Valerio Polvani, Mirella Grappolini, Gabriella Siveri, Bruna Guglielma Serafini.

Tutto nasce nel 1996, quando il consiglio regionale approva la variante Contesto porto di Marina al Piano regolatore generale del Comune di Grosseto. La variante introduce la possibilit di costruire nella pineta lungo il canale San Rocco, nel quadrilatero compreso tra il depuratore, via Grossetana, via del Navigatore e, appunto, il Fossino, un mega complesso residenziale di settantadue case vacanze su due piani, con piscine e negozi. Per far posto al cemento, si prevede di abbattere 145 pini.


Il 23 novembre 2006 il Comune rilascia lautorizzazione alle opere. Lapertura del cantiere viene per accompagnata da un moto di proteste degli abitanti e di Legambiente. Come possibile, si chiedono, che si abbattano tre ettari di pineta per far posto a delle case?

Il percorso stato questo: lAcquamarina ha acquisito larea un po da privati un po dal Comune. Per la parte di propriet di questultimo, paga 553.200 euro. Quindi, per ottemperare alle prescrizioni imposte dal vincolo idrogeologico che insiste su questa area, a fronte dellabbattimento di 145 piante di pino marittimo cos recita la convenzione lAcquamarina (nel 2006) ha versato alla Provincia 7.800 euro di oblazione per il cosiddetto rimboschimento compensativo. Si tratta, calcotrice alla mano, di 53 euro a pino. Cinquantatr.

A compensazione del danno per il verde, la societ si impegna a riqualificare la pineta adiacente ripiantando 130 piante, e a cedere poi larea di 20.400 metri quadrati al Comune per fare una pineta a uso pubblico. I 40.544,50 euro del costo di questa sistemazione vengono scomputati dagli oneri di urbanizzazione.

Passando al setaccio la documentazione, si scopre per che i 145 pini che lAcquamarina aveva previsto di dover abbattere non sono tutti pini marittimi, come scritto nella convenzione. Molti sono domestici, pi pregiati e tutelati.

Il cantiere viene subito bloccato e il Comune costretto a un imbarazzante sopralluogo per controllare le piante una a una. Alla fine non ci sono proteste che tengono: nonostante il calcolo iniziale venga corretto, nel giro di due giorni cadono sotto i colpi delle motoseghe 93 pini, dei quali 63 di interesse forestale e paesaggistico.

Il cantiere si mette allopera tra laltro occupando anche parti di strada e parcheggio pubblici in via del Navigatore, oltre che parte dellaccesso al canale San Rocco e nel giro di quattro anni nella pineta vengono tirati su tre maxiblocchi color salmone, uno lungo il canale e gli altri due perpendicolari ad esso (uno lungo la strada e laltro parallelo ad essa sul lato del depuratore). Nessuna traccia di negozi, n di circolo nautico: solo case.

Anche delle piscine non c traccia: c solo uno spiazzo fra i tre blocchi dove non compaiono pini, abbattuti per far posto a una vasca da adulti e una per bambini mai nemmeno iniziate. Rimangono da completare i lavori esterni e anche della nuova area verde da restituire alluso pubblico non si vede lombra.

Il cantiere infatti fermo da almeno un paio danni. Il blocco lungo la strada stato pi o meno completato: ci sono gli infissi e anche i portoncini blindati. Gli altri due sono pi indietro. Il cantiere ancora tutto l, a occupare anche un pezzo di strada. Tutto fermo, tutto abbandonato, immerso nellerbaccia.

Eppure i cinque anni dal rilascio dellautorizzazione entro cui lopera andava completata sono passati ne sono passati nove per la precisione ma il destino della Cav resta sospeso. Come mai?

Come accennato, nel 2010 i vigili urbani scoprono, durante un sopralluogo, che alcune cose sono state costruite in modo diverso rispetto al progetto iniziale. Il blocco B era stato realizzato in posizione differente rispetto al previsto, cerano delle terrazze non preventivate, erano state modificate delle pendenze sulle coperture delle verande. Essendo una zona vincolata, non si possono fare delle variazioni in corso dopera e dunque questi sono da ritenersi abusi.

La societ presenta al Comune di Grosseto la domanda di sanatoria che, nel 2012, viene accettata dalla commissione paesaggistica. Anche la Soprintendenza ai beni paesaggistici d lok. Ma la sanzione non stata ancora pagata, quindi la concessione edilizia , per cos dire, sospesa e Marina si ritrova con un piccolo villaggio di 72 appartamenti non finiti al posto della pineta. E un grosso punto interrogativo sul suo destino.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news