LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rivoluzione dehors l'ira dei commercianti " folle, cos chiudiamo"
MARIA CRISTINA CARRAT
16 dicembre 2014 La Repubblica




L'ANNUNCIO a Repubblica dell'assessore Giovanni Bettarini fa saltare i nervi agli esercenti del centro storico. Il giorno dopo le dichiarazioni su un possibile, prossimo ritocco del regolamento sui dehors, ovvero dell'alleggerimento della citt che porti, d'accordo con la soprintendenza e a partire dalla scadenza "naturale" delle licenze, a un ritocco dei casi pi "invasivi", partire da zone pregiate come Piazza San Giovanni e piazza Santo Spirito Confcommercio e Confesercenti avvertono Palazzo Vecchio: rivedere il regolamento va bene, ma senza creare allarmismi e nuove incertezze fra titolari di bar, ristoranti, trattorie, pizzerie, alberghi. Bene, dicono le associazioni di categoria, sanare le "discriminazioni" fra chi, nella stessa zona, ha ottenuto la licenza, e chi no, male, invece, costringere a ulteriori cambiamenti chi stato gi costretto a forti investimenti per adeguare i dehors alle nuove tipologie.

LE REAZIONI


COSTERNATI, per non dire altro e non passare da incivili. Di fronte alla novit annunciata da Palazzo Vecchio sul fronte ancora caldissimo dei dehors, la sorpresa dei gestori di bar e ristoranti tracima in rabbia, a colpi di sms, mail, telefonate, e capannelli sui marciapiedi. Ma come si meraviglia Patrizia del Caff pizzeria Giotto di piazza Duomo, non abbiamo fatto in tempo a mettere su la nuova pedana, e ce la fanno smontare?. La concessione di suolo pubblico ottenuta appena tre anni fa, dopo la pedonalizzazione di piazza Duomo, scade gi nel 2015, e se davvero cambiasse qualcosa, non so cosa succeder. Le lamentazioni salgono da tutto il centro storico: Abbiamo dovuto chiedere un mutuo di 60 mila euro, licenziare un dipendente e ridurre gli orari non si capacita Giovanna Innocenti, contitolare della pizzeria Il David di piazza Signoria, che racconta di aver vissuto come una incomprensibile imposizione l'adeguamento alle nuove regole del Comune. Con tanti sacrifici, comunque, ce l'abbiamo fatta, non avevamo scelta. Ma tornare a sedie e tavolini sarebbe una follia, se non ci lasce- ranno almeno il tempo di recuperare i soldi investiti . Il Comune non pu cavarsela dicendo che ha cambiato idea protesta Aurelio Baldelli, uno dei titolari di Rivoire, noi abbiamo investito 180 mila euro e paghiamo 69 mila euro di tassa, smontare tutto, o anche solo modificare qualcosa, sarebbe una pazzia. Il ristorante di pasta fresca T'Amero, in piazza Santo Spirito, ha dovuto aspettare due anni un permesso per lo spazio all'aperto, e alla fine arri- vato solo per qualche sedia e tavolino, idem il dirimpettaio Pittam'ingolli: Nessuno ci aveva avvertito che c'erano limiti al numero dei dehors la protesta, e quando abbiamo chiesto la licenza ci hanno detto che la piazza era satura.

Valenza il titolare dei caff storici Paszkowsky e Gilli in piazza della Repubblica, i cui dehors formato gigante hanno fatto molto discutere, e di Scudieri in piazza del Duomo, dove ha dovuto sostituire con l'aggiornato modello di dehors una copertura quasi nuova: Sono stato un sostenitore delle nuove regole dice, prima c'era davvero troppa confusione, per un ripensamento a cos breve distanza non ha altro senso che di metterci in difficolt. Solo le due coperture di piazza della Repubblica chiuse da tutti i lati, riscaldate d'inverno e raffreddate d'estate, sono costate 700 mila euro, cui si aggiungono 240 mila euro annui di suolo pubblico. E non che non ne sia valsa la pena: a conti fatti, dice Valenza, la possibilit di utilizzare i dehors durante la brutta stagione incide sul fatturato di oltre il 50% nell'anno, di quasi il 100% nei mesi di bel tempo. Conclusione: Si ha idea di cosa significherebbe buttarle gi, o anche solo rinunciare alle coperture laterali? Ho fatto dei mutui, do lavoro a 130 dipendenti. Per me vorrebbe dire chiudere.

Al fianco degli esercenti si schierano le associazioni di categoria: assurdo avverte Daniele Locchi, presidente Fiepet-Confesercenti, stravolgere un regolamento che appena del 2011, e su cui pure va rimessa mano , ma solo per migliorare trasparenza e certezza , e evitare contraddizioni e limiti dell'attuale regolamento. Per esempio, non deve pi accadere che i nuovi esercizi si vedano negare un dehors cui avrebbero diritto, o che restino mesi e mesi senza risposte. Se invece, dice Locchi, il Comune pensa a modifiche generalizzate, allora attenzione, c' in gioco la vita di molte imprese importanti per il centro storico e non solo. Da qui la richiesta all'assessore di precisare le intenzioni dell'amministrazione , e, in caso di modifiche, di una congrua fase transitoria, per ammortizzare i tanti soldi spesi.

Non si pu fare dietro front dopo appena tre anni. I dehors costano e i commercianti stanno facendo i conti da tempo con la crisi dice anche il vicepresidente Fipe-Confcommercio di Firenze Andrea Angelini. Dopo tutti gli sforzi fatti per adeguarsi al nuovo corso, non si pu dire adesso "smontate tutto". Il Comune giustifica il ripensamento con le violazioni avvenute? Se c' chi insiste con la plastica, che i vigili lo multino, ma perch devono rimetterci tutti?. Cambiare qualcosa, insomma, si pu, ma mettendosi tutti a un tavolo.






news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news