LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'USO DI PIAZZA DEL PLEBISCITO OGGI METAFISICA E DESERTIFICATA
GUIDO DONATONE
17 dicembre 2014 la Repubblica





CARO direttore, l'impiego in particolare del Largo di Palazzo "come teatro a scala urbana", utilizzando "la potenza dello scenario urbano e naturale di Napoli ... verso una dimensione totalizzante" (Riccardo Lattuada) risale agli anni del vicer Gaspar de Haro y Guzman, Marchese del Carpio (1683-1687). A questo eccentrico vicer, collezionista e mecenate di architetti, pittori, musicisti, si deve la scelta politico- culturale e poi sociale perch garantiva a Napoli l'ordine sociale della utilizzazione della festa e dell'effimero barocco per l'aggregazione collettiva. La visione di connoisseur d'arte e la grandeur del marchese del Carpio si esprimeva congenialmente nelle forme dell'effimero barocco, che utilizz quale strumento politico- sociale nel Largo di Palazzo, l'attuale piazza Plebiscito. Tale linea governativa politico-sociale venne seguita dai successivi vicer spagnoli e continu con i Borboni. Si deve tenere quindi nel dovuto conto il ruolo tradizionale culturale-emblematico, soprattutto sociale, popolare e trainante di questa storica piazza napoletana, in cui peraltro si sono negli ultimi anni tenute riuscite manifestazioni, ad esempio la "Notte bianca", l'evento realizzato nel 2005 e nel 2006, dove si sono visti in particolare i giovani che si sono riversati nelle piazze e nelle strade della citt. Tuttavia le manifestazioni e gli eventi non possono costituire il quotidiano, ed quest'ultimo che preme garantire: la sicurezza e la vivibilit della piazza che non pu diventare quella metafisica e desertificata di De Chirico.

Si ripristinata di recente la collaborazione tra il Comune e la Soprintendenza dopo una fase conflittuale. Per motivi di sicurezza necessaria la videosorveglianza, e comunque la Soprintendenza Beni Architettonici per la illuminazione serale e notturna richiede un programma architettonico e non di semplice illuminazione di luci. condiviso dal consiglio comunale il progetto della utilizzazione per spazi espositivi dell'enorme ipogeo sottostante la piazza (una cripta grande e tre piccole), che verr collegato con il Tunnel borbonico del Chiatamone. L'assessorato comunale all'urbanistica prevede la presenza dei tavolini dei Caff (meglio se letterari), nonch l'allocazione negli spazi del colonnato basilicale di librerie, come la Treves, e di botteghe dell'artigianato artistico partenopeo (al riguardo Italia Nostra segnala che va conservata la presenza dell'Archivio fotografico Parisio, ma soprattutto sottolinea che il problema dell'alto costo degli affitti di tali locali demaniali deve essere risolto con il sostegno economico della Regione almeno per i primi anni).

Non aiutano invece proposte come quelle assai poco realistiche che vorrebbero trasformati in alberghi di lusso i palazzi della Prefettura e dell'Esercito; per non parlare delle osservazioni di una scrittrice che ha espresso nostalgie adolescenziali per il tempo in cui la piazza era occupata dagli autobus e dalle automobili. stata invece interessante l'iniziativa di alcuni consiglieri della Municipalit di Chiaia, che hanno costituito un comitato e organizzato audizioni e confronti tra le varie categorie di cittadini sulla destinazione d'uso della piazza. Ne scaturita l'esigenza di evitarne la commercializzazione, e soprattutto di prevedere un contestuale intervento di riqualificazione delle aree connesse di Monte Echia, di via Solitaria e del Pallonetto: la realizzazione dell'emiciclo neoclassico e soprattutto del colonnato basilicale ebbe a suo tempo anche lo scopo di interrompere la precedente connessione con il retrostante popolare quartiere del Pallonetto, abitato dai lazzari. Condivisibile anche l'idea di destinare il Palazzo reale a Museo della Citt tenendo per conto delle obiezioni della Soprintendenza, che si affrettata a precisare che il Palazzo non vuoto, anzi conserva l'assetto arredato dell'appartamento borbonico con trenta sale; inoltre la prestigiosa Biblioteca Nazionale comprende due terzi dell'edificio. Pertanto si potrebbero utilizzare i locali degli uffici su piazza Trieste e Trento, nonch quelli a pianterreno, mentre nei grandi locali delle Scuderie del fossato la Soprintendenza sta gi realizzando un Museo della Citt in forma virtuale con nuovi spazi di accoglienza (Caff letterario) in direzione di piazza Plebiscito. Infine ragionevoli riserve andrebbero avanzate sulla presenza nel predetto comitato (che dovrebbe decidere le regole della gestione della piazza) di un architetto, libero professionista, la cui presenza non stato in buona fede considerato produce conflitto di interesse. Presidente Italia Nostra Napoli



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news