LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'USO DI PIAZZA DEL PLEBISCITO OGGI METAFISICA E DESERTIFICATA
GUIDO DONATONE
17 dicembre 2014 la Repubblica





CARO direttore, l'impiego in particolare del Largo di Palazzo "come teatro a scala urbana", utilizzando "la potenza dello scenario urbano e naturale di Napoli ... verso una dimensione totalizzante" (Riccardo Lattuada) risale agli anni del vicer Gaspar de Haro y Guzman, Marchese del Carpio (1683-1687). A questo eccentrico vicer, collezionista e mecenate di architetti, pittori, musicisti, si deve la scelta politico- culturale e poi sociale perch garantiva a Napoli l'ordine sociale della utilizzazione della festa e dell'effimero barocco per l'aggregazione collettiva. La visione di connoisseur d'arte e la grandeur del marchese del Carpio si esprimeva congenialmente nelle forme dell'effimero barocco, che utilizz quale strumento politico- sociale nel Largo di Palazzo, l'attuale piazza Plebiscito. Tale linea governativa politico-sociale venne seguita dai successivi vicer spagnoli e continu con i Borboni. Si deve tenere quindi nel dovuto conto il ruolo tradizionale culturale-emblematico, soprattutto sociale, popolare e trainante di questa storica piazza napoletana, in cui peraltro si sono negli ultimi anni tenute riuscite manifestazioni, ad esempio la "Notte bianca", l'evento realizzato nel 2005 e nel 2006, dove si sono visti in particolare i giovani che si sono riversati nelle piazze e nelle strade della citt. Tuttavia le manifestazioni e gli eventi non possono costituire il quotidiano, ed quest'ultimo che preme garantire: la sicurezza e la vivibilit della piazza che non pu diventare quella metafisica e desertificata di De Chirico.

Si ripristinata di recente la collaborazione tra il Comune e la Soprintendenza dopo una fase conflittuale. Per motivi di sicurezza necessaria la videosorveglianza, e comunque la Soprintendenza Beni Architettonici per la illuminazione serale e notturna richiede un programma architettonico e non di semplice illuminazione di luci. condiviso dal consiglio comunale il progetto della utilizzazione per spazi espositivi dell'enorme ipogeo sottostante la piazza (una cripta grande e tre piccole), che verr collegato con il Tunnel borbonico del Chiatamone. L'assessorato comunale all'urbanistica prevede la presenza dei tavolini dei Caff (meglio se letterari), nonch l'allocazione negli spazi del colonnato basilicale di librerie, come la Treves, e di botteghe dell'artigianato artistico partenopeo (al riguardo Italia Nostra segnala che va conservata la presenza dell'Archivio fotografico Parisio, ma soprattutto sottolinea che il problema dell'alto costo degli affitti di tali locali demaniali deve essere risolto con il sostegno economico della Regione almeno per i primi anni).

Non aiutano invece proposte come quelle assai poco realistiche che vorrebbero trasformati in alberghi di lusso i palazzi della Prefettura e dell'Esercito; per non parlare delle osservazioni di una scrittrice che ha espresso nostalgie adolescenziali per il tempo in cui la piazza era occupata dagli autobus e dalle automobili. stata invece interessante l'iniziativa di alcuni consiglieri della Municipalit di Chiaia, che hanno costituito un comitato e organizzato audizioni e confronti tra le varie categorie di cittadini sulla destinazione d'uso della piazza. Ne scaturita l'esigenza di evitarne la commercializzazione, e soprattutto di prevedere un contestuale intervento di riqualificazione delle aree connesse di Monte Echia, di via Solitaria e del Pallonetto: la realizzazione dell'emiciclo neoclassico e soprattutto del colonnato basilicale ebbe a suo tempo anche lo scopo di interrompere la precedente connessione con il retrostante popolare quartiere del Pallonetto, abitato dai lazzari. Condivisibile anche l'idea di destinare il Palazzo reale a Museo della Citt tenendo per conto delle obiezioni della Soprintendenza, che si affrettata a precisare che il Palazzo non vuoto, anzi conserva l'assetto arredato dell'appartamento borbonico con trenta sale; inoltre la prestigiosa Biblioteca Nazionale comprende due terzi dell'edificio. Pertanto si potrebbero utilizzare i locali degli uffici su piazza Trieste e Trento, nonch quelli a pianterreno, mentre nei grandi locali delle Scuderie del fossato la Soprintendenza sta gi realizzando un Museo della Citt in forma virtuale con nuovi spazi di accoglienza (Caff letterario) in direzione di piazza Plebiscito. Infine ragionevoli riserve andrebbero avanzate sulla presenza nel predetto comitato (che dovrebbe decidere le regole della gestione della piazza) di un architetto, libero professionista, la cui presenza non stato in buona fede considerato produce conflitto di interesse. Presidente Italia Nostra Napoli



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news