LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ancora sulla lacerazione fra Italia Nostra e Legambiente

Riceviamo da Giuseppe Palermo:

Cari amici,

Ritengo giusto e doveroso mettere a vostra conoscenza la lettera che Francesco Ferrante, Direttore Generale di legambiente, mi ha indirizzato in risposta al comunicato a firma mia e degli avvocati Giudice e Giuliano, speditovi ieri [vedi in questo sito, fra le news alla data del 21 maggio; ndr]. Segue la mia risposta.


Gentile signor Palermo,

Io non la conosco, mentre conosco molto bene gli altri due firmatari della sua missiva che ci leggono in copia.

Cari amici nella vostra lettera c' un'affermazione curiosa riguardo una conferenza stampa che sarebbe stata convocata "da alcuni dirigenti nazionali" di Legambiente. Per chiarezza: gioved 19 maggio si tenuta presso la sede della direzione nazionale di Legambiente una conferenza stampa che aveva per oggetto la Linea C della Metro di Roma; la conferenza stampa stata tenuta da Roberto Della Seta (Presidente nazionale di Legambiente), Lorenzo Parlati (Presidente regionale di Legambiente Lazio), era presente Riccardo Biz (Copresidente nazionale dei Centri di Azione giuridica di Legambiente) che con altri avvocati aveva preparato il ricorso "ad opponendum" oggetto della stessa conferenza. Quindi, sempre per chiarezza, le persone e i ruoli che esse ricoprono nella nostra associazione vi dovrebbero far apparire evidente che in quella conferenza stampa stata rappresentata la posizione dell'associazione in quanto tale e non solo quella di "alcuni suoi dirigenti nazionali".

Detto ci, per quanto riguarda tutto il resto di ci che scrivete, le vostre sono opinioni, che ovviamente non condivido, ma seppur espresse con toni un po' sopra le righe pi che legittime: la "diversit" nell'ambientalismo, in ci che una volta chiamavamo "arcipelago verde", sempre stata una ricchezza; "marciare divisi per colpire uniti" sempre per usare un vecchio slogan.

Legambiente ritiene che il vulnus a questa pratica stato inferto proprio da Italia Nostra con la sciagurata, a nostro parere, scelta di ricorrere al Tar cercando con questo mezzo di bloccare la realizzazione di un'opera utile alla citt e alle ragioni della difesa dell'ambiente. La scelta di Italia Nostra stata quella di non accettare un confronto di idee - che a Roma c' stato, a lungo e approfondito - e al termine di quel confronto prendere atto delle scelte che in democrazia alla fine devono essere fatte. No, si voluto ricorrere al Tar con argomenti che noi riteniamo pretestuosi pur di fermare la costruzione della metropolitana, opera che tutti considerano indispensabile per Roma. Ora appare un po' curioso che a Legambiente si imputi la scelta di essere scesa in giudizio "dopo" Italia Nostra. La nostra stata una scelta sofferta e, credo correttamente, una volta fatta abbiamo voluto spiegare da dove nasceva questa differenza, questo approccio cos diverso.

Il comunicato completo lo trovate su www.legambiente.com [vedi anche in questo sito nella sezione Comunicati alla data del 19 maggio] e comunque per vostra comodit lo allego in calce a questa mia.

Infine devo dirvi che ho sempre trovato disdicevole l'utilizzo, su internet, di inviare mail a un indirizzario "nascosto" perch questo impedisce il diritto di replica e non corretto. Sar felice di esserre smentito se provvederete ad inviare questa mia nota allo stesso indirizzario cui avete spedito la vostra.

Cordialmente,
Francesco Ferrante
Direttore Generale Legambiente


Gentile dr. Ferrante,

Non ho difficolt a rendere nota la Sua lettera agli stessi corrispondenti a cui abbiamo indirizzato via internet il nostro comunicato. In proposito Le faccio presente per che il non aver tenuto scoperto lelenco dei destinatari fatto a suo giudizio disdicevole non deriva da una nostra scelta, ma da una raccomandazione del garante della privacy.
Le faccio notare, inoltre, che il rinvio al comunicato completo illustrante la posizione di Legambiente, che Lei adesso ci segnala, si trovava gi in calce alla nostra lettera (sebbene tratto da un altro sito), assieme alla replica di Italia Nostra. Chi ci ha letto ha avuto quindi tutti gli elementi per risalire, senza deformazioni di sorta, ai documenti originali delle due associazioni.
Rispetto ai quali, non mi sembra che ci sia molto da aggiungere. Secondo Lei il vulnus nascerebbe dalla decisione di Italia Nostra di opporsi ad un progetto che invece Legambiente giudica positivo. Non entro nel merito: fin qui si tratterebbe di naturali divergenze di opinione su una questione locale, se pur importante. Legambiente per (ovvero, secondo la Sua precisazione, il suo gruppo dirigente al completo) non ha ritenuto sufficiente non seguire laltra associazione nella sua scelta e andare per la sua strada, abbassando il profilo (come tutti abbiamo sempre fatto in casi del genere). Si invece costituita in giudizio contro il ricorso di questa, mobilitando il proprio ufficio legale, e ha ritenuto tale passo sofferto talmente urgente da anteporlo alle altre mille emergenze che ci affliggono (alcune delle quali enormi, spaventose, e completamente trascurate, per mancanza di forze, dagli uffici legali di tutte le associazioni). Di pi, nel far ci ha convocato unapposita conferenza stampa, la quale si trasformata poi in un atto di accusa contro laltra associazione, colpevole (testuale) di conservazionismo. A riprova di tale aberrazione (scoperta solo adesso), stata addotta una serie di casi disparati e a dir poco controversi: nei quali, cio uso di proposito le Sue stesse parole la diversit di opinione pi che legittima. E meno male che lo ammette, un passo avanti (ma questo lo scrive Lei a me,adesso!). In tuttaltro modo invece, comprensibilmente, stato raccolto il messaggio dalla stampa e dallopinione pubblica: rissa fra gli ambientalisti, ecc. Risultato: anche fra le associazioni storiche stata accreditata cos limmagine di una divisione fra gli ambientalisti buoni, moderni e ragionevoli e gli altri, passatisti, fondamentalisti e che hanno fatto il loro tempo: con grande soddisfazione dei nostri avversari, e, naturalmente, strascico di polemiche e veleni (vedi lettera su Repubblica di oggi, ma questa ve la siete proprio cercata). Fuori uno, intanto. Domani sar la volta del Wwf, con i ramarri e le margherite, per la gioia di Matteoli e Lunardi. Altro che marciare divisi per colpire uniti! Qui ci colpiamo fra di noi senza marciare.
E questo quando forse da Roma non ve ne accorgete le cose sul territorio non stanno per niente in questo modo, e ben altri sono i problemi e le priorit. Perci quel che accaduto ci appare assurdo, ingiusto e incomprensibile, perci anche e ci dispiace il tono del nostro comunicato pu essere risultato, a volte, troppo acceso.
Concludo dicendo che a me e a chi ha sottoscritto il comunicato non sta a cuore in particolare n la sorte di Italia Nostra n quella di Legambiente, anche se abbiamo amici nelle due associazioni, con cui (per fortuna e a dispetto di questi infortuni) collaboriamo quotidianamente. Ci auguriamo che quanto accaduto, non certo per caso, costituisca almeno occasione per un dibattito approfondito sia fra le associazioni che al loro interno.
Cordialmente,
Giuseppe Palermo

P. S.: Raccomando a tutti, per una documentazione completa ed aggiornata su questa vicenda (rassegna stampa, oltre, naturalmente, ai comunicati delle associazioni) i due siti: www.eddyburg.it e www.patrimoniosos.it. Il primo contiene, fra laltro, molto materiale sulla questione di Ravello: un caso e qui il comunicato di Legambiente ha pienamente ragione davvero esemplare e da considerare attentamente.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news