LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Fori, guerra di luci "Chiamato Storaro ma l'impianto c'era costò 500mila euro"
CARLO ALBERTO BUCCI
02 febbraio 2015 LA REPUBBLICA




IL 21 aprile il premio Oscar Vittorio Storaro girerà l'interruttore e illuminerà i fori "comunali" di Traiano, Augusto e Nerva come fossero Reds o Apocaly-pse Now. Il conto alla rovescia per il Natale di Roma in cinemascope è iniziato. E il sindaco Marino ha sottolineato, polemicamente: «Il Foro romano, di competenza del ministero, resterà invece al buio». Ma davvero è questa delle luci — in una città con molti quartieri al buio — la priorità dell'area archeologica centrale? E che fine fanno gli impianti che già esistono?

«Suggerisco caldamente di aprire i cassetti della Sovrintendenza capitolina perché il progetto per le luci ai Fori è già lì», è la risposta di Umberto Broccoli, sovrintendente ai tempi di Alemanno, che nel 2009 accese le luci in pianta stabile sulla colonna e nel foro Traiano. «Un intervento delicatissimo, con luci cangianti, e a basso consumo, realizzato grazie al progetto del professor Corrado Terzi e dell'architetto Maurizio Anastasi, di comune accordo con la Soprintendenza statale», aggiunge Broccoli. Lo Stato, dal canto suo, nel 2010 dava incarico a un altro architetto esperto di illuminazioni, Piero Castiglioni, di mettere in evidenza i monumenti lungo la via Sacra, dall'Arco di Settimio Severo a quello di Tito. Costo, 100mila euro circa. E luci abbassate di qualche grado, dopo le proteste degli abitanti del circondario, ma sufficienti a far dire al sindaco che «il Foro romano resterà al buio», mentre i suoi 40 proiettori risultano accesi.

«Arriva un artista e interpreta le vestigia in un modo, giunge un architetto e impiega un altro tipo di luce. Il rischio che l'area dei Fori diventi un'arlecchinata è molto alto», commenta Andrea Carandini. Che aggiunge: «È stata istituita una commissione Stato- Campidoglio per l'area archeologica centrale che impegna i due soggetti a scelte unitarie. E poi sta per essere nominato il nuovo soprintendente statale, è a lui che spetta la tutela dell'area. Evitiamo interventi episodici ed estemporanei». Il progetto Storaro, dal costo di 1,5 milioni di euro, è finanziato interamente da aziende private e va a creare le condizioni per una lettura migliore dell'area, sottolineano dalla Sovrintendenza capitolina. Il piano è stato sottoposto agli uffici della Soprintendenza archeologica statale che ha dato però un via libera solo «temporaneo: il definitivo andrà rivisto insieme ». Il rischio è che i faretti Led di Storaro e di sua figlia Francesca, lighting designer, facciano poi la fine di quelli collocati da Terzi e Anastasi al Foro Traiano, ma anche, in via sperimentale, in quelli di Nerva e di Augusto. Costati all'incirca 500mila euro, da vari anni la maggior parte di cavi e lampade sono nei depositi sotterranei. Quelli della Colonna Traiana stanno invece ancora lì, in attesa che s'accenda lo «scontro tra luci centrifughe e centripete » di Storaro.




news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news