LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Il restauro del restauro per gli edifici a rischio "Grandi contenitori". Cadono a pezzi l'ex ospedale delle cinque piaghe e l'ex convento di Santa Teresa
Isabella Di Bartolo
LA SICILIA Lunedì 02 Febbraio 2015 Siracusa




Dall'ex ospedale delle cinque piaghe di via delle Vergini alla Caserma Caldieri e, ancora, al complesso di San Domenico. E' lunga la lista degli edifici di proprietà pubblica protagonisti di sprechi di denaro pubblico e simbolo delle incompiute aretusee. Oggi, dopo la pioggia di soldi post-sisma arrivati nelle casse del Comune dopo il terremoto del 1990, questi immobili storici cadono a pezzi e sono protagonisti di un rimpallo di competenze tra Comune, Regione, SOpRINTENDENZA ed ex Provincia. La loro destinazione d'uso, tuttavia, compete solo all'amministrazione comunale che sta redigendo il nuovo Piano particolareggiato di Ortigia. Ma solo i privati potrebbero salvare questi grandi immobili dal loro declino.



Per salvarli ci vorrebbe il restauro del restauro. L'elenco degli edifici in pericolo è lungo. Si tratta dei cosiddetti "grandi contenitori": ovvero i palazzi storici e gli edifici di proprietà pubblica che sono indicati nel Piano particolareggiato di Ortigia e attendono di essere salvati dall'incuria e dal degrado.
Alcuni di loro sono stati anche protagonisti di interventi di restauro avviati e mai conclusi, altri di finanziamenti ottenuti e andati perduti. Per conoscere le condizioni di questi edifici di proprietà comunale, regionale e demaniale, la commissione Urbanistica del Comune ha spesso eseguito sopralluoghi come ricorda l'ex presidente, Roberto Messina, oggi componente dell'esecutivo provinciale del Pd. Il fine di questi sopralluoghi è stato quello di redigere una sorta di dossier fotografico e documentare così lo stato di abbandono di questi gioielli perduti oltre che avanzare proposte di rinascita, con il coinvolgimento dei privati.
Nella lista spicca il convento di San Domenico che si estende fra piazza San Giuseppe e via del Nome di Gesù: una struttura di grande rilievo e che un tempo era una scuola funzionante e che è abbandonata da anni nonostante i primi restauri. Mai concluso, infatti, l'intervento di consolidamento per i quali fu stanziato 1 milione e 800 mila euro nel 2004 grazie anche all'incessante richiesta di Enzo Vinciullo, allora assessore alla Ricostruzione post-sisma del Comune. I lavori vennero appaltati e persino iniziati, ma di colpo bloccati. E il risultato è che la piccola tranche dell'opera di consolidamento non solo non è servita a nulla ma rappresenta un grave spreco di soldi pubblici.
Degrado anche per l'ex distretto militare del lungomare: la caserma Caldieri, un tempo convento di Santa Teresa. L'ultimo sopralluogo eseguito dai consiglieri comunali della commissione Urbanistica allora presieduta da Salvo Sorbello, oggi leader di Sicilia democratica, aveva svelato un edificio in totale abbandono. Come mostrano le ultime immagini di questo grande edificio, è in completo oblio. L'ex convento di Santa Teresa, sul lungomare di Ortigia, ingloba in realtà due conventi e una chiesa. Anni fa la SOpRINTENDENZA disse «no» a una catena alberghiera che intendeva trasformare l'immobile in un hotel a cinque stelle. Oggi dovrà diventare archivio multimediale secondo l'ultimo progetto.
Situazione peggiore per l'ex ospedale delle Cinque piaghe, a piazza San Rocco, ormai seriamente a rischio crollo. L'immobile che si estende tra via delle Vergini e via della Consolazione ottenne nel 2004, dalla Regione, 1 milione e 600mila euro. Il cantiere, però, non è mai stato allestito nonostante la gara d'appalto e l'aggiudicazione dei lavori e oggi il complesso è in condizioni di assoluta precarietà.
E, ancora, l'ex carcere Borbonico di cui si discute senza mai giungere a serie ipotesi di utilizzo. Tra i palazzi pubblici che attendono restauri vi è anche lo Spedale maggiore di Santa Maria della Pietà dei Fatebenefratelli che è oggi la sede della SOpRINTENDENZA in piazza Duomo. Fino al 1869 ha ospitato ammalati traferiti qui dall'ex convento di Santa Teresa e poi il primo museo archeologico per cui venne elevato un nuovo piano.
L'auspicio è che la manutenzione ordinaria venga eseguita almeno per i palazzi pubblici che sono stati restaurati
e consegnati alla città. L'ex convento dei Minimi, per esempio, per la cui rinascita è stato stanziato 1 milione e 600mila euro e che oggi è sede dell'Isisc che lo cura nel migliore dei modi. I fondi della ricostruzione sono serviti per l'area di San Sebastianello, per un totale di 51 mila euro, dove è stato inaugurato l'Artemision di piazza Minerva. E ancora l'ex biblioteca di piazza del Carmine per la cui rinascita sono stati destinati 774 mila euro.
E nello stesso contesto di soldi pubblici stanziati con la legge 433 del 1991, è stato avviato il recupero e il consolidamento strutturale dell'ex Tribunale di via Gargallo: 2 milioni di euro. Somma che, però, oggi non basta più.
i. d. b.


02/02/2015



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news