LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Il Ginnasio Romano è in realtà un luogo dove si veneravano i riti misterici di moda
isabella di bartolo
LA SICILIA Domenica 01 Febbraio 2015 Siracusa


Cicerone ricordava a Siracusa la presenza di un santuario intitolato al dio Serapide come si legge nelle Verrine scritte dal retore latino e come ipotizzano anche gli archeologi




Nell'Ottocento venne utilizzato come deposito di antiche pietre. Durante l'abbattimento delle mura spagnole, infatti, in questo misterioso monumento di via Elorina vennero custoditi i poderosi conci delle fortificazioni.
Ed è questa una delle tante storie che connotano uno dei siti "minori" del patrimonio aretuseo che i siracusani chiamano Ginnasio romano, nonostante il cartello che lo indica lo denomini «Piccolo teatro romano».
In realtà, il monumento che sorge lungo la via Elorina, a due passi dal Foro Siracusano, era dedicato ai culti misterici che andavano di moda nella Siracusa di età imperiale. Una ricostruzione sostenuta dai recenti studi degli archeologi supportati da alcune testimonianze storiche.
Quel che si conosce del Ginnasio Romano è ancora poco, nonostante le indagini e gli studi che lo hanno caratterizzato in questi ultimi decenni.
Si tratta di un complesso monumentale da ascriversi alla fine del I secolo avanti Cristo, con un ampio quadriportico con un podio sopra il quale sorgeva un tempietto italico.
Come si legge nel volume "Guida ai monumenti adottati", il monumento venne scoperto nel 1864 da Francesco Saverio Cavallari nelle terre Bufardeci, tra la spiaggia del Porto Grande e il sito chiamato i tre Montoni. Il sito fu chiamato Bagno Bufardeci, Bagno di Venere o Bagno di Diana. Secondo alcuni testi, questo monumento venne eretto dai Romani sullo stesso luogo del cosiddetto ginnasio Timoleonteo. Nel 1865 Schubring dava una prima descrizione dell'edificio con una planimetria. Si presupponeva l'esistenza di un muro che, parallelo a quello dell'edificio, racchiudeva una strada che, forse, si dirigeva da un lato verso il Foro Siracusano e dall'altro contornava la parte bassa della Neapolis. Per la posizione esterna della strada e per la sua larghezza si supponeva che fosse la via Elorina, che univa Siracusa ed Eloro.
Oggi si entra dall'angolo meridionale del monumento di cui sono visibili i primi gradini del teatro, formato da una piccola cavea e da una scena, e da parti del muro del quadriportico.
Tutte queste caratteristiche dell'edificio fanno pensare a un santuario dei culti orientali, molto in voga in epoca tardoimperiale. Ad avvalorare questa interpretazione degli archeologi è stato anche il ritrovamento di un'iscrizione dedicata alla divinità egizia Serapide, oltre che una serie di statue di cittadini romani di elevato ceto sociale. Il retore Cicerone, poi, nelle sue Verrine parla di un santuario edificato a Siracusa e dedicato appunto alla divinità Serapide.
Numerosi i saggi di scavo che si sono succeduti in questi ultimi anni per la riscoperta del sito romano, gli ultimi coordinati dall'archeologo Lorenzo Guzzardi, oltre a una serie di indagini seguite dall'architetto Francesco Tomasello dell'università di Catania.
I primi scavi nell'area risalgono alla fine dell'Ottocento, così come i primi rilievi della zona archeologica.
Il sito del Ginnasio romano fa parte del circuito dei cosiddetti «monumenti minori» che non sono inseriti nel percorso turistico tradizionale, insieme con il Tempio di Zeus e altri gioielli archeologicI del territorio che custodiscono in sè una suggestione forse ancor maggiore dei monumenti "superstar".
Da questo complesso monumentale provengono alcune statue marmoree di personaggi togati, fra cui una femminile dell'età Flavia, oggi conservate al Museo archeologico Paolo Orsi.
La sua riscoperta da parte dei cittadini, che potrebbero riappropriarsi di un pezzo della storia della grande città d'epoca imperiale, si potrebbe legare anche a quella di un "pezzo" di Siracusa poco valorizzato. La città romana, infatti, convive con quella moderna con una naturalezza che stupisce. Il Foro Siracusano (conosciuti oggi come "I villini") custodiscono nel loro cuore alcune colonne in granito dell'antica agorà di età romana oltre a resti di strade lastricate. In occasione di recenti lavori di restyling dell'area a verde, vennero alla luce altre testimonianza di questa epoca così come è accaduto in occasione degli interventi per la nuova rete fognaria in viale Luigi Cadorna e nel resto della Borgata. E' stata in occasione di questi lavori pubblici che ha fatto capolino la Siracusa nascosta, eppure sotto i piedi dei cittadini. Strade lastricate, tracce di ville antiche, necropoli, magazzini e persino mosaici appartenenti alle case più belle dell'antico rione che qui, nell'odierno quartiere di Santa Lucia, si estendeva. E che testimonia, con meraviglia, il fascino millenario di una Siracusa ancora da svelare.


01/02/2015



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news