LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ABRUZZO - CEPAGATTI. Si può vendere l'antico tratturo
Gabriella Di Lorito
30 gennaio 2015 IL CENTRO



CEPAGATTI C'è l'ok della soprintendenza ai Beni archeologici d'Abruzzo alla cessione ai privati della millenaria strada delle pecore, l'antico tratturo regio L'Aquila-Foggia, il più lungo d'Italia, che attraversa Villareia di Cepagatti, sentiero erboso per secoli percorso dai pastori con le greggi durante la transumanza, per spostare il bestiame in inverno dai pascoli montani ai prati pianeggianti a valle. La novità della vendita della via tratturale è arrivata in municipio nei giorni scorsi, proprio quando a Villareia si sono viste greggi di pecorelle, al pascolo nei verdi prati lungo la strada della Bonifica per Alanno, a brucare l'erba anche nel terreno che il Comune ha destinato alla realizzazione di un parco. Si tratta del sito che più di dieci anni fa era stato opzionato dalla multinazionale austriaca Pago per l'insediamento di una fabbrica di succhi di frutta, progetto che apparve come un miraggio a Cepagatti per l'importante ricaduta occupazione che prometteva, poi svanito nel nulla perché il piano d'investimento fu revocato dall'azienda. E così, tramontata la speranza dello stabilimento di bevande alla frutta, in attesa del parco per bambini, i pastori utilizzano il terreno per far mangiare gli ovini durante l'inverno. Il parco sull'area ex Pago sarà realizzato dal Comune proprio con i fondi che l'ente incasserà dalla vendita dell'ex tratturo magno. Il parere favorevole della soprintendenza consente l'assegnazione dei sentieri tratturali ai cittadini che li hanno in concessione temporanea da anni. La richiesta di alienare la via delle greggi era stata inoltrata dall'amministrazione del sindaco Sirena Rapattoni sulla base di quanto previsto dal codice dei beni culturali e del paesaggio e dalla legge regionale sulla tutela e l'utilizzo dei beni del demanio armentizio. «Il tratto di suoli tratturali che verrà assegnato in via definitiva ai concessionari» spiega l'assessore al Bilancio, Camillo Sborgia, «è fortemente antropizzato e urbanizzato, ha quindi perso tutte le caratteristiche delle antiche vie erbose della transumanza. La procedura è stata concordata con la soprintendenza che ci ha dato il nulla osta. Faremo un avviso pubblico, mantenendo chiaramente il vincolo della inedificabilità. Non appena verrà approvato il bilancio, daremo avvio all'iter perché l'operazione rientra nel piano delle alienazioni». Una volta entrati in possesso dei siti dell'ex tratturo, i proprietari avranno comunque obblighi ben precisi: richiedere l'autorizzazione preventiva al ministero per i Beni culturali per opere e lavori di qualunque genere; procedere all'immediata denuncia di rinvenimento alla soprintendenza in caso di ritrovamento fortuito di cose mobili o immobili di interesse archeologico; non mutare la destinazione del suolo concesso; non scavare per più di mezzo metro.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news