LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - Luogo simbolo della citta'
di Michela Corridore
25 gennaio 2015 IL CENTRO



L'Aquila Una gabbia di ferro sembra sorreggere le antiche mura del monastero di Santa Chiara, che guarda dall'alto la fonte della Rivera, meglio nota come 99 Cannelle. Ma basta abbassare la testa, tra un'impalcatura e l'altra, passare oltre, ed entrare in quello che per gli aquilani uno dei luoghi simbolo della citt, per capire che anche la tragedia pu essere davvero "un'occasione". I soffitti con le travi a vista, le pareti appena tinteggiate, i pavimenti recuperati sembrano aver cancellato i segni della furia distruttrice del terremoto. I sette frati, che fino al 2009 abitavano il convento, stentano quasi a crederci: non solo il prossimo autunno (quasi un anno prima del previsto) potranno rientrare in una struttura pi sicura e pi bella di prima, ma quelle pietre che pensavano di conoscere a memoria, di giorno in giorno, svelano le tracce di un passato di cui nessuno aveva mai avuto contezza: murature precedenti alla data convenzionale di fondazione della citt, 1254, un "sacello-colatoio" del XVII-XVIII secolo per la mineralizzazione degli scheletri, ma anche resti di una fabbrica di ceramica e oltre 20mila reperti fittili. Tesori inediti che, una volta terminati i lavori, potrebbero essere mostrati in un polo museale all'interno del convento. Un risultato inaspettato realizzato grazie a una strategia progettuale inedita per il territorio: un intervento di archeologia preventiva, durante i lavori di ristrutturazione del complesso, che ha visto una stretta e costante collaborazione fra le diverse competenze operanti all'interno del cantiere, la committenza dei frati Cappuccini, rappresentata da padre Carmine Ranieri, la direzione dei lavori, affidata all'architetto Stefano Vittorini e all'ingegnere Salvatore Perinetti, l'impresa Taddei e le archeologhe Tania Di Pietro e Luigina Meloni, sotto la direzione scientifica del professore Fabio Redi e in collaborazione con la Soprintendenza archeologica dell'Abruzzo, rappresentata da Rosanna Tuteri. I danni dovuti al terremoto erano ingenti: diversi i crolli murari. Il nostro obiettivo era il ripristino dell'agibilit e il risanamento dell'edificio nel pi breve tempo possibile anche per restituire una casa ai frati spiega l'architetto Vittorini abbiamo per voluto sfruttare l'occasione del restauro per portare a vista elementi strutturali caratteristici, come alcune coperture e una pavimentazione di fine Ottocento in ciottoli fluviali. Un modo per leggere l'aspetto positivo della tragedia.

LA DATAZIONE. Il monastero di Santa Chiara, detto "de Aquila" o "de Acculis" (da cui il nome della citt) stato consacrato da Oderisio, vescovo di Forcona (Civita di Bagno), nel 1193. Il terremoto, con le lesioni prodotte alle strutture della chiesa e del convento, ha evidenziato brani di muratura e corpi di fabbrica attribuibili alle fasi edilizie medievali o a preesistenze strutturali rispetto al 1254, data fornita da Buccio di Ranallo nella sua Cronaca per la fondazione della citt. OPUS AQUILANUM. Durante i lavori sono state individuate strutture in "opus aquilanum" (un tipo particolare di muratura presente in citt dal Medioevo) risalenti al primitivo impianto conventuale, intorno alla met del XIII secolo.


SEPOLTURE. Le indagini archeologiche eseguite nel coro della chiesa hanno portato alla luce tipologie di sepolture inedite per il territorio spiegano gli archeologi: ambienti ipogei funzionali alla pratica della scolatura di corpi e alla meticolosa disposizione dei resti scheletrici rimanda a una concezione della morte tipica del meridione d'Italia.

BOTTEGA DI CERAMICA. Inaspettato il rinvenimento di una bottega dedita alla produzione di maioliche, l'officina del maestro Francesco Setta, di cui sono state portate alla luce ben due fornaci di tipo "castellano" (dalla nota localit di Castelli, Teramo) e alcuni ambienti funzionali alla lavorazione dell'argilla. La stessa conformazione orografica idrografica del luogo in cui sorge il monastero, su un pendio boscoso a ridosso del fiume Aterno, a pochi metri dai giacimenti di argilla, ne facevano un sito particolarmente adatto all'impianto di un'officina ceramica per la disponibilit e accessibilit delle materie prime, come acqua, argilla e combustibile dicono gli studiosi.


FORNACI. Le caratteristiche strutturali fanno pensare alla nota tipologia del forno a respiro, tipico della tradizione ceramica di Castelli. Gli ambienti indagati erano completamente nascosti dai manufatti prodotti dalla bottega e dai relativi strumenti di lavoro, facendo propendere per l'ipotesi di un improvviso abbandono della bottega. Le notevoli dimensioni di una fornace la rendono particolarmente funzionale alla cultura di forme aperte spiegano gli archeologi come confermato dalle fonti d'archivio che definiscono Francesco Setta fabbricante di piatti.


CERAMICA. I materiali recuperati sono oltre 20.000 pezzi, fra attrezzi da lavoro e manufatti. Accanto a oggetti finiti anche blocchi di argilla cruda, minerali funzionali all'ottenimento di smalti, manufatti appena forgiati, stoviglie, strumenti di lavoro. Particolarmente abbondanti, oltre 7300 esemplari, sono gli attrezzi funzionali all'infornata dei manufatti, quali caselle, chiodini e distanziatori. Tra gli oggetti recuperati piatti, scodelle e vassoi da portata.

CALAMAIO. Un esemplare integro di calamaio cilindrico, rivestito da vetrina nera conferma le fonti scritte che attestano Francesco Setta come fornitore di calamai neri e bianchi per le scuole e la registrazione comunale cittadina.

FISCHIETTI. Di particolare interesse risulta il rinvenimento di oltre 60 fischietti, 22 dei quali pressoch integri. Si tratta di manufatti realizzati a stampo, con modulo sonoro modellato e applicato posteriormente affermano gli archeologi i fischietti in smalto sono modellati in forme antropomorfe e zoomorfe, essendo riconoscibili 38 figure femminile, 15 maschi e un cavallo. FAI. Il Fai Abruzzo organizzer per le Giornate di primavera, in programma i prossimi 21 e 22 marzo, visite guidate all'interno del monastero. Lo ha annunciato la capodelegazione Fai, Enza Turco.



news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news