LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - Chiesa di Santa Giusta, restauro avviato
Michela Corridore
01 febbraio 2015 IL CENTRO





I portoni in legno sono rimasti chiusi dalla terribile notte del sei aprile 2009. Col tempo la facciata della chiesa di Santa Giusta stata nascosta da una fittissima rete di impalcature che l'hanno ormai resa irriconoscibile. Ma anche quando la gabbia di ferro verr smontata la chiesa non sar pi la stessa: l'incessante lavoro degli architetti della Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici, infatti, ha svelato un nuovo volto di Santa Giusta. Un profilo tipicamente romanico che era stato coperto in tempi recenti (probabilmente negli anni Sessanta) da superfetazioni che ne avevano coperto la bellezza. Il nostro obiettivo riportare la chiesa all'antico splendore spiega Patrizia Tomassetti, architetto della Soprintendenza il problema ora quello dei finanziamenti. Il primo lotto di lavori, che terminer a fine anno, infatti, stato finanziato con circa un milione di euro. E' previsto poi un secondo finanziamento di circa 2,5 milioni. Ma per completare il restauro ci servirebbero ulteriori 8-10milioni spiega la Tomassetti soldi che per il momento non abbiamo. Il rischio, o meglio la certezza, che la chiesa rester chiusa ancora per diversi anni. Intanto, per, le mura del XIII secolo di giorno in giorno rivelano sorprese inaspettate. Vivere in questa citt difficile e faticoso. Lo sanno tutti coloro che da sei anni cercano quotidianamente di ritrovarne il senso, di ripensarne gli spazi, di prefigurare un ritorno alla normalit commenta la Soprintendente, Alessandra Vittorini lavorare per restituirla alla sua integrit e complessit originaria, a partire dai monumenti, dal patrimonio culturale, dai luoghi collettivi e identitari della sua storia e della sua memoria, per tutti noi un grande impegno. E, soprattutto, una grande responsabilit. ALTERAZIONI STRUTTURALI. Sono gravissime le alterazioni strutturali apportate a Santa Giusta nei decenni passati spiega l'architetto la realizzazione di una scala a servizio della canonica stata effettuata in danno della muratura dell'abside destra: la stessa stata praticamente scavata per tutto lo spessore. Analogo intervento ha interessato la parete alla destra dell'ingresso laterale dove la necessit di ricavare un locale tecnico ha suggerito uno scellerato intervento di scavo della sezione muraria, evidentemente troppo spessa, inutile e ingombrante nella mente di coloro che hanno fatto l'intervento. Due dunque le superfetazioni: una sulla facciata laterale, l'altra nella zona dell'abside che risalgono agli anni Sessanta: corpi di fabbrica posticci che coprivano fino al 2009 il profilo romanico della chiesa. La demolizione di queste superfetazioni si resa necessaria proprio per ricostruire una unit strutturale altrimenti profondamente alterata continua la Tomassetti la demolizione del piccolo volume di collegamento tra la canonica e l'abside, che funzionalmente permetteva al parroco di accedere direttamente nel coro, ha inoltre permesso di recuperare uno dei prospetti pi interessanti di tutta l'area aquilana. Nei prospetti absidali praticamente risvelati possibile rileggere intatto tutto il palinsesto degli interventi che si sono succeduti: le bellissime finestre monofore medievali sono state tamponate e, nell'ambito della revisione dell'aula chiesastica nel periodo barocco, sono state aperte ampie finestre che hanno determinato discontinuit importanti nell'assetto murario. L'intervento di recupero filologico dell'imponente facciata romanico-gotica, permetter anche di conservare gli elementi barocchi all'interno dell'aula. DOPPIE VOLTE. Tra gli altri elementi non prevedibili in fase di progetto si rileva inoltre, la presenza di doppie volte nelle coperture absidali spiega l'architetto qui la risistemazione barocca si giustapposta alle preesistenti strutture senza alterarle. Durante il terremoto le volte in muratura presenti sopra a quelle in laterizio barocche hanno collassato, apportando gravissimi danni alle volte inferiori. AFFRESCHI. Gi prima del terremoto era noto che nella controfacciata (parete interna dell'edificio che si trova dietro la facciata) della chiesa erano presenti affreschi coperti. I lavori hanno permesso di valutare l'estensione delle superfici affrescate e la qualit delle pittura conclude l'architetto. Sugli affreschi sar possibile dire qualcosa in pi dopo che il personale della Soprintendenza per i Beni storico artistici avr approfondito specificatamente lo studio. Nei lavori di Santa Giusta sono impegnati anche Biancamaria Colasacco, della Soprintendenza ai beni storico artistici, il progettista Carlo Lufrano e il direttore dei lavori Giuseppe Rossi.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news