LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I monumenti non sono quadri da appendere. Manacorda: Bisogna inserirli nella vita quotidiana giusto che i teatri di pietra ospitino spettacoli
di Isabella Di Bartolo
"La Sicilia", 4 feb. 2015



Quando Daniele Manacorda propose di ricostruire l'arena del Colosseo, facendo storcere il naso a molti colleghi archeologi, il ministro Franceschini ne rimase entusiasta. Ed proprio lo svecchiamento della concezione del patrimonio archeologico che il docente dell'Ateneo Roma3 suggerisce per il rilancio della politica dei beni culturali anche in Sicilia. Manacorda chiama in causa i sacerdoti della cultura colpevoli di mummificare siti e musei e, cos, di contribuire alla mancata conoscenza e valorizzazione del patrimonio dell'Isola che da solo rappresenta un quarto di quello dell'intera Penisola.

La Sicilia dice Daniele Manacorda ha una storia culturale talmente rilevante che non vi civilt che non ne abbia lasciato le sue tracce pi importanti. Dalla preistoria in poi, non esiste fase storica che non abbia lasciato tracce facendo s che l'Isola sia un paradigma di potenzialit del Mediterraneo: potrebbe essere l'esempio pi emblematico di ricchezza monumentale e paesaggistica.

Eppure, la Sicilia resta ai margini della politica culturale del Paese anche a causa dell'autonomia gestionale che, secondo alcuni intellettuali come Salvatore Settis, ha allontanato la Regione dalla Stato con conseguenze nere in termini di gestione del patrimonio. Ho sempre considerato un valore in Sicilia dice l'archeologo il fatto di aver unificato le soprintendenze convinto che il patrimonio vada valorizzato e gestito nella sua unitariet, senza divisioni didattiche. La Sicilia, a differenza del resto dell' Italia, ha superato l' arretramento didattico che divide l' archeologia dalla storia dell' arte, eccetera.
In Sicilia si scelto uno strumento innovativo con la Soprintendenza territoriale che si occupa dell' intero patrimonio archeologico, artistico e naturalistico, tuttavia quel che non ha funzionato stata la sua gestione ma ci a causa degli annosi problemi dell' amministrazione siciliana, troppo politicizzata.

Professore, lei si occupa di archeologia in una citt simbolo come Roma. Anche in Sicilia le citt moderne convivono con quelle antiche, come possibile coniugare la difesa del patrimonio e la crescita urbana?

Si deve convivere con il passato, in Sicilia come nel resto d' Italia. Ed una doppia fortuna saperlo fare perch significa possedere gli strumenti per conoscere le proprie radici e costruire un futuro migliore: senza cultura e consapevolezza di se stessi, non si pu guardare avanti. Tuttavia, il patrimonio non un bene da sacralizzare. Un monumento, un museo, un' area archeologica non dev'essere oggetto solo di atteggiamenti rituali ma deve far parte della vita quotidiana. Questa concezione sacrale e rituale nel rapporto con il passato, sostenuto dall' atteggiamento di addetti ai lavori che temono come il diavolo l' acqua santa che il patrimonio possa essere valorizzato, monetizzato, la paura di chi di fronte a un mondo che cambia, alla globalizzazione, non sa inventare il nuovo per gestire il futuro. E si abbarbica sul passato come se la Sicilia, e l' Italia tutto, negli ultimi cento anni abbia saputo gestire sempre correttamente i beni culturali. Non stato cos.


Tra gli errori della gestione culturale vi la didattica, e dunque il ruolo delle Universit, ma anche la compresenza di troppi enti nel coordinamento dei beni culturali. Ovvero la responsabilit congiunta di pi amministrazioni nella tutela di una chiesa o di un' opera d' arte che, per esempio, pu essere di propriet della Curia ma gestita dallo Stato e salvaguardata dalla Soprintendenza, in un immobile di competenza comunale.
Altro punto dolente poi il senso di appartenenza da parte dei cittadini nei confronti del patrimonio.

E ci a causa di chi quasi intende come nemici della tutela gli italiani, i cittadini potenziali distruttori dei beni culturali che, per questo, sono sempre pi tenuti sotto chiave quasi come se la comunit fosse colei capace di metterli a rischio.
Certamente, esistono persone che hanno inteso e intendono speculare sul patrimonio, ma non per questo si pu tenerlo in gabbia. Il patrimonio della Repubblica e l' unica, grande operazione politica e culturale da fare far sentire i cittadini padroni di tutti i musei, i siti e le opere d' arte del territorio, mettendo nell' angolo i marioli.

I cittadini conoscono il loro patrimonio? I siciliani conoscono i loro tesori?
I sacerdoti della cultura citano spesso l'art. 9 della Costituzione dimenticandone di sottolinearne un dettame chiaro: la diffusione della cultura. La tutela basata su un impianto impeditivo non funziona, invece bisogna divulgare il valore vero della tutela promuovendo nei comportamenti e nei cuori dei cittadini l'amore per il patrimonio. Imbalsamare significa impedire l'arrivo di nuove energie e nuove idee, mettere in moto circuiti virtuosi innovativi. Ci sono due operazioni da fare in Italia e in Sicilia: svegliare dal come l'amministrazione culturale, come gli Atenei, chiarendo l'idea di fruizione e difesa; e favorire l'iniezione di risorse umane e finanziarie nel settore dei beni culturali, aprendo il patrimonio alla gestione di tutte quelle forze sociali, culturali, cittadine e imprenditoriali che voglio prendere in mano una fetta della cultura. Piuttosto che tenere chiuse le aree archeologiche lasciandole invadere dai rovi, attraverso una finta tutela pubblica, apriamo i cancelli a chi vuole gestirli affinch diventino luoghi vivi dove passeggiare, prender un caff, far giocare i bambini. La Sicilia inserisca dentro la vita quotidiana di tutti questa meraviglia di patrimonio che possiede, e lo faccia vivere. Contemplare un museo in silenzio, significa non avere un futuro perch una sala museale di certo non bella, non ha valore se vuota di persone.

Aprire ai privati, dunque.
Certo, ma cambiando mentalit. Accettare un sponsor che vuole investire senza gridare allo scandalo se vuole autopromuoversi attraverso queste iniziative. Meglio la managerialit che accettare l'elemosina come oggi fa lo Stato quando chiede soldi per i suoi beni senza dare nulla in cambio. Ascoltiamo le idee di chi vuole investire nel patrimonio: questa anche la strada intrapresa dal ministro Franceschini.

Lei ha proposto di ricostruire l'arena all'interno del Colosseo. Qual il limite dell'uso sociale dei monumenti antichi in una regione di grandi teatri di pietra come la Sicilia?
Non c' nulla di male che il Teatro di Siracusa o quello di Taormina ospitino rappresentazioni teatrali: una maniera positiva per far vivere i monumenti che non sono quadri da appendere. La mia proposta per il Colosseo era inserita in un contesto pi ampio, sono convinto che un monumento di quel genere debba essere restituito nella sua forma originaria, prima che essa venisse. Il problema non stata la proposta di ridare l'arena al Colosseo ma le eventuali schifezze che essa avrebbe potuto ospitare: un problema concettuale. E allora io preferisco vivere in un Paese in cui si corre rischio di fare una schifezza in un teatro antico piuttosto che in un Paese che mi dica cosa sia una schifezza e cosa no. Un'amministrazione pubblica non pu stilare un decalogo di quale sia la musica da poter suonare in un teatro antico e quale sia da evitare, un perbenismo del buono e del cattivo gusto che non trovo adeguato e che, certo, non compito di chi gestisce il patrimonio. Semmai lo evitare danni: questa l'unica regola nell'uso dei monumenti antichi. A Taormina come nel resto d'Italia.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news