LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PESCARA - il patrimonio trascurato dalla citt
di Giorgio D'Orazio
IL CENTRO 03 febbraio 2015

PESCARA Dalla conservatrice del Museo d'Orsay, Beatrice Avanzi, al critico Vittorio Sgarbi, fino al sindaco di Pescara Marco Alessandrini - che ha espresso al Centro questa sua volont - crescono progressivamente le richieste di visitare la Collezione Di Persio, l'importante raccolta di opere pittoriche dell'Ottocento costituita dall'imprenditore-collezionista pescarese Venceslao Di Persio e da sua moglie Rosanna Pallotta in anni e anni di ricerche in diversi Stati. I capolavori. Con il risultato di aver riunito capolavori di autori come Courbet, Mancini, Daubigny, De Nittis, Rousseau, Morelli, Troyon, Michetti e tanti altri tra la scuola di Barbizon e quella napoletana, una collezione ormai oggetto di richieste di prestito opere per esposizioni internazionali e di proposte per una donazione a enti e prestigiose istituzioni culturali italiane ed estere. Ma la visita pi attesa, da come racconta il collezionista, resta quella del soprintendente per i Beni architettonici e paesaggistici dell'Abruzzo, l'architetto Maria Alessandra Vittorini, invitata da Di Persio, per portarla compiutamente a conoscenza dell'effettiva vicenda, a visitare la collezione e soprattutto lo stabile che, nel progetto di Di Persio, avrebbe dovuto ospitarla con un museo dedicato. La sede per la collezione. La famosa ex Banca d'Italia di viale D'Annunzio, al centro di una vicenda giudiziaria che oggi impedisce al collezionista di portare avanti il proprio disegno, per mettere a disposizione della collettivit, anzitutto pescarese, il suo tesoro d'arte, attraverso la costituzione di una Fondazione che realizzi e gestisca il Museo da ospitarsi nella vecchia struttura bancaria, acquistata per questo progetto da Di Persio. Un bene del 1925 - per decenni sede Caripe - che il progetto di riqualificazione di Di Persio non sfiora neppure nella parte esterna e che invece necessita di un ripensamento interno per poter rendere museabile l'edificio, chiudendo quello che secondo il collezionista e i propri tecnici un cavedio senza alcun peso storico-architettonico e secondo la Soprintendenza invece una "corte interna" da salvaguardare. Il cavedio della discordia. Al di l della diatriba sfociata in una sentenza del Tar favorevole a Di Persio, poi superata dalla decisione del Consiglio di Stato, la posta in gioco un'altra, come ha notato anche l'attuale amministrazione comunale, ossia riuscire a superare le posizioni contrastanti, al di l di tutto, per non lasciar fuggire dalla citt il tesoro artistico riunito dai coniugi. Anche perch il cavedio o corte della discordia non sembrerebbe - ictu oculi - un irrinunciabile pregio cittadino, specie se si vanno a bilanciare, nell'ottica dell'interesse pubblico, la possibilit per Pescara di avere un nuovo e prestigioso museo, capace di innescare meccanismi culturali notevoli, e quella di conservare totalmente inalterato nel suo interno un immobile, gi fatiscente, che alternativamente troverebbe destinazioni davvero meno nobili e meno utili per tutti. L'intervento del senatore. proprio con questo spirito che si interessato alla questione anche Enzo Lombardi, gi senatore della Repubblica e sindaco dell'Aquila, che, venuto a conoscenza del rischio per l'importante raccolta di essere donata permanentemente addirittura a un museo estero, si mosso in prima persona presso la Soprintendenza e il ministero per informare e sollecitare le istituzioni competenti come afferma sul grave rischio in cui incorre tutta la regione Abruzzo, quello di vedersi scippato per indifferenza e capricci burocratici un tesoro riconosciuto da numerosi studiosi. Promessa non mantenuta. Lombardi, come racconta, contatt circa un anno fa, dietro appuntamento, la soprintendente Vittorini all'Aquila, ricevendo la promessa di una pronta visita entro 15 giorni. Una promessa non mantenuta fino ad oggi osserva Lombardi, che sulla vicenda aveva interessato contestualmente anche il ministro. Ma dalla risposta pervenuta al ministro e a me, precisa il senatore, non stato possibile evincere un vero interesse a conoscere e magari a provare a risolvere la questione della Collezione Di Persio. Penso che la conservatrice del d'Orsay arrivata a Pescara da Parigi in pieno luglio e Sgarbi la notte di Natale, mentre Di Persio aspetta ancora la visita dei responsabili di alcune istituzioni locali che evidentemente, rispetto ai succitati, sono molto meno impegnati sui problemi abruzzesi. L'impegno del sindaco. E cos, dopo la massima disponibilit espressa dal sindaco Alessandrini per trovare una soluzione alla vicenda e per scongiurare che la preziosa raccolta d'arte lasci Pescara e l'Abruzzo, e magari anche l'Italia chiss, la citt aspetta soltanto di sentire la campana dei Beni culturali. Nella convinzione che chi di dovere non si sottrarr a una nuova valutazione comune del reale interesse pubblico che sostanzia tutta la questione della Collezione Di Persio.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news