LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Procuratie Vecchie accordo in arrivo
03 febbraio 2015 LA NUOA VENEZIA



in dirittura d'arrivo l'accordo tra il Comune e le Assicurazioni Generali per la rinuncia da parte dell'amministrazione all'uso pubblico delle Procuratie Vecchie, di propriet della compagnia assicuratrice ma in questi anni sedi degli uffici giudiziari. Un accordo che doveva chiudersi entro la fine del 2014, per valere ai fini del Patto di Stabilit, con il relativo indennizzo a favore del Comune, ma che, visto lo sforamento del Patto, si sta chiudendo con calma in questi giorni. Il commissario straordinario al Comune Vittorio Zappalorto rinuncer cos al contenzioso che era in atto proprio sull'uso pubblico delle Procuratie, che la compagnia assicuratrice invece contestava. Il Comune manterr solo circa 800 metri quadri a uso pubblico su una superficie totale di circa 13 mila metri quadrati. In cambio la compagnia verser alcuni milioni di euro per la valorizzazione nel frattempo avvenuta dell'area immobiliare delle Procuratie. Un ottimo affare, evidentemente, per le Generali, che non avranno pi l'opposizione del Comune sull'uso dei prestigiosi spazi. Ma l'accordo dovrebbe prevedere che gli spazi "liberati" per le Generali non vengano per utilizzati dalla Compagnia a fini speculativi, ma per scopi culturali o accademici, come spazi di rappresentanza. In passato infatti le Generali avevano anche elaborato un progetto per la realizzazione di appartamenti di lusso, subito fermato. Il Comune di Venezia ritiene di dover ottenere, attraverso l'accordo, un beneficio pubblico consistente nella disponibilit, a titolo gratuito per 30 anni, degli spazi attualmente destinati ad occupare il Consiglio d'Europa, la Fondazione Ermitage Italia e la rappresentanza di altri importanti organismi internazionali quali l'Organizzazione mondiale della Sanit, nonch un consistente contributo economico da destinare al finanziamento di attivit culturali e sociali. Da parte di Generali si assicura che anche la fine dell'uso pubblico sulle Procuratie Nuove non dar luogo a operazioni speculative o stravolgenti da parte della compagnia, ma sar in linea con la straordinaria importanza di quegli spazi simbolici, che sono comunque sottoposti al vincolo del ministero dei Beni culturali. Il contenzioso con il Comune era nato perch la Compagnia rivendicava il diritto di utilizzare gli spazi di sua propriet, senza la limitazione del vincolo d'uso pubblico. (e.t.)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news