LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Procuratie Vecchie accordo in arrivo
03 febbraio 2015 LA NUOA VENEZIA



È in dirittura d'arrivo l'accordo tra il Comune e le Assicurazioni Generali per la rinuncia da parte dell'amministrazione all'uso pubblico delle Procuratie Vecchie, di proprietà della compagnia assicuratrice ma in questi anni sedi degli uffici giudiziari. Un accordo che doveva chiudersi entro la fine del 2014, per valere ai fini del Patto di Stabilità, con il relativo indennizzo a favore del Comune, ma che, visto lo sforamento del Patto, si sta chiudendo con calma in questi giorni. Il commissario straordinario al Comune Vittorio Zappalorto rinuncerà così al contenzioso che era in atto proprio sull'uso pubblico delle Procuratie, che la compagnia assicuratrice invece contestava. Il Comune manterrà solo circa 800 metri quadri a uso pubblico su una superficie totale di circa 13 mila metri quadrati. In cambio la compagnia verserà alcuni milioni di euro per la valorizzazione nel frattempo avvenuta dell'area immobiliare delle Procuratie. Un ottimo affare, evidentemente, per le Generali, che non avranno più l'opposizione del Comune sull'uso dei prestigiosi spazi. Ma l'accordo dovrebbe prevedere che gli spazi "liberati" per le Generali non vengano però utilizzati dalla Compagnia a fini speculativi, ma per scopi culturali o accademici, come spazi di rappresentanza. In passato infatti le Generali avevano anche elaborato un progetto per la realizzazione di appartamenti di lusso, subito fermato. Il Comune di Venezia ritiene di dover ottenere, attraverso l'accordo, un beneficio pubblico consistente nella disponibilità, a titolo gratuito per 30 anni, degli spazi attualmente destinati ad occupare il Consiglio d'Europa, la Fondazione Ermitage Italia e la rappresentanza di altri importanti organismi internazionali quali l'Organizzazione mondiale della Sanità, nonché un consistente contributo economico da destinare al finanziamento di attività culturali e sociali. Da parte di Generali si assicura che anche la fine dell'uso pubblico sulle Procuratie Nuove non darà luogo a operazioni speculative o stravolgenti da parte della compagnia, ma sarà in linea con la straordinaria importanza di quegli spazi simbolici, che sono comunque sottoposti al vincolo del ministero dei Beni culturali. Il contenzioso con il Comune era nato perché la Compagnia rivendicava il diritto di utilizzare gli spazi di sua proprietà, senza la limitazione del vincolo d'uso pubblico. (e.t.)



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news