LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA «Più che il porto, l'impatto è la foce armata»
04 febbraio 2015 il tirreno



«Non siamo contrari all'opera», ma «non diremo di sì a scatola chiusa». Filippo Nogarin, sindaco di Livorno, lo ha ripetuto due giorni fa a Pisa durante un'iniziativa del Movimento 5 Stelle: al centro del dibattito che sta coinvolgendo anche la città della Torre pendente c'è soprattutto la piattaforma Europa, colonna portante del nuovo Piano regolatore del porto di Livorno. In pratica il mega progetto che prevede l'ampliamento dello scalo a mare, accanto alla foce dello Scolmatore. Ciò che viene chiesto dai grillini pisani e da quelli livornesi è di approfondire le ricadute ambientali e gli effetti sul litorale pisano. Esistono già studi in questo senso? Mentre l'Authority e gli enti coinvolti disegnavano il porto di domani, hanno preso in considerazione le ricadute ambientali e sulla costa pisana? Con quali esiti? Claudia Casini è l'assegnista di ricerca dell'Università di Pisa che pochi giorni fa è stata chiamata a rispondere in commissione alle domande dei consiglieri delle forze politiche: la ricercatrice ha seguito la Vas, ovvero la Valutazione ambientale strategica del Prp. «Come previsto dalla normativa – chiarisce la ricercatrice – ci sono due Vas: quella del Prg del porto, che spetta all'Authority e alla Regione, e quella relativa alla variante anticipatrice al piano strutturale, che dipende tutta dal Comune». Veniamo al capitolo che riguarda Pisa. «A livello paesaggistico – riferisce la ricercatrice – è stato fatto uno studio dai ricercatori dell'Università di Firenze. Uno studio che ha preso in esame le strutture fisse del porto, i piazzali. È ovvio che poi ci sono anche le strutture mobili: container, navi, gru. La visibilità di questi elementi è stata valutata da due punti diversi della spiaggia del Calambrone». Risultato: «È emerso che prima ancora del porto di Livorno, l'opera più evidente dal litorale pisano sarà la foce armata dello Scolmatore». Progetto in capo alla Provincia di Pisa. Poi gli studi sull'erosione del litorale, rispetto ai quali anche i tecnici del Comune di Pisa hanno chiesto garanzie e spiegazioni. Anche questo è uno degli aspetti presi in esame da Modimar, la capofila nella progettazione del Prp. «Perché quando si costruisce un'opera marittima – sottolinea la ricercatrice – si rischia di alterare il trasporto solido che c'è lungo la costa. Succede spesso che ci siano degli effetti indesiderati, tanto che poi si fanno altre opere foranee a protezione, come a Marina di Pisa». Ma gli studi fatti sarebbero «rassicuranti rispetto all'erosione costiera» perché «la presenza delle secche della Meloria fa da paravento, da barriera naturale, impedendo che ci siano grosse modifiche nella dinamica costiera, al di là di singole mareggiate».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news