LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Il regno dei Giganti resta incustodito
di Claudio Zoccheddu
06 febbraio 2015 LA NUOVA SARDEGNA



Nella notte il sito archeologico di Cabras senza vigilanza e illuminazione. Dopo gli spot nessuno rimasto a sorvegliare. Facile preda per i tombaroli

INVIATO A CABRAS. Quando cala la notte, oltre alla luce scompare anche quel senso di grandezza che si avverte quando si guarda la collina dei giganti di pietra, la casa delle statue che raccontano il passato glorioso della Sardegna.

Limportanza dei tempi andati non si percepisce quando il buio avvolge le colline del Sinis e la casa dei guerrieri diventa una tavola nera su cui chiunque pu imprimere il suo segno. I controlli ci sono, bisogna dirlo, ma sono sporadici e comunque molto lontani da quello che ci si aspetterebbe per un sito che custodisce, ormai lo dicono anche gli esperti, il ritrovamento archeologico pi importante degli ultimi 50 anni.

Nella notte tra ieri e avantieri, quando vento, pioggia e grandine erano le uniche presenza iscritte allalbo dei visitatori del sito, lo scavo era deserto. E buio. Le condizioni ideali per un blitz dei temutissimi tombaroli con il vizietto del nuragico. Presenze ormai sbiadite, quelli veri battevano il Sinis e seminavano danni quando i giganti erano appena ritornati alla luce, che comunque avevano giustificato alcune misure tampone adottate dopo che due tombe erano state violate durante la fase di scavo. Probabile che si trattasse di principianti alla ricerca di un improbabile colpaccio pi che di un tombarolo esperto. Comunque, stato lo spunto per una gara di solidariet nata per proteggere il sonno dei giganti. Il primo a entrare in azione era stato Mauro Pili. Il deputato di Unidos aveva affittato due torri faro per illuminare il sito. La luce, per, era durata solo qualche giorno e poi era stata spenta. Subito dopo era partita la fuga in avanti di uno dei responsabili dello scavo, larcheologo Raimondo Zucca, che aveva pagato di tasca due notti di lavoro di una guardia giurata. Unidea rimasta in piedi anche nei giorni successivi, quando per la paga era arrivata dallUniversit di Sassari. Qualche tempo dopo, quando era tempo di Natale e di vacanze fuori porta, era stata la volta dei camper e delle roulottes di Nurnet, la fondazione di Antonello Gregorini che aveva assicurato la copertura fino alla notte del 6 gennaio. Poi, terminate le vacanze di Natale era terminato anche laccampamento di Nurnet.

Da allora pi nessuno ha presidiato Monte Prama, se non le parole di chi ha annunciato un allaccio elettrico (mai realizzato), un sistema di videosorveglianza (di cui si sono perse le tracce) e un impianto di telecamere termiche, promesso di recente ma ancora ipotetico.

Avantieri notte si sono affacciati i carabinieri della stazione di Cabras, circa venti minuti dopo la mezzanotte, ma il sito rimasto deserto per gran parte della notte.

Anche la recinzione, che in ogni caso copre solo uno dei quattro lati che racchiudono lo scavo, ha stupito i pochi che hanno avuto lidea di trascorrere una notte di tempesta a ridosso degli scavi. Una parte delle rete di plastica arancione, quella svolge il ruolo del cancello, stata abbattuta dal vento e lo scavo dava limpressione di essere aperto, oltre che abbandonato. Varcare la soglia, e avventurarsi verso larea di scavo, era un gioco talmente facile che non valeva nemmeno la pena di essere giocato.

Gli unici elementi di disturbo erano quelli forniti dalla natura. Efficaci, low-cost ma decisamente imprevedibili. Pioggia e vento hanno sferzato Monte Prama per tutta la notte mentre il freddo contribuiva a proteggere il sito consigliando una nottata davanti al caminetto piuttosto che nei pressi di un sito archeologico dallaspetto trasandato e poco rassicurante. Un sito che stato il teatro di tante parole ma di pochissimi fatti. I giganti sono ormai un simbolo della Sardegna e sembra quasi impossibili che quelle statue e quei modelli di nuraghe arrivino da un cantiere dove anche la luce di una lampadina elettrica sembra solo un sogno di una notte di mezzo inverno.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Tags

archeologia
scavi
sicurezza
giganti

Invia per email
Stampa
06 febbraio 2015



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news