LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, la beffa dello studio anti-crolli da 90mila euro
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno 7/2/2015

Ieri altri due cedimenti a Pompei. Stavolta giù due stucchi non affrescati nella Casa del Centenario. Ma intanto spuntano particolari sul crollo che mercoledì ha interessato la Casa di Severus. L’area era stata oggetto, a giugno 2014 di un cantiere di studio sul rischio idrogeologico. Progetto costato quasi novantamila euro (nell’immagine il cartello legale dell’appalto ) e che fa parte del Grande progetto. Inoltre nelle foto della zona prima del crollo già si vedono crepe nel muro di contenimento.
NAPOLI Piove e Pompei crolla. Un film già visto ma che si pensava potesse essere archiviato nelle cineteche dopo lo stanziamento dei 105 milioni per il Grande progetto. E in effetti gli interventi, in parte, ci sono stati ma i risultati sono quelli che vediamo. Così ieri, ad appena due giorni dal crollo della Casa di Severus, la Soprintendenza ha annunciato altri due cedimenti, stavolta nella Domus del Centenario. «Si sono verificati - è scritto nella nota - due distacchi di porzioni di intonaco nella Casa del Centenario di Pompei (R. IX, ins. 8, n. 6). Il primo riguarda una porzione di circa 20 per 20 cm di intonaco che originariamente era di colore rosso, ora quasi del tutto svanito, all’ingresso della domus, mentre il secondo distacco riguarda due piccole porzioni di 10 per 10 cm di intonaco grezzo in cocciopesto in un corridoio di servizio. I frammenti di intonaco sono stati recuperati in attesa del loro restauro». Poi nella nota si spiega che «La Casa del Centenario è chiusa al pubblico ed è inserita nel progetto di messa in sicurezza della Regio IX del Grande Progetto Pompei, la cui gara è in fase di aggiudicazione».
Invece per il crollo scoperto mercoledì scorso, il muro roccioso della Regio VIII, la Soprintendenza spiegava, molto genericamente, che l’area faceva parte dei lavori del grande progetto Pompei.
Proviamo ad essere più precisi: l’area era stata sottoposta a «indagini geognostiche e studi per la mitigazione del rischio idrogeologico». E sul cartello «legale» dell’apertura del cantiere campeggia proprio una foto dove si vedono i contrafforti su cui sorge la domus di Severus. Ironia della sorte o qualcosa di più? I lavori sono iniziati nel giugno 2014 e sono costati quasi novantamila euro. E’ il caso di rispolverare il detto napoletano «mentre il medico studia il malato muore». Possibile che chi ha «studiato» la zona per quella modica cifra non avesse notato cedimenti nel terreno e non avesse proposto interventi urgenti? Se si guarda la foto che pubblichiamo in basso a sinistra e che ritrae l’area al momento dello «studio» da novantamila euro, si possono notare a occhio nudo dei cedimenti nei contrafforti delimitati dal cerchio rosso. E guarda caso è la stessa zona che è crollata. Mentre si studiava, forse era troppo chiedere delle puntellature magari in legno? Sicuramente sarebbero costate una parte infinitesimale dei 105 milioni. E anche molto meno dei novantamila euro spesi per gli studiosi. Una realtà, questa, nota a tutti quelli che conoscono bene i fatti di Pompei. Subito dopo il cedimento Antonio Irlando, presidente dell’Osservatorio Patrimonio culturale, aveva twittato: «Oggi a #Pompei un ampio #crollo annunciato di un muro in bilico!...nonostante le recenti “indagini e studi” dai 105 ml del #GrandeProgetto!». Perché? «Perché - spiega - quella zona è stata oggetto di analisi idrogeologiche per prevenire i crolli. Ma bastava alzare gli occhi e notare le crepe visibili a occhio nudo nella parete. L’intervento di un muratore con qualche buon puntello avrebbe almeno evitato il crollo in attesa del restauro».
E la Casa di Severus (regio VIII, insula 2, civico 30) che sorge lungo il costone roccioso meridionale, come scritto dalla Soprintendenza, «è già parte del programma di messa in sicurezza della Regio VIII previsto dal Grande Progetto Pompei».
Per quanto riguarda invece la Casa del Centenario poteva andare molto peggio. La Domus che al momento è chiusa al pubblico deve il suo nome al fatto di essere stata scoperta nel 1879, anno in cui si celebrava appunto il centesimo anno di scavo a Pompei da parte delle autorità borboniche.
La casa risale al II secolo a. C. e sarebbe stata più volte restaurata e affrescata fino all’eruzione del 79 d. C. Gli ambienti interni sono raccolti in tre nuclei principali. Ognuno ricco di affreschi e di intonaci decorati. Le parti crollate ieri, secondo il comunicato della Soprintendenza, non hanno un eccezionale valore artistico. La fortuna del caso.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news