LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Rotary: Il Castello sia restituito alla citt
IL MESSAGGERO VENETO 07 febbraio 2015



Una realt storica avulsa dalla citt, un patrimonio da riscoprire e riconquistare: il Castello di Pordenone, da fine Ottocento adibito a carcere e per questo elemento separato dal contesto urbano. E' in vista del trasferimento del penitenziario e dell'apertura del castello ai pordenonesi che stato istituito il service del Rotary club di Pordenone, che l'altra sera ha relazionato sul progetto attraverso i contributi dello storico e ricercatore Antonio Petiziol e dell'archeologo Luca Villa.

Il Rotary da alcuni anni sta cercando di accendere i fari sul castello ha commentato Gianluigi Nicolosi, componente della commissione . Per i pordenonesi resta un carcere invece importante che venga restituito alla citt, prima di tutto come conoscenza. L'iter non semplice: Un service da maratoneti, che si corre nella lunga distanza stato il commento di Nicolosi. Anzitutto, per restituire il castello alla citt deve andare avanti il trasferimento del carcere, poi necessario farlo entrare nel patrimonio comunale e successivamente inserirlo in un circuito culturale e museale. Innumerevoli le idee su questo fronte: il castello potrebbe ospitare eventi di spicco quali pordenonelegge oppure le Giornate del cinema muto, solo per citarne un paio. Inoltre, impreziosirebbe piazza della Motta completando il suo aspetto storico con il convento, l'ex biblioteca, la casa di riposo e, poco pi distante, il duomo con il campanile. Dagli studi condotti dallo storico Petiziol, emerso come il castello sia stato per secoli simbolo della contrapposizione tra potere locale e il dominio dei conquistatori, che trovavano nel maniero la loro dimora: prima con la dominazione asburgica, poi con quella veneziana, le "lotte" di potere hanno avuto come palcoscenico proprio il castello. Da un punto di vista archeologico, Villa ha effettuato alcuni sondaggi sulla struttura. Le potenzialit di ricerca sarebbero notevoli, ma per ovvi motivi non tuttora possibile indagare adeguatamente ha affermato quello che abbiamo potuto fare stato reso possibile dalla disponibilit del direttore Quagliotto. Poco, ma comunque di interesse: il Castello era gi stato edificato nel Tredicesimo secolo e dal catasto napoleonico si evince che nell'Ottocento le mura non erano chiuse ma permettevano l'accesso attraverso una porta, poi chiusa a fine secolo quando diventato carcere. Sono state cinque le fasi costruttive. In attesa di poter aprire il castello al pubblico ha suggerito Villa sarebbe interessante organizzare una mostra sul tema. Laura Venerus




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news