LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - Passaggi segreti svelati dagli scavi
Michela Corridore
09 febbraio 2015 IL CENTRO


Locali sotterranei mettevano in collegamento l'ex ospedale e convento della Beata Antonia con Palazzo Gaglioffi attraverso l'omonima via. Ambienti ipogei sono stati trovati anche nella zona compresa tra via Rustici e via San Pietro a Coppito, oltre che sotto al complesso dei Salesiani. I lavori di ricostruzione del post-sisma stanno portando alla luce una citt sotterranea di cui nessuno poteva avere contezza fino al 2009. Sotto alle strade aquilane c' un mondo non solo archeologico, dice la soprintendente ai beni architettonici Alessandra Vittorini. Si tratta di tracce di una vita che prevedeva realt diverse dalle attuali. BEATA ANTONIA. Sapevamo dell'esistenza di locali sotterranei in questa zona, a seguito dei restauri del complesso risalente agli anni '70, spiega l'architetto Corrado Marsili, della Soprintendenza. I danni dovuti al sisma hanno messo in evidenza il passaggio di collegamento con il convento della Beata Antonia. Ci sono veri e propri ambienti ipogei: locali che dovevano essere espansioni del palazzo e che potevano essere utilizzati come cantine, ma anche come camminamenti di collegamento tra un'ala e l'altra di un grande palazzo. Anche la struttura della Beata Antonia, infatti, era propriet della famiglia Gaglioffi, che disponeva, dunque, di un edificio che doveva estendersi da piazza San Biagio fino alla fine di via Sassa. Le strutture erano collegate ancor prima della fondazione del convento, risalente al 1349 per volont testamentaria di Giacomo Gaglioffi. La famiglia, infatti, in quel periodo ha donato la parte terminale della propriet, continua Marsili. Anticamente i due palazzi dovevano essere parti di uno solo. SAN PIETRO. Altri locali sotterranei, invece, sono stati trovati nella zona di San Pietro. Si articolano in cunicoli, all'apparenza naturali (di probabile origine carsica) interessati per da opere murarie. Sull'origine abbiamo dei dubbi, spiega l'architetto Gianfranco D'Al, della Soprintendenza. Infatti, oltre a quella carsica, ipotizzabile anche una natura antropica: le cavit potrebbero essere state realizzate dall'uomo per ottenere, a basso costo, materiale da costruzione, come breccia e pietre, o come cantine. L'aneddotica raccolta parla anche di usi legati a necessit difensive o a collegamenti segreti. Non possiamo dimenticare, a tal proposito, che la chiesa, nel 1254, all'entrata degli aquilani nella citt nuova, o meglio alla sua inaugurazione ufficiale, dovette poter funzionare sia per il culto sia per altro, essendo uno dei pochi edifici pubblici gi praticabili, come ci riferiscono insigni studiosi quali Antonini, Muratori ed Equizi, continua D'Al. Gli ambienti ipogei hanno notevolissimi manufatti: sia per dimensioni che per qualit delle lavorazioni presenti. Si tratta di arconi strutturali in pietra locale concia. Colpisce la fine lavorazione di questi manufatti, per essere collocata in locali non esposti al pubblico e sotterranei. I singoli conci che compongono gli archi e i piedritti presentano aree o campi lavorati a bocciarda delimitati, agli spigoli, da nastrini perfettamente lisciati. Queste lavorazioni caratterizzano nella zona le architetture altomedievali. I cunicoli si diramano e si articolano in modo da collegare diverse unit abitative tra loro e, a giudicare da bracci attualmente murati orientati verso la chiesa di San Pietro, dovevano poter mettere in collegamento questa alla zona residenziale o, comunque, a zone pi periferiche del quartiere che, all'epoca, si trovavano a ridosso del giro delle prime mura urbiche. SALESIANI. Nel quarto di San Pietro sono stati rinvenuti altri ambienti ipogei dei quali i pi notevoli sono sui siti attualmente occupati dai Salesiani. Il primo a essere stato scoperto si trova dov'era il campo da basket all'aperto pavimentato in cemento ed posto a una quota di molto pi in basso del viale Don Bosco, continua D'Al. Ancora al di sotto, nel corso degli scavi necessari a realizzare le fondazioni della costruzione che oggi occupa lo spazio dell'ex campo di basket, sono state rinvenute caverne e passaggi con all'interno portali a tutto sesto in mattoni e pietra. Erano, inoltre, ben visibili opere in calce che testimoniano un'assidua frequentazione dei luoghi e la necessit di servirsene. Da testimonianze raccolte, le grotte sarebbero state utilizzate per il ricovero degli armenti e delle attrezzature necessarie per le greggi. Il secondo ritrovamento nel sito attualmente occupato dagli edifici dei Salesiani riguarda una probabile cisterna realizzata in mattoni a coltello e malta di calce. Nonostante il secolare abbandono e il fatto che essa sia stata sfondata per realizzare la fondazione delle strutture murarie sovrastanti, conclude l'architetto, la cisterna appare integra e sembrerebbe ancora in grado di assolvere alle funzioni per cui fu realizzata.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news