LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MODENA - Cultura, la città merita il "polo dell'immagine"
di MARCO PIERINI *
06 febbraio 2015 la gazzetta di Modena



Per quello che si apprende dalla stampa, nel "piano regolatore della cultura" presentato dal sindaco e dall'assessore Cavazza il 22 gennaio non vi sono molte indicazioni sul futuro dei musei cittadini, a parte la volontà di procedere verso una loro maggiore integrazione.

Credo sia tuttavia opportuno che la città provi a interrogarsi, partendo da questo pur piccolo elemento, sulla possibilità di riconsiderare il proprio sistema museale e – soprattutto – di capire se un'ipotesi di costituire una sorta di "polo del contemporaneo" abbia qualche fondatezza e possa fornire adeguate soluzioni alle sfide e alle difficoltà alle quali i musei sono chiamati a rispondere in questo faticoso e complesso momento storico.

La riflessione non può che partire dalla Galleria civica, sia perché si tratta di un istituto comunale, sia per la longevità del museo, che ormai ha abbondantemente superato il mezzo secolo di vita. E dispiace, va detto subito con franchezza, che sia stata annunciata la vacanza della direzione per tutto l'anno in corso.

È vero, infatti, che il programma da me definito per il 2015 – pur con gli adattamenti e i rinvii causati dalla temporanea perdita della Palazzina Vigarani – sarà attuato (ma non sarò certo io – come ha sostenuto in un'intervista dei giorni scorsi l'assessore Cavazza – a curare le mostre, con l'eccezione di quelle che inaugurano sabato prossimo, già pronte al momento delle mie dimissioni), tuttavia la progettazione delle attività non esaurisce il compito del direttore. Anzi, proprio quelle fasi di transizione che potrebbero preludere a cambiamenti sostanziali andrebbero governate assieme dalla politica e dai tecnici, la cui competenza e la cui esperienza dovrebbero essere prese in considerazione da chi è tenuto a operare scelte tanto delicate su argomenti così specifici. In vista della maggiore integrazione auspicata il principale ‘interlocutore' della Galleria non può che essere individuato nell'altro istituto cittadino che si occupa dell'immagine contemporanea, ovvero la Fondazione Fotografia.

Entrambi posseggono un'importante raccolta fotografica (la Galleria anche una prestigiosa collezione del disegno italiano del Novecento), frutto di acquisti, donazioni, comodati e organizzano con regolarità esposizioni temporanee; la Galleria, ovviamente, opera su un più vasto ambito di interessi – che abbraccia tutta l'arte contemporanea e non soltanto la fotografia – la Fondazione, dal proprio canto, ha di recente avviato un'attività formativa molto qualificata e specializzata. Se l'autonomia delle due realtà (così come la diversa proprietà del loro patrimonio) è un obiettivo primario da salvaguardare, allo stesso tempo una maggiore interazione in termini di comunicazione e promozione delle attività e di gestione delle raccolte fotografiche in modo da esplicitare che si tratta, alla fine, di un'unica collezione pubblica, una sorta di "collezione della città", parrebbe cosa estremamente salutare.

Per non parlare poi dell'opportunità straordinaria che si offrirebbe a entrambi se potessero condividere un medesimo tetto, ad esempio dando luogo – magari assieme al Museo della Figurina – a un polo dell'immagine contemporanea in Sant'Agostino (il cui progetto attuale si mostra invece, agli occhi di molti, disomogeneo e incoerente). Si potrebbe anche cominciare a ragionare, con la dovuta prudenza, di una possibile forma comune di amministrazione, soprattutto tenuto conto che la gestione diretta della Galleria civica da parte del Comune è resa sempre più complicata e farraginosa dalle norme restrittive che gli ultimi governi hanno imposto agli enti locali e che lo stesso Codice dei Beni Culturali limita l'utilizzo della gestione diretta a musei di "modeste dimensioni". Si tenga sempre ben presente, però, che forma giuridica e modalità di gestione di un museo non rappresentano, di per sé, la soluzione a ogni problema ma sono soltanto gli strumenti attraverso i quali si dà attuazione a un progetto culturale e lo si mantiene efficacemente operativo. Quando il progetto c'è, naturalmente.

*Marco Pierini ex direttore Galleria civica di Modena



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news