LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Acate, svuotato il castello L'erede si riprende i mobili
LA SICILIA Mercoled 11 Febbraio 2015 RG Provincia


Raffo: Li avevamo in comodato d'uso. Aspettavamo un finanziamento della Regione che non mai arrivato. Ma non disperiamo



Acate. L'erede dei principi di Biscari si ripreso i mobili che il Comune di Acate aveva, in comodato d'uso gratuito, e che da tempo giacevano in attesa di restauro. Finisce cos una parte della favola del castello di Acate, il sogno di quanti speravano di vederlo arredato. L'11 novembre 2011 la consegna da parte dell'erede del casato Patern Castello, ieri la riconsegna al proprietario. La conferma arriva dal sindaco, Franco Raffo: "E' vero, li ha ripresi dato che gli accordi non sono andati come dovevano. Ho scoperto da poco, infatti, che c'era una richiesta di finanziamento alla Regione per l'acquisto. Sarei dovuto andare ieri a Palermo all'assessorato ma la neve mi ha fermato. Il principe ha ripreso gli arredi ma mi ha promesso che ci aspetter e se la Regione dovesse finanziarci allora lui ce li ridarebbe. E, poi, abbiamo scoperto, mentre li tiravamo fuori, che dietro c'erano le opere di Cilio. Ho incaricato il direttore artistico per la valorizzazione del castello, Pietro Mezzasalma, di creare un museo, cos tutti potranno ammirarle".
La vicenda aveva avuto inizio nella primavera del 2011, racconta Emanuele Caggia, ex assessore alla Cultura della Giunta Caruso: "Il principe di Biscari ci aveva prospettato la possibilit di riscattare i mobili, di altissimo valore storico. Ci eravamo attivati, nell'ottica di rivalutare il castello, per accedere ad un particolare fondo della Regione per acquistare e restaurare gli stessi. In tale ottica, avevamo fatto formale richiesta alla SOpRINTENDENZA per procedere a tutti gli adempimenti del caso. L'idea originaria era quella di rendere pi fruibile il castello, proprio per questo lo avevamo anche inserito nel circuito online dei castelli d'Italia, dove tutt'ora presente anche se, purtroppo l'interruzione della mia esperienza amministrativa non ha permesso l'implementazione di altri dati, opera che potrebbe essere proseguita dall'amministrazione attuale. Ritenevo allora, e continuo ad avere la stessa opinione, che il maniero debba costituire il volano del rilancio di Acate. Certo, dispiace che gli arredi non siano pi al castello. Dopo la fine della mia esperienza amministrativa ho sempre richiamato l'attenzione degli amministratori che si sono susseguiti sui mobili presenti nel maniero ma, evidentemente, il percorso si interrotto".
Sulla vicenda interviene anche il movimento 5 stelle di Acate che con un comunicato sarcastico afferma: "Che te ne fai di un castello quando hai una discoteca? " Il riferimento alle recenti feste realizzate nel contesto del maniero. I 5 stelle avanzano una serie di interrogativi sul perch di quanto accaduto ieri e preannunziano che il sindaco " dovr dare conto al prossimo consiglio comunale".


11/02/2015



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news