LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vietato ridurre il consumo di suolo
di Andrea Montanari
La Repubblica Milano, 14 febbraio 2015



Vuoi per la fretta di approvare una legge sostanzialmente improvvisata, vuoi per le pressioni delle lobbies, in Lombardia si quantomeno combinato un pasticcio.
La nuova legge regionale sul consumo del suolo impedisce ai sindaci che lo desiderano di approvare delle varianti al Pgt che riducano limpatto sul territorio. Ci hanno gi provato Bergamo, Brescia e Cremona. leffetto paradossale delle nuove norme che prevedono che per tre anni i progetti in essere potranno essere confermati o meno da sindaci e operatori. Il Pd lombardo denuncia: unassurdit. Lo avevamo detto che questa legge era un pasticcio. Presenteremo una mozione urgente marted in aula. Lassessore regionale allUrbanistica e Territorio getta acqua sul fuoco: Non vero. La circolare interpretativa che arriver nelle prossime settimane chiarir tutto.

La legge contro il consumo del suolo, fortemente voluta dal governatore Roberto Maroni, impedisce di fatto ai comuni che lo desiderano di approvare varianti ai loro Pgt che prevedano una riduzione dellimpatto sul territorio. A fare lamara scoperta finora sono state le amministrazioni di Crema, Brescia e Bergamo, tutte guidate dal centrosinistra, che hanno chiesto ai tecnici della Regione uninterpretazione della legge: vogliono sapere se era possibile approvare una variante al Pgt per ridurre i cosiddetti residui, ovvero le aree non ancora lottizzate. Un dettaglio tuttaltro che irrilevante, visto che lultimo rapporto sul consumo del suolo redatto dalla societ di ricerca regionale Eupolis rivela che le previsioni di trasformazione del Pgt lombardi gi approvati comporteranno un ulteriore consumo di suolo attualmente libero pari a 53mila ettari, pi altri 22mila relativi ai residui.

La denuncia del consigliere regionale del Pd Jacopo Scandella che attacca: Lo avevamo detto che la legge era un pasticcio e adesso i fatti ci danno ragione. Se un comune non pu approvare una variante al proprio Pgt per ridurre il consumo di suolo da subito perch la Regione permette di farlo solo tra quale anno significa che il provvedimento sbagliato e inadeguato. unassurdit. Presenteremo una mozione urgente marted in aula. Il dubbio nasce dallinterpretazione del quarto comma dellarticolo 3 della nuova legge regionale, che stabilisce che i comuni possono approvare unicamente varianti al Pgt e ai piani attuativi al Pgt, che non comportino nuovo consumo di suolo, diretti alla riorganizzazione delle previsioni di trasformazioni gi vigenti. In altre parole, a pari previsioni. Un effetto paradossale, dato che le nuove norme dovevano avere lo scopo di combattere il consumo del suolo, non di impedirne la riduzione. La nuova legge prevede infatti che i documenti di piano dei Pgt, compresi quelli gi scaduti prima dellentrata in vigore della legge, devono considerarsi cristallizzati. Almeno per i prossimi 30 mesi, il periodo transitorio entro il quale comuni e operatori del settore dovranno confermare o meno i progetti in essere.

Alcuni comuni capoluogo hanno chiesto nei giorni scorsi uninterpretazione agli uffici dellassessorato. Anche diversi comuni del bergamasco avrebbero chiesto spiegazioni al dirigente dellassessorato regionale al Territorio e allUrbanistica durante la tappa del tour a Bergamo per illustrare i contenuti delle nuove norme. Lassessore regionale Viviana Beccalossi nega tutto: Nelle prossime settimane emaneremo una circolare applicativa che chiarir tutto. Si tratta di una legge molto complessa. Fino ad ora non stata presa alcuna decisione. Il direttore generale dellassessorato regionale al Territorio e allUrbanistica Paolo Boccolo ammette che il passaggio della legge controverso e che la circolare applicativa servir per chiarire in modo inoppugnabile se i comuni potranno o non potranno approvare varianti per ridurre i residui. Per chiarirlo, sar decisivo stabilire nella circolare se tra le previsioni di trasformazioni gi vigenti potranno essere aggiunte anche quelle che prevedano una riduzione dellentit e non il rispetto del vincolo delle pari previsioni. Fino a quel momento, per, il dubbio e leffetto paradossale rimarranno.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news